Vuelta, le sensazioni di Fabio Aru a pochi giorni dal via

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu

Fabio AruFabio Aru dopo la partecipazione al Tour de France, dove ha ben figurato portando a casa un 5° posto, è pronto a tornare in sella alla sua bicicletta per affrontare una nuova grande manifestazione ciclistica. L’occasione per il corridore sardo è proprio la Vuelta di Spagna, corsa ciclistica a tappe che prenderà il via il prossimo 19 agosto. Per Aru questa è stata una stagione altalenante, iniziata con qualche problema di salute e un successivo infortunio al ginocchio che l’ha costretto a rinunciare al Giro d’Italia, sostituito poi con la partecipazione al Tour de France, conclusosi lo scorso Luglio. Anche nella corsa a tappe francese, Fabio ha accusato nella terza settimana dei piccoli problemi di salute, come la bronchite, che hanno influito sulla prestazione del corridore.
Ma ora è tempo di pensare alla Vuelta, manifestazione che il nostro azzurro è riuscito a portare a casa nel 2015.

Fabio Aru: “Ora sono pronto”

Fabio Aru è pronto per affrontare una nuova corsa ciclistica, questa volta in terra spagnola. Infatti, il corridore sardo si appresterà a correre la Vuelta di Spagna. Qui, si sfiderà con altri importanti corridori come Chris Froome, Contador, Bardet, ma soprattutto il connazionale e amico Vincenzo Nibali. Sarà questa l’occasione giusta per vedere per la prima volta da avversari gli ex compagni di squadra in Astana Vincenzo Nibali e Fabio Aru. Una sfida attesa già nell’edizione numero 100 del Giro d’Italia, ma rimandata a causa dell’assenza del corridore sardo.
Lo stesso Aru in questi giorni di preparazione verso la Vuelta ha voluto esprimere le sue sensazioni al riguardo. Alla Gazzetta dello Sport ha dichiarato: “Avevo bisogno di tranquillità. Per me è la prima volta in carriera che affronto un programma con Tour e Vuelta. Di conseguenza mi trovo di fronte anche a una preparazione completamente diversa. Dopo il Tour non hai bisogno di grandissima quantità di lavoro, seppure la distanza due o tre volte la settimana devi farla. Non sarà per nulla semplice. La Vuelta sarà esigente dall’inizio, basti considerare che al terzo giorno c’è già un tappone, però so che potrò contare su una squadra molto forte”.

Fabio Aru ha avuto il tempo in questo periodo, anche per una settimana di pausa. Al riguardo ha affermato: “Una settimana di riposo era necessaria. Intendo riposo dalla bici però, perché stando via tanto tempo quando torno a casa ho mille cose da fare: bollette da pagare, banca… Quando si parla di banca meglio guardare con i proprio occhi e con attenzione. Non ho messo peso. Sono stato attento. Devo stare solamente attento a variare un po’ l’alimentazione e non mangiare sempre le stesse cose, altrimenti mi danno fastidio“.
Non resta quindi che attendere il via il prossimo 19 agosto per vedere se Fabio Aru riuscirà a portare a casa nuovamente la Vuelta di Spagna. Una cosa è certa, anche questa manifestazione ciclistica regalerà a tutti i tifosi e appassionati di ciclismo grandi emozioni. Ricordiamo che la Vuelta prenderà il via  il prossimo 19 agosto e terminerà il 10 settembre con l’arrivo a Madrid e la premiazione dei vincitori.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •