Astana, Martinelli scende dall’ammiraglia e parla dell’addio di Fabio Aru

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui


Giuseppe Martinelli
, ds Astana ha deciso di scendere dall’ammiraglia del team kazako, per ricoprire altre funzioni all’interno della squadra. Martinelli è stato oggetto di critica da parte della stampa durante questa stagione ciclistica, visto il mancato sostegno a Fabio Aru, da parte della squadra stessa in occasione di alcuni problemi durante diverse tappe del Tour de France. Al riguardo il ds italiano si è espresso attraverso un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport: “Le critiche ingiuste ricevute all’ultimo Tour mi hanno fatto male, mi sono rimaste dentro. Resto con la tessera da direttore sportivo, figurerò nell’organico Astana come tale, ma di fatto scendo dall’ammiraglia. Voglio staccare, prendermi il mio tempo, lavorare diversamente. Stare con me stesso, non avere l’assillo dei risultati, non essere sempre in prima fila. Voglio guardare le cose da un’altra prospettiva. Potrei ancora fare qualche corsa ogni tanto, ma in realtà lavorerò quasi esclusivamente dietro le quinte. Logistica. Programmi. Consigli. Mi immagino come un jolly, non farò più quello che ho fatto finora”.

Martinelli parla dell’addio di Fabio Aru

Martinelli si è espresso anche sul recente addio di Fabio Aru che ha scelto di legarsi contrattualmente con il team UAE Emirates. “Avevamo un rapporto vero, eppure è stata una scelta totalmente sua. Giuro, non ci sono mai entrato e lui non ha mai spartito con me niente, mai chiesto se facesse bene o male. Niente. Neppure con gli altri. Ma vorrei chiarire che non mi sento né tradito né deluso. Non lo sento da un mesetto, però non ci sono problemi. Se ci sarà da abbracciarsi, lo faremo tranquillamente. Credo che sia stata una scelta di vita, ma anche il fattore economico deve essere stato importante. Molto importante. Aru era passato pro’ con l’Astana, Vinokourov lo considerava una nostra creatura, pensava che potesse diventare una bandiera”, ha dichiarato Martinelli.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: