Nibali pronto per l’inizio della nuova avventura. Le parole speciali di Fabio Aru per Vincenzo

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui


Ormai ci siamo, mancano pochi giorni e Vincenzo Nibali inizierà la sua nuova avventura targata 2018. L’esordio dello Squalo dello Stretto avrà luogo infatti, il prossimo 21 gennaio alla Vuelta di San Juan, in Argentina. La manifestazione ciclistica durerà fino al 28 gennaio. In questa breve corsa a tappe, Nibali punta ad una vittoria di tappa, in quanto come ben noto l’obiettivo principale di questa stagione è rappresentato dal Tour de France e dai Mondiali di Innsbruck che si correranno dopo la Vuelta di Spagna.
A supportare il capitano della Bahrain Merida ci saranno: “Niccolò Bonifazio, Ivan José Garcia Cortina, Antonio Nibali, Mark Padun e Kanstantin Siutsou.
Come riportato da Repubblica.it, Nibali affronta la nuova stagione archiviando un ottimo 2017: “Sono felice, salire sul podio di due grandi giri e vincere il Lombardia non è facile; è stata una buona stagione”. Infatti, il messinese ha conquistato il terzo gradino del podio nel Giro d’Italia edizione 100, ha trionfato nel Giro di Lombardia e ha conquistato il secondo posto alla Vuelta di Spagna. In quest’ultimo caso però, per il corridore potrebbe arrivare anche la vittoria a tavolino, qualora dovesse essere confermata la positività di Chris Froome. Il britannico infatti è risultato positivo al salbutamolo in un controllo antidoping effettuato lo scorso mese di settembre, mentre si correva proprio la Vuelta di Spagna, manifestazione che ha visto il trionfo dello stesso Froome.

Nibali, le parole di Fabio Aru per il corridore

Vincenzo Nibali e Fabio Aru hanno avuto il piacere di correre insieme nel team Astana. Ora che già da una stagione le loro strade si sono divise, non è mai cambiato il sentimento di amicizia che li lega. Al riguardo, Aru ha voluto esprimere alla Gazzetta dello Sport, parole speciali sul loro rapporto: “Vincenzo mi è servito tanto nella mia crescita ed è un campione. Ho imparato molto da lui. Abbiamo un’età diversa e lui ha già dimostrato tantissimo e ha vinto molte corse. Non mi posso paragonare al suo livello però è un punto di riferimento e chiunque vorrebbe arrivare ai suoi livelli”. Anche il corridore, fresco di passaggio al team UAE Emirates, si sta preparando per il suo esordio, che avverrà nel mese di febbraio, all’Abu Dhabi Tour e si è così espresso sui suoi prossimi obiettivi: “La Liegi-Bastogne-Liegi è una corsa abbastanza dura e potrebbe rientrare nei miei programmi e quindi penso a puntare e a cercare di fare bene nelle corse a cui partecipo. La Tirreno è nel mio programma. Spero di vincere la Tirreno. Tra Giro e Mondiale? Entrambi e punto a vedere la maglia della nazionale in cima al podio”. Non resta quindi che attendere ancora qualche settimana per vedere i corridori all’opera coi loro primi appuntamenti in questa nuova stagione ciclistica targata 2018. Vincenzo e Fabio, non si incontreranno al Giro e probabilmente nemmeno al Tour, ma potranno confrontarsi molto probabilmente alla prossima Vuelta di Spagna, che servirà come preparazione ai mondiali di Innsbruck in programma il prossimo autunno, consueto appuntamento finale per concludere una stagione molto dispendiosa per tutti i big delle due ruote.

  •   
  •  
  •  
  •