Nasce il Giro E, il primo Giro d’Italia con bici elettriche

Pubblicato il autore: Andrea Biagini Segui


Quando a fine novembre dello scorso anno Fausto Pinarello presentava la Nytro Pinarello, la prima bici elettrica su strada di sempre, molti avevano storto il naso per quel ciclismo eroico che piano piano stava scomparendo, soppiantato da uno sviluppo costante della tecnologia volto a ridurre la fatica per poter così inglobare a sé sempre più persone, che magari fino ad allora erano state costrette a rinunciare al piacere di una pedalata a causa di problemi fisici, come ammesso dallo stesso Fausto Pinarello:“I migliori panorami e la più grande passione dei ciclisti sono le montagne. Più sali e più è bello. Ma la salita è anche il maggiore ostacolo per molte persone. Così, a godere delle situazioni migliori, è solo la punta dell’iceberg di tutto il movimento turistico-amatoriale. Una bici di questo tipo, invece, è il miglior aiuto per chi, a causa di vari problemi (peso, età, poco tempo per allenarsi…) vuole godere completamente il ciclismo”.

Tuttavia, in pochi avrebbero pensato che a distanza di soli cinque mesi si sarebbe arrivati ad un annuncio simile, di quelli che forse sembrano più essere una bufala o un “commento memorabile” piuttosto che ad una notizia di cronaca vera: cogliendo al balzo l’occasione offerta dalla Formula E Roma di oggi, infatti, gli organizzatori della Corsa Rosa in collaborazione con Enel, Pinarello e TAG Heuer hanno presentato il Giro E, primo Giro d’Italia corso su bici da strada elettriche e progettate proprio dall’azienda trevigiana.

potrebbe interessarti ancheGiro d’Italia 2019, dove seguire la presentazione e le anticipazioni sul percorso

Presenti all’evento, avvenuto proprio nella Capitale, due testimonial d’eccezione quali Giancarlo Fischella, ex pilota di Formula 1 che attualmente corre nel Campionato del Mondo Endurance, e Gianni Moscon, corridore del Team Sky: i due si sono resi protagonisti di una sfida lungo le strade del circuito cittadino dell’Eur, sede del gran premio di Formula E, rispettivamente a bordo di una monoposto elettrica e della e-road bike Nytro Pinarello, che come detto verrà utilizzata dai partecipanti del Giro E in corsa.

La data di inizio del Giro E è quindi stata fissata a martedì 8 maggio da Catania, quando la carovana rosa riprenderà a correre sulle strade italiana dopo la Grande Partenza in Israele, seguendo poi le restanti diciassette tappa del Giro d’Italia 2018 fino alla conclusione di Roma, con l’arrivo posto ai Fori Imperiali davanti al Colosseo: in totale saranno dunque 18 tappe, a cui prenderanno parte cinque squadre composte da due corridori ciascuna, che partiranno a poche ore di distanza dai professionisti impegnati in gara nella Corsa Rosa.

potrebbe interessarti ancheGrande Partenza Giro d’Italia 2019, presentate le prime tappe in Emilia Romagna

Nytro Pinarello, la prima bici elettrica su strada

Sorella della ben più nota Dogma, per intenderci la bici utilizzata dal Team Sky negli ultimi anni, la Nytro Pinarello presenta dunque le stesse geometrie del prototipo “normale”, dalla quale differisce ovviamente per la presenza di un motore Fazua Evation sempre più presente sulle bici elettriche: pesante soli 4.7 kg, il Fazua è stato progettato per potersi integrare ottimamente nel tubo obliquo e offrendo fino a 400 W di potenza massima (potenza nominale di 250 W, autonomia di 50 km), con il vantaggio di poter rimuovere facilmente la batteria all’interno così da poter utilizzare la bici senza alcun aiuto.

notizie sul temaGiro d’Italia 2019: le indiscrezioni sul possibile percorso della prossima Corsa RosaThibaut Pinot, il francese finisce in ospedale e si ritira dal Giro d’ItaliaGiro, Fabio Aru spiega il suo ritiro dalla corsa rosa. Le ipotesi sul futuro
  •   
  •  
  •  
  •