Liegi-Bastogne-Liegi,le dichiarazioni del corridori al termine della corsa

Pubblicato il autore: Matty Dalmi Segui
Dopo due podi, terzo all’Amstel Gold Race e secondo alla Freccia, Jakob Fuglsang si aggiudica la 105esima edizione della Liegi-Bastogne-Liegi. Il danese della Astana ha attaccato sulla Roche-aux-Faucons, staccando poi Davide Formolo (BORA-Hansgrohe) e Michael Woods (EF Education First) nel successivo falsopiano, involandosi tutto solo verso il traguardo di Liegi.
ORDINE DI ARRIVO
1  FUGLSANG Jakob (Astana Pro Team) 6:37:37
2  FORMOLO Davide (BORA – hansgrohe) 0:27
3  SCHACHMANN Maximilian (BORA – hansgrohe) 0:57
4  YATES Adam (Mitchelton-Scott)
5  WOODS Michael (EF Education First)
6  GAUDU David (Groupama – FDJ)
7  LANDA Mikel (Movistar Team)
8  NIBALI Vincenzo (Bahrain Merida) 1:00
9  TEUNS Dylan (Bahrain Merida) 1:05
10  POELS Wout (Team Sky) 1:26
 Le dichiarazioni dei corridori
Fuglsang: “E’ una sensazione indescrivibile è stata una buona settimana. Non so perché questa vittoria è arrivata così tardi, prima della diverso verso la  côte Redoute, ero a ruota del mio compagno di squadra Luis Leon Sanchez e Julian (Alaphilippe) era a ruota dei suo compagni di squadra e mi ha detto “spero che oggi vinci tu” e così è stato”.
Formolo: “E’ da due anni che  ci andavo vicino, quest’anno sono andato ancora più vicino . Non sono riuscito a resistere allo scatto di Fuglsang, mi dispiace la Liegi ,  è la mia corsa preferita la nostra squadra ha corso molto bene e spero di riuscire a vincere un giorno la Liegi-Bastone-Liegi”
Alaphilippe:”Sono comunque contento, sarebbe stato bellissimo vincere qui , ma in questa settimana abbiamo fatto qualcosa di impressionante,Sono felice per Jacob, ha fatta una grande gara, sarebbe stato impossibile batterlo oggi”.
Nibali:”E’ stato un finale diverso, la corsa si è accesa prima di quanto si pensava, la Quick Step ha fatto un grande forcing. Nel finale l’importante era prendere la Roche aux Focons davanti , ero lì insieme a Fulglsang e Alaphilippe però quando ha accelerato Fuglsang c’è stato poco da fare , ci siamo “seduti” sia io che Alaphilippe poi io ho dovuto respirare un attimo poi ho recuperato nella seconda fase però i 25 secondi che aveva Fulglsang erano tutti per un finale così , non c’era tanto spazio per recuperare. Indicazione per il Giro? Al Tour of the Alps era difficile sapere cosa potevo fare qui alla Liegi, la condizione era buona però le tappe erano molto corte , alla fine mi sono mancati qui 250 KM. Ero presente a giocarmi la vittoria e quindi va bene così”

notizie sul temaGiro D’Italia 2019: le dichiarazioni dei corridori al termine della seconda tappaTour of the Alps, Masnada concede il bis nell’ultima tappa. Sivakov vince la classifica generaleTour of the Alps : Geoghegan Hart vince la quarta tappa davanti a Vincenzo Nibali
  •   
  •  
  •  
  •