Giro D’Italia 2019: le dichiarazioni dei corridori al termine della seconda tappa

Pubblicato il autore: Matty Dalmi Segui

La prima volata del Giro d’Italia parla la lingua tedesca. Pascal Ackermann ha conquistato lo sprint di Fucecchio davanti al campione italiano Elia Viviani (Deceuninck – Quick Step), all’australiano Caleb Ewan (Lotto Soudal) e al colombiano Fernando Gaviria (UAE-Team Emirates).

potrebbe interessarti ancheLa top 10 dei ciclisti più pagati nel 2019: Froome e Sagan i più ricchi, stipendi top per Nibali e Aru

Resta invariata la classifica generale, con Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) sempre in maglia rosa.

ORDINE DI ARRIVO
1 ACKERMANN Pascal (BORA – hansgrohe) 4:44:43
2 VIVIANI Elia (Deceuninck – Quick Step)
3 EWAN Caleb (Lotto Soudal)
4 GAVIRIA Fernando (UAE-Team Emirates)
5 DÉMARE Arnaud (Groupama – FDJ)
6 CIMOLAI Davide (Israel Cycling Academy)
7 KUZNETSOV Viacheslav (Team Katusha – Alpecin)
8 DE BUYST Jasper (Lotto Soudal)
9 SBARAGLI Kristian (Israel Cycling Academy)
10 SELIG Rüdiger (BORA – hansgrohe)

potrebbe interessarti ancheCiclismo, Tour De France 2.a tappa Bruxelles-Bruxelles: Cronosquadra per i corridori da 27km

CLASSIFICA GENERALE
1 ROGLIČ Primož (Team Jumbo-Visma) 4:47:42
2 YATES Simon (Mitchelton-Scott) 0:19
3 NIBALI Vincenzo (Bahrain Merida) 0:23
4 LÓPEZ Miguel Ángel (Astana Pro Team) 0:28
5 DUMOULIN Tom (Team Sunweb)
6 MAJKA Rafał (BORA – hansgrohe) 0:23
7 GEOGHEGAN HART Tao (Team INEOS) 0:35
8 MOLLEMA Bauke (Trek – Segafredo) 0:39
9 CARUSO Damiano (Bahrain Merida) 0:40
10 BILBAO Pello (Astana Pro Team) 0:42

Le dichiarazioni dei corridori al termine della seconda tappa
Ackermann:”Sono davvero molto felice perché la squadra ha lavorato a fondo. Ho aspettato ai 250 metri e non vedevo che nessuno lanciava lo sprint e allora ho avuto un po di fortuna e bravura per trovare il varco giusto per anticipare Elia Viviani”
Viviani: ” Poteva andare meglio quando si arriva secondi, ero concentrato su Gaviria,non abbiamo il treno completo in questo Giro quindi ho visto Gaviria molto organizzato, anche i Bora e i Lotto erano molto organizzati però sappiamo che Gaviria è uno dei più forti da battere, mi ero concentrato su di lui (Gaviria) fino a che non ho visto  partire Ackermann e probabilmente dietro abbiamo aspettato un attimo di troppo poi quando sono andato a ruota probabilmente per un errore mio ho toccato il bottoncino che dal numero 11  ha mandato al numero 12 e da lì ho perso qualche colpo di pedale poi rientrato, ho provato a passare Ackermann ma non c’era il tempo quindi forse un po troppo tardi per oggi. Il nostro giovane Honoré ha tirato bene tutto il giorno, in salito ha fatto un buon giusto giusto per noi, è stato difficile per noi partire con un tempo così però poi è migliorato nel finale sicuramente è meglio avere il bel tempo sul finale di tappa. E’ stata una volata guadagnata, l’obiettivo di domani è quello di migliorare la posizione con cui ci siamo piazzati oggi. Oggi bisognava osare di più, lui era arrivato con una velocità alta dietro ed è riuscito a rimanere davanti, la volata oggi è stata velocissima e complimenti a Pascal Ackermann che ha vinto una grande volata”
Roglic:”Vincenzo Nibali è un grandissimo campione, spero di avere una grande battaglia con Vincenzo Nibali. Nessuno deve avere paura nessuno,io e Vincenzo ci rispettiamo. E’ stata una buona giornata per me e per tutta la squadra”
Nibali:”Non mi aspettavo un Roglic così in evidenza perché ha dimostrato di andare subito forte nel Romandia e quindi era uno degli avversari che si poteva giocare la vittoria della cronoscalata di ieri, essendo un cronoman lui ha fatto una crono veramente all’altezza della sua condizione, sono contento di come sta andando adesso la mia cronometro è stata bellissima. Majka, Dumolin e Lopez li ho visti molto bene e occhio a qualche sorpresa”

notizie sul temaLiegi-Bastogne-Liegi,le dichiarazioni del corridori al termine della corsaTour of the Alps, Masnada concede il bis nell’ultima tappa. Sivakov vince la classifica generaleTour of the Alps : Geoghegan Hart vince la quarta tappa davanti a Vincenzo Nibali
  •   
  •  
  •  
  •