Facciamo chiarezza: le nuove regole del Giro d’Italia e del Tour de France

Pubblicato il autore: Fabiola Granier Segui
Facciamo chiarezza: le nuove regole del Giro d’Italia e del Tour de France

Facciamo chiarezza: le nuove regole del Giro d’Italia e del Tour de France

Le novità delle nuove corse

Facciamo chiarezza: il Giro d’Italia e il Tour de France cambieranno le loro regole: lo aveva già dichiarato un anno fa circa il direttore della corsa francese, Christian Prudhomme, e ora la sua idea diventa finalmente realtà in pista. Quello che il direttore proponeva, nel dettaglio, prevedeva la diminuzione delle squadre nei grandi giri da nove a otto corridori per rendere la corsa più incerta ed emozionante fino all’ultimo. Adesso, infatti, in base a questa sua iniziativa, le tre maggiori società organizzatrice di gara di ciclismo, cioè ASO, RCS e Flanders Classic, sono arrivati ad una conclusione: la riduzione da nove a otto corridori si applicherà a partire già dall’anno prossimo.

È stata una decisione che ha portato, prima di tutto, ad una serie di confronti in merito al futuro delle maggiori corse: quali sarebbero le reali conseguenze? Ecco che, quindi, la scelta di ridurre il numero dei corridori è arrivato direttamente durante una riunione, quella dell’Associazione Internazionale Organizzatori Corse Ciclistiche. Ed ecco che, quindi, ad accettare sono state ASO, RCS e Flanders Classic.

Giro d’Italia e Tour de France: cosa cambia

Ma cosa cambia nel dettaglio? Ecco tutte le risposte:
Nei grandi giri ogni squadra potrà schierare otto corridori anziché gli attuali nove. In tutte le altre corse si scenderà a sette anziché gli attuali otto: cambiamenti, quindi, su due fronti diversi, ma tutti con uno stesso scopo: riduzione dei partecipanti. Questo, soprattutto per due motivi principali: il primo, cioè rendere le corse di  ciclismo più sicure, visto che comunque anche solo la diminuzione di un corridore rende più facile gestire e controllare tutti i gruppi. Il secondo è quello di aumentare lo spettacolo, dando quindi la possibilità alle squadre di giocarsela realmente in pista, variando anche il numero di risultati e soluzioni finali invece di lasciare campo libero ad una sola squadra in massiccio gruppo compatto. Come, per esempio, è successo nell’ultimo Tour de France con la quasi totale gestione da parte di un unico team, il team Sky.

ASO, RCS e Flanders Classic: come viene gestita la nuova regola?

Chi aderisce alla nuova regola? Non tutte le gare, infatti, seguiranno questo nuovo regolamento. Solo quelli che dipendono dall’organizzazione ASO, RCS e Flanders Classic: ci sono tutti e tre i grandi giri (Giro d’Italia, Tour de France e Vuelta Espana), le cinque classiche monumento e tante altre corse del World Tour. Quindi saranno queste gare che, a partire dal 2017, porteranno 8 corridori. Naturalmente il risultato della decisione lo si potrà vedere solo in pista al termine delle corse.

Quali sono tutte le corse che seguiranno la nuova regola? Eccole nell’elenco:

ASO

Tour de France

Vuelta a Espana

Tour of Qatar

Tour of Oman

Ports World Classics

Paris-Roubaix

potrebbe interessarti ancheGiro d’Italia 2018 oggi Tappa 20, l’ultima fatica: dove vederla in diretta tv e streaming, percorso e favoriti

Fleche Wallonne

Liegi-Bastogne-Liegi

Tour de Yorkshire

Criterium du Dauphine

Arctic Tour of Norway

Tour de l’Avenir

Paris Tours

RCS

Giro d’Italia

Dubai Tour

Abu Dhabi Tour

Strade Bianche

potrebbe interessarti ancheGiro d’Italia 2018, tappa 19: Chris Froome nella leggenda. Ribalta tutto e prende la maglia rosa a Bardonecchia

Tirreno Adriatico

Milano-Sanremo

Milano-Torino

Il Lombardia

Flanders Classic 

Omloop Het Nieuwsblad

Dwars Door Vlaanderen

Gent-Wevelgem

Giro delle Fiandre

Scheldeprijs

De Brabantse Pijl.

notizie sul temaChris Froome, storia di una corona ovale e di un’azione d’altri tempiGiro d’Italia 2018: epico Froome, trionfa a Bardonecchia ed è maglia rosa. Crolla Yates, Dumoulin a 3′Giro d’Italia 2018, Fabio Aru si ritira dalla corsa rosa
  •   
  •  
  •  
  •