Sport e Salute, la nuova società dello Stato che si occuperà di riformare lo sport in Italia

Pubblicato il autore: rossellagrasso Segui

Al tavolo delle trattative pochi giorni fa nasce Sport e Salute, la nuova società dello Stato  soggetta alla Corte dei conti, che si occuperà di riformare lo sport in Italia. Quanto è stato deciso nella piccola Aula Magna  dell’Acqua Acetosa, gremita di presidenti di società sportive e addetti del settore, dai Sottosegretari Giancarlo Giorgetti e Simone Valente, dai ministri Giulia Grillo (Salute) e Marco Brusetti (Istruzione), dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini, ha ricevuto ascolto anche dal Presidente del Coni Giovanni Malagò.
Al Coni viene garantita libertà e autonomia per quanto riguarda tutti gli aspetti manageriali e organizzativi, mentre il finanziamento annuo non potrà mai essere al di sotto di 408milioni di euro, soldi che potranno aumentare se ci sarà sviluppo nel sistema sportivo, mentre la nuova società Sport e Salute, oltre alla valorizzazione del marketing del Coni, prende impegni nei confronti del “pubblico”.Impegni di Sport e Salute: famiglie, scuole, impianti

potrebbe interessarti ancheEsclusiva SuperNews, intervista ad Angelo Di Livio: “La Juve in Italia ha solo una rivale. Roma? Il campionato dei giallorossi è stato…”

potrebbe interessarti ancheIJF19, Valsecchi a SN: “In Leclerc rivedo Hamilton. Alla Ferrari serve affidabilità, ha i piloti giusti per vincere”
  • Gli obbiettivi della nuova società dello Stato si prefiggono limpidità e correttezza, gestita da un amministratore delegato che si occuperà di Sport senza entrare in conflitto e competizione con il Coni, sono stati espressi dai ministri durante la conferenza:
    “avvicinare le famiglie allo sport” ha ribadito Giulia Grillo ” è molto importante per la salute individuale e collettiva, così come riorganizzare lo sport all’interno delle scuole e far avvicinare i ragazzi alle attività senza necessariamente spendere soldi per mandarli in strutture private.
  • Altro punto importante la riqualificazione degli impianti sportivi così da non finire nel degrado e dare l’opportunità di fruizione al pubblico.

Ha concluso il ministro dell’Interno Matteo Salvini augurando alla riforma dello sport tanta buona salute!

notizie sul temaIJF19, Masolin a SN:”Vincere aiuta a vincere, Marquez come Hamilton. Mi piacerebbe sentire la storia di Villeneuve”IJF19, Ruffo: “La non responsabilità legale non esclude quella morale. Oggi la notizia deve piacere, non essere giusta”IJF19, Zazzaroni a Sn:”In Italia non vedremo mai il modello inglese, Bonucci ha ragione. I giornalisti non devono pensare a chi compra il giornale”
  •   
  •  
  •  
  •