F1 Gp Abu Dhabi 2016 Diretta Live: la vittoria di Lewis non basta, Rosberg campione!

Pubblicato il autore: Marcello Mutalipassi Segui

F1 GP Abu Dhabi 2016 Diretta Live
F1 Gp Abu Dhabi 2016 diretta live – Hamilton o Rosberg! Questo il tema dell’ultimo weekend di Formula 1 del 2016. In una stagione che ha ancora visto il dominio delle frecce d’argento, la lotta per il titolo non è mai stata così serrata. Fino all’ultima gara! Lewis o Nico. Il britannico pluricampione del mondo o il figlio d’arte del celebre pilota tedesco. Sono 55 i giri che ci separano dall’incoronazione del campione 2016; 55 giri di scena sul circuito di Yas Marina, ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi.
Nelle prime scaramucce del sabato, ad uscirne vincente è stato Lewis Hamilton. Il britannico, campione in carica, partirà dalla pole position (il suo tempo sul giro è stato 1’38″755). Nella casella affianco però troverà il suo rivale, Nico Rosberg, rimasto attardato di soli due decimi circa (il suo miglior tempo è stato di 1’39″058). Seconda e terza fila vede le due scuderie che avrebbero dovuto contendere il titolo alle Mercedes, ma che anche quest’anno si sono dovute accontentare di qualche risultato qua e là: Red Bull e Ferrari. Daniel Ricciardo precede Kimi Raikkonen in seconda fila (1’39″589 per l’australiano e 1’39″604 per il finlandese), mentre Sebastian Vettel (1’39″661) è davanti a Max Verstappen (1’39″818) in terza fila.

Come già ribadito più volte, gli occhi saranno tutti puntati sulla coppia di testa. Hamilton vuole tentare in tutti i modi di conquistare anche questo mondiale, ma parte svantaggiato: è indietro di 12 punti rispetto a Rosberg. Nel caso di vittoria di Lewis, a Nico basta salire sul podio per portare a casa il suo primo mondiale. Da quello che ci sembra di aver visto dalle prove, lo scenario di Abu Dhabi non sarà diverso dal solito, con le Mercedes una spanna sopra a tutti. Dobbiamo solo aspettare lo spegnimento dei semafori e che la pista decreti il suo verdetto.

F1 Gp Abu Dhabi 2016 diretta live

Fine della gara – Vittoria di Hamilton, davanti a Rosberg e Vettel. Grande ruggito finale del tedesco della Ferrari che rimonta dalla sesta alla terza posizione. Bellissima gara delle due Mercedes, Hamilton conquista Abu Dhabi ma Rosberg si prende il titolo mondiale 2016.

Giro 55 – Ultimo giro! Ci si gioca tutto qui. Vettel è vicinissimo a Rosberg.

Giro 53 – Vettel è in zona DRS di Rosberg. Come su Verstappen sta prendendo le misure per il sorpasso, ma il tempo per cercare la vittoria si sta assottigliando.

Giro 51 – Sebastian Vettel sul podio. Dopo due giri per prendere le misure, il tedesco attacca la Red Bull e si prende la terza posizione. Davanti adesso ci sono solo le Mercedes.

Giro 50 – Ultimi 5 giri! I primi quattro sono tutti vicini ma ancora non ci sono attacchi. La calma prima della tempesta.

Giro 49 – Finale di gara fantastico. I primi quattro sono racchiusi in soli quattro secondi ora. Verstappen è nel mirino di Vettel, mentre Rosberg è entrato in zona DRS rispetto ad Hamilton.

Giro 47 – Otto giri al termine. I primi quattro sono racchiusi in sette secondi e Vettel sta girando molto più velocemente dei primi tre. La Ferrari guarda con speranza anche alla vittoria.

Giro 46 – Vettel sulla scia di Ricciardo. Grande manovra del tedesco sul secondo rettilineo e riesce a superare l’australiano. Seb ora è quarto e sta puntando Verstappen per conquistare il podio.

Giro 45 – 5 secondi di penalità per Palmer per l’incidente causato a Sainz. Saranno da scontare alla prima sosta ai box o verranno addizionati al tempo registrato alla fine della gara.

Giro 43 – 1’43″729, questo il giro veloce segnato da Vettel. In questo momento la Ferrari sta girando due secondi più veloce delle Mercedes in testa.

Giro 42 – A seguito dei doppiaggi subiti, Palmer tampona Sainz mandando lo spagnolo in testacoda poco prima dell’entrata dei box. La monoposto dello spagnolo è compromessa ed è costretto al ritiro.

Giro 41 – Vettel continua nella sua rimonta approfittando delle gomme più performanti. Supera il compagno di squadra sul lungo rettifilo di Abu Dhabi e guadagna la quinta posizione.

Giro 40 – Sebastian Vettel registra il giro più veloce della gara, 1’44″094.  Il distacco tra Hamilton e Vettel si riduce a 16 secondi.

potrebbe interessarti ancheF1, GP Abu Dhabi 2018: Hamilton fa sua anche l’ultima gara, precedendo Vettel e Verstappen

Giro 39 – Hamilton e Rosberg raggiungono un gruppo di doppiati in lotta per la tredicesima posizione: Palmer, Sainz, Ericsson e Ocon. Lo svedese della sauber va ai box.

Giro 37 – Vettel finalmente ai box. Gomme supersoft per lui (banda rossa) per cercare di recuperare un po’ di posizioni nel finale di gara. Rientra sesto, dietro a Raikkonen, con 18 secondi di distacco dal primo, Lewis Hamilton.

Giro 36 – Un contatto tra Ericsson e Ocon lascia un detrito in pista. Nessun problema per i commissari di percorso a liberare il tracciato.

Giro 35 – Mancano 20 giri al termine della corsa, la situazione è: Vettel, Hamilton, Rosberg, Verstappen, Ricciardo, Raikkonen, Hulkenber, Perez, Alonso e Massa. Vettel ancora non si è fermato e il suo distacco da Hamilton è di soli 5 secondi.

Giro 33 – Fernando Alonso continua a fare un’ottima gara con la sua Honda. Sorpassato da Hulkenberg, rimane in zona punti. Ottava posizione per lui, ma è minacciato anche dall’altra Force India di Sergio Perez.

Giro 31 – Vettel ancora non rientra ai box, ma il suo vantaggio va assottigliandosi giro dopo giro. Hamilton e Rosberg girano su altri ritmi e hanno preso un secondo al giro negli ultimi due giri.

Giro 29 – Nico Rosberg rientra ai box. Vettel è momentaneamente leader della corsa. Il tedesco della Mercedes rientra tra Hamilton e Verstappen.

Giro 28 – Hamilton richiamato ai box. La Mercedes vuole mantenere la testa della corsa e risponde alla strategia di Verstappen. Hamilton rientra al terzo posto, con 7 secondi di vantaggio rispetto all’olandese.

Giro 27 – Ricciardo supera Perez. Sorpasso fotocopia rispetto a quello fatto dal compagno di squadra nel giro precedente. Raikkonen non riesce ad approfittare e si deve accodare al messicano nella parte mista del circuito, perdendo due secondi dall’australiano. Perez rientra ai box al termine del giro liberando la strada al ferrarista.

Giro 26 – Verstappen si prende la quinta posizione scavalcando la Force India di Sergio Perez. Dietro al messicano stanno anche arrivando anche Ricciardo e Raikkonen. Hulkenberg ai box.

Giro 25 – Anche Raikkonen rientra ai box. Sempre Gomma gialla per lui. Rientra in ottava posizione, dietro a Perez e le due Red Bull.

Giro 24 – Ricciardo, costretto in un sandwich tra le due Ferrari, viene richiamato ai box. Ancora gomme soft per lui, non si fermerà più fino alla fine.

Giro 22 – Rosberg segna il miglior tempo, 1’45″975. Informazioni dal muretto box a Verstappen: non ci saranno più altre soste per l’olandese.

Giro 21 – Verstappen viene richiamato ai box. 21 giri sullo stesso pneumatico. Cambia anche lui con gomme soft.

Giro 20 – Attacco rischioso di Rosberg ai danni di Verstappen. Duello col coltello tra i denti contro l’olandese, senza pensare al rischio di poter uscire e perdere il mondiale. Alla fine il tedesco ha la meglio. Nico è ora secondo con più di 4 secondi di distacco da Hamilton.

Giro 19 – Attacco di Ricciardo a Raikkonen, il punto di attacco è uno dei pochi possibili nel circuito Yas Marina, la frenata alla fine del secondo rettilineo. Ricciardo però va lungo sulla frenata e Raikkonen rimane quarto. Vettel ne approfitta e si accoda all’australiano della Red Bull.

potrebbe interessarti ancheF1, Qualifiche GP Abu Dhabi 2018: Hamilton fa sua la pole n°83 in carriera. La griglia di partenza completa

Giro 17 – Alonso, con l’unica Honda rimasta in gara, supera Grojean ed entra nella zona punti. Decimo posto per lo spagnolo.

Giro 16 – Ritiro anche per Kyvat. Il russo della Toro Rosso parcheggia la sua monoposto a lato del rettilineo nel secondo settore.

Giro 15 – La situazione dopo la prima tornata di soste: Hamilton, Verstappen, Rosberg, Raikkonen, Ricciardo, Vettel, Hulkenberg, Perez, Massa, Grojean. Verstappen non ha ancora cambiato le gomme e come lui solo Grojean.

Giro 12 – Dietro ai primi, Perez e Button lottano per l’ottava posizione. Il messicano ha la meglio sul lungo rettilineo di Abu Dhabi. Nel rettifilo seguente un problema strutturale della Honda di Button mette l’inglese fuori gioco. Distacco del braccio della sospensione anteriore destra. Ritiro per lui.

Giro 10 – La gara è ben animata. Dopo 10 giri, tutti i piloti di testa sono racchiusi in cinque secondi. Al momento, Rosberg sarebbe campione con soli due punti di vantaggio su Hamilton.

Giro 9 – Dopo aver registrato il miglior tempo provvisorio della gara, Ricciardo rientra ai box. Una volta uscito si trova subito in bagarre con Raikkonen, ma si deve accontentare della quinta posizione. Verstappen (unico dei big a non aver ancora cambiato gomme) si trova in seconda posizione, dopo aver superato Rosberg sul rettilineo opposto a quello dei box.

Giro 8 – Viene richiamato ai box anche Rosberg, medesima strategia per i piloti Mercedes. Insieme a Rosberg, entra anche Vettel. Bottas è ancora fermo ai box.

Giro 7 – Hamilton richiamato ai box. Insieme anche a Raikkonen. Entrambi sostituiscono gomme Ultrasoft (banda rosa) con quelle più performanti per la gara, le soft (banda gialla).

Giro 6 – Magnussen è fermo ai box, forse per un problema ai tiranti della sospensione anteriore. E’ probabile il ritiro per lui. Anche Bottas entra nei box e non sembra un problema da risolvere rapidamente.

Giro 4 – Dal replay della direzione gara si capisce che Verstappen è finito in testacoda dopo aver urtato la fiancata di Hulkenberg in partenza. Fortunatamente la Force India del tedesco non ha subito danni. Hamilton continua ad abbassare i propri tempi, giro dopo giro.

Giro 3 – Ancora un giro veloce di Hamilton (1’46″339). Bottas supera Massa e si prende la nona posizione.

Giro 2 – Hamilton cerca subito di staccarsi da Rosberg segnando il giro più veloce. Da questo giro si potrà utilizzare il DRS e Rosberg ancora è sotto il secondo di distacco.

Giro 1 – Hamilton, Rosberg, Raikkonen, Ricciardo, Vettel, Perez, Hulkenberg, Alonso, Massa e Bottas. Queste le prime posizioni. Verstappen è finito in 19esima posizione.

Partenza – Semafori spenti! Le monoposto scattano senza troppi problemi, Hamilton in testa seguito da Rosberg. Dopo la prima curva Verstappen finisce in testacoda, forse toccato da qualcuno, ma riprende normalmente la corsa.

Prepartenza – E’ tutto pronto sul circuito di Abu Dhabi. I due contendenti per il titolo partono affiancati in prima fila. Questa è la quinta volta in cui il campionato di F1 si chiude sul circuito di Yas Marina. 55 giri per consacrare il campione 2016.

notizie sul temaF1 GP Abu Dhabi 2018, orari prove libere, qualifiche e garaGP Abu Dhabi: anteprima, info e orari del weekendF1 GP Abu Dhabi: dove vedere le qualifiche e la gara in diretta tv e streamingVettelVettel, spunta un’inaspettata indiscrezione dal Gp di Abu Dhabi
  •   
  •  
  •  
  •