Giro d’Italia 2017: oggi tappa Montenero di Bisaccia-Blockhaus, diretta tv e streaming

Pubblicato il autore: Adriana Zuccarini

Il Giro d’Italia sta arrivando in Abruzzo, protagonista della nona tappa di questa domenica 14 maggio, uno dei momenti clou dell’intera competizione. Con la Montenero di Bisaccia-Blockhaus, di 139 chilometri la carovana rosa tornerà dopo circa cinquanta anni a percorrere la durissima salita di Roccamorice.

Giro d’Italia 2017. Montenero-Blockhaus, percorso e altimetria

Il percorso della nona tappa si presenta ondulato nella prima parte lungo la statale adriatica (ss.16), su strade larghe e lungo la costa. Partenza da Montenero di Bisaccia, che per la prima volta ospita il Giro. Dopo Francavilla al Mare, si lascia il mare per attraversare Chieti (breve ascesa a volte con pendenze elevate su brevi tratti) dove è posto il traguardo TV. Si lascia la ss.5 per raggiungere Manoppello e Lettomanoppello su strade più strette a tratti con fondo usurato. Dopo Roccamorice inizia la salita finale di 13 km con arrivo al Blockhaus (ultimo GPM nel 2009 a Pellizzotti). Ultimi 13 km tutti in salita su strada stretta con numerosi tornanti. Per quasi 10 km la pendenza si mantiene sopra il 9% con punte fino al 14%. Brevissima contropendenza ai 500 m dall’arrivo. Rettilineo finale (asfalto, lunghezza 200 m, larghezza 6 m) in salita attorno all’8%.

Il Blockhaus è una delle vette più alte dell’Abruzzo e si trova nel massiccio della Majella. Il nome Blockhaus è un termine in lingua tedesca, riconducibile alla dominazione asburgica del meridione. Significa “casa di roccia”, ed è il nome usato per chiamare i fortini militari che l’esercito italiano costruì come avamposto per contrastare il brigantaggio imperante in alcune province meridionali dell’Italia negli anni seguenti all’Unità d’Italia.
La Majella, infatti, con le sue alte pendici, le sue grotte, i profondi valloni e le aspre ed impenetrabili forre, fu per anni un rifugio per coloro che, per scelta o per necessità, si opponevano alla realizzazione dell’Unità d’Italia e alle restrizioni impartite a questi territori dal neo Stato italiano. Sul pianoro del BlockHaus (a 2.106 metri) è tuttora presente il rudere del fortino in pietra e proprio nei pressi è stato posto un cippo a ricordo degli eventi cruenti fra il neo esercito italiano e i briganti della Majella.

Dove vedere la nona tappa del Giro d’Italia 2017 Tv streaming

Tutte le 21 tappe saranno trasmesse in diretta su Eurosport 1, con il commento di Salvo Aiello e Riccardo Magrini. La corsa sarà visibile anche sulle reti Rai, con il cambiamento rispetto agli anni passati da Rai3 a Rai2. I programmi partono ogni mattina intorno alle 12 su Raisport + HD con “Villaggio di partenza” dove verranno mostrate le caratteristiche della tappa. Alle 13 inizia “Prima Diretta”, sempre su Raisport + HD, dove ci saranno i commenti dei tecnici sulle fasi iniziali della tappa. Alle 14 si passa su Rai 2 HD con “La grande corsa”, e dalle 14.45 collegamento in diretta con le immagini della tappa fino all’arrivo. Al termine della tappa inizia lo storico “Processo alla tappa” con tutti i protagonisti della giornata, visibile sempre su Rai 2 HD. Sullo stesso canale alle 18.55 ci sarà “Viaggio nell’Italia del Giro” che illustrerà dal punto di vista culturale il territorio attraversato dalla corsa.
Ogni sera alle 20 su Raisport + HD andrà in onda il “Tgiro”, che mostrerà le fasi salienti e le interviste ai protagonisti. Alle 22.45 spazio a “Giro Notte”, che riproporrà un’ampia sintesi di 90 minuti con le fasi più importanti della tappa del giorno.
Oltre al digitale terrestre la gara potrà essere seguita sugli stessi canali trasmessi via satellite su TivùSat, alla radio e sul web tramite il servizio in streaming Rai Play e il sito dedicato della Rai www.rai.it/giroditalia.

Giro d’Italia 2017. Montenero-Blockhaus, la presentazione

Il 20 Aprile scorso, nella sede del Consiglio Regionale d’Abruzzo, c’è stata la presentazione ufficiale dell’evento alla presenza dell’assessore allo Sport, Silvio Paolucci, dell’assessore ai Parchi ed alla Montagna, Donato Di Matteo, e dei sindaci e rappresentanti dei Comuni abruzzesi che saranno attraversati dalla nona tappa.
Dopo tanti anni – ha esordito Di Matteo – il passaggio sulle strade della Majella tornerà a fare selezione e a far emergere i migliori “scalatori” regalando uno spettacolo unico sia agli spettatori assiepati lungo il percorso che agli appassionati telespettatori di tutto il mondo. Tuttavia, ha aggiunto, – al di là del valore agonistico della corsa, quello che conta davvero è la possibilità per l’Abruzzo di sfruttare questa straordinaria vetrina promozionale per promuovere il territorio e fare in modo che questa splendida giornata di festa e di sport non rimanga fine a se stessa”. Anche l’assessore Paolucci si è soffermato sugli aspetti promozionali legati alla “tappa che, in effetti, unisce in un abbraccio ideale Costa dei Trabocchi e Parco nazionale della Majella, emblema dell’offerta turistica abruzzese che coniuga al meglio l’abbinata mare-monti. Ritengo inoltre fondamentale – ha proseguito – il ruolo svolto dagli amministratori locali che per la prima volta hanno collaborato con la RCS e con la Regione alla realizzazione di una campagna di comunicazione mirata mettendo in piedi una serie di eventi collaterali di indubbio fascino”.
Domenica 14 maggio, dalle ore 10:00, al Blockhaus, vicino all’arrivo sarà allestito il villaggio Abruzzo con stand per la promozione turistica ed enogastronomica del territorio regionale.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •  
Tags: