Atletica leggera: meeting a Rovereto live

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui

E’ in corso la 53^ edizione del Palio Città della Quercia, meeting internazionale di atletica leggera che si svolge a Rovereto.
La gara del giavellotto femminile è vinta dalla lettone Lina Muze con 60,18; 4° posto per la promessa italiana Carolina Visca con 52,58.
Dopo le gare per i masters, la prima gara di corsa è la serie under 23 maschile dei 1500 metri, che è vinta da Simone Bernardi con il tempo di 3.46.19, che ripete il successo ottenuto alcuni giorni fa al meeting Melinda di Cles.
Segue la serie femminile under 23 dei 1500 metri, vinta da Eleonora Vandi con 4.19.30, che migliora il primato personale che era di 4.21.19.
Nel triplo maschile belle misure per lo spagnolo Pablo Torrijos che nei 2 conclusivi piazza 16,96 e 16,85.
Doppietta giamaicana nei 400 hs c0n il 1° posto per Ristananna Tracey con 54.58 e 2° posto per Janevie Russell con 55.48. Al 3° posto Marzia Caravelli con 56.09.
Grande gara gli 800 metri maschili: dopo un passaggio velocissimo in 49.8, è il ventenne del Kenya Wycliffe Kinyamal a prevalere con l’ottimo tempo di 1.43.94. Seguono Antoine Gakeme (Burundi) con 1.44.49, il bosniaco di stanza in Italia Amel Tuka con 1.44.62, poi altri 4 atleti sotto 1’46”.
La gara dei 3000 metri femminili è vinta dalla keniana Lilian Kasait Rengeruk con 8.51.04 e buon 6° posto per Margherita Magnani con 8.58.78.
Nell’alto femminile dominio di 2 atlete ucraine: ha prevalso la meno quotata Kateryna Tabashnyk che ha saltato 1,95, mentre la connazionale Yuliya Levchenko, medaglia d’argento ai Campionati Mondiali di Londra, è seconda con 1,93.
I 100 metri femminili sono per Angela Tenorio (Ecuador) con 11.18.
Nei 400 metri femminili buona prestazione per la giamaicana Stephenie Ann Mcpershon con 50.86, che vince con ampio margine sulla britannica Perri Shakes Drayton con 52.19 e sulla connazionale Sherika Jackson con 52.26.
Nei 100 metri maschili successo per il giamaicano Julian Forte con 10.07 (+0,9), davanti al turco Jak Ali Harvey con 10.15 e al cubano Yunier Perez con 10.17.
Niente di speciale la gara dei 400 metri maschili che è vinta dal britannico Dwayne Cowan con il tempo di 45.63, unico sotto i 46 secondi.
La medaglia d’argento dei Campionati Mondiali di Londra, la burundiana Francine Nyonsaba, vince con maggiore fatica del previsto la gara degli 800 metri. Si presenta nel rettilineo finale apparentemente chiusa dalle atlete che la precedono, ma riesce a trovare un varco e vince in 2.01.14, davanti a Noelie Yarigo (Benin) con 2.01.68.
Nei 110 hs vittoria dello statunitense Jarrett Eaton con 13.52 (+1,2).
L’ultima gara sono i 5000 metri maschili: la partenza è veloce con passaggi sotto i 2’40” al km. Ai 3000 metri 8.00.6, ma nel 4° km il ritmo cala con un parziale nei 1000 di circa 2’49”. Nel finale prende il largo l’atleta del Bahrain Birhanu Yemataw Balew che vince in 13.22.81, davanti all’etiope Mogos Yuemay con 13.29.63. Il primo fra gli italiani è Yassin Bouih, che con una gara regolare e in recupero, si piazza al 7° posto con il primato personale di 13.50.22.

  •   
  •  
  •  
  •