Primavera 1, Atalanta-Juventus 3-1: i nerazzurri calano il tris in rimonta

Pubblicato il autore: alessandro marone Segui

L’Atalanta cala il tris in rimonta nel big match con la Juventus. Dopo lo scivolone contro il Chievo prima della sosta, i nerazzurri tornano al successo (decima vittoria su quindici incontri disputati) e chiudono il girone d’andata a quota 33 punti e con il titolo di campioni d’inverno. In attesa della gara di domani tra Bologna e Inter (i nerazzurri di Vecchi hanno collezionato 30 punti), i ragazzi di Brambilla si godono il primato solitario. Grande prova di solidità da parte dell’Atalanta. In avvio Kulusevski fa tremare la traversa con un bolide mancino, ma, alla mezz’ora, è la Juventus a colpire con il difensore Delli Carri, abile a svettare su un corner. L’Atalanta non ci sta e cala un micidiale uno-due: prima del riposo Barrow ristabilisce la parità dal dischetto (fallo di Zanandrea su Zortea), in avvio di ripresa Peli porta in vantaggio i suoi con un tap-in. Ad un quarto d’ora dalla fine ancora Barrow firma la doppietta personale (sono 19 i centri del capocannoniere del torneo) e cala il tris. Nel finale nerazzurri in pieno controllo del match e vicini al poker in alcune occasioni. Dopo sette risultati utili (sei vittorie e un pari), la Juventus chiude il girone d’andata con una sconfitta, la prima fuori casa. I bianconeri di Dal Canto restano fermi a quota 25 punti in classifica.

FINE PARTITA
92′: scintille a metà campo tra Bolis e Delli Carri. Il capitano nerazzurro si lamenta per una gomitata, il direttore di gara riporta la calma.
90′: saranno 2 i minuti di recupero.
89′: sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Kulusevski ci prova col mancino da posizione defilata, la sfera sorvola la traversa.
88′: corner per l’Atalanta. Ripartenza nerazzurra, il cross di Peli viene deviato in corner da Delli Carri.
84′: secondo cambio per l’Atalanta: mister Brambilla inserisce il terzino sinistro Zanoni al posto di Zortea.
83′: l’Atalanta amministra e fa girare il pallone. Nerazzurri in controllo del match, appare improbabile una rimonta bianconera.
78′: conclusione di Caligara, nessun problema per Carnesecchi.
77′: terzo cambio per la Juve: fuori Bandeira dentro Morachioli
77′: ammonito Caligara, che aveva cercato di fermare in maniera irregolare il contropiede nerazzurro.
77′: Atalanta vicina al poker!!! Ripartenza micidiale dei nerazzurri dopo una punizione battuta male da Caligara. Peli si invola e serve Barrow in area di rigore, Loria chiude lo specchio della porta e nega la tripletta al capocannoniere del torneo.
74′: GOOOOOOOOOOL dell’Atalanta!!!! Doppietta per Barrow!!! Cross dalla destra, respinta non perfetta di Vogliacco: Barrow ne approfitta e fulmina Loria con un tiro angolato da distanza ravvicinata. Tris nerazzurro e gara in discesa per i padroni di casa.
74′: sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Atalanta ancora pericolosa con Barrow, il cui tiro-cross termina sul fondo.
73′: Atalanta vicina al tris!! Che azione! Mallamo serve in area Barrow, sponda per Melegoni, il cui destro a giro di prima intenzione viene deviato in corner da Loria.
71′: Caligara ci prova col mancino dal limite dell’area, ma non trova lo specchio della porta.
69′: seconda sostituzione per la Juventus: l’attaccante Petrelli (classe 2001) entra al posto di Montaperto.
68′: lancio in profondità di Portanova per Olivieri, il quale si lancia da solo con un colpo di testa: buona lettura difensiva da parte di Alari, che protegge l’uscita di Carnesecchi e subisce anche fallo da parte dell’attaccante bianconero.
67′: Break Juve. Olivieri dalla sinistra serve sulla destra Bandeira, il quale irrompe di gran carriera, ma spara a lato.
66′: grande giocata di Mallamo, il quale, circondato da maglie bianconere, serve Kulusevski a metà campo con un pregevole colpo di tacco.
63′: occasione per l’Atalanta. Azione insistita dei nerazzurri: Barrow fa la sponda all’indietro per Bolis, il cui piattone viene murato da un difensore bianconero.
62′: Juve pericolosa. Cross di Bandeira dalla destra, Montaperto stacca con buona coordinazione, ma non riesce ad indirizzare la sfera verso la porta difesa da Carnesecchi.
61′: Ammonito Olivieri, autore di un intervento duro ai danni di Zortea nei pressi della linea del fallo laterale.
60′: primo cambio nelle fila della Juventus: il figlio d’arte Portanova rileva Muratore.
59′: reazione bianconera. Corner dalla sinistra, la retroguardia atalantina allontana.
57′: GOOOOOOOOOL dell’Atalanta!!! Peli!!! Mallamo lancia sulla sinistra Barrow, il quale brucia Vogliacco, si invola a campo aperto ed entra in area di rigore. La conclusione dell’attaccante viene ribattuta da Zanandrea (autore di un recupero prodigioso), tap-in di Peli e Atalanta in vantaggio!
56′: intervento in ritardo di Melegoni su Montaperto. Giallo per il numero 8 atalantino, secondo ammonito dell’incontro.
52′: ripartenza Juve. Del Prato ferma irregolarmente Montaperto a metà campo ed è il primo ammonito del match.
51′: bel numero di Mallamo nella propria metà campo sulla sinistra: stop delizioso, dribbling ai danni di due avversari, poi il numero 10 nerazzurro viene trattenuto per la maglia.
50′: azione insistita della Juventus. Cross di Bandeira dalla destra, Tripaldelli, nei pressi del secondo palo, prova a rimetterla al centro: la retroguardia nerazzurra libera l’area.
47′: Atalanta in avanti con l’imbucata di Melegoni per Barrow, anticipato dall’uscita di Loria.
46′: intervento deciso di Delli Carri su Mallamo nei pressi della linea del fallo laterale: calcio di punizione per l’Atalanta e solo un richiamo verbale per il difensore bianconero.
Inizia la ripresa.  C’è una novità nelle fila dell’Atalanta: Alari sostituisce Guth al centro della difesa.

FINE PRIMO TEMPO
Parità all’intervallo. Dopo la traversa colpita da Kulusevski in avvio, sono i bianconeri a trovare il vantaggio alla mezz’ora con il colpo di testa di Delli Carri. Nel finale della prima frazione di gioco Barrow firma il pari dal dischetto.

Si va riposo senza recupero.
42′: GOOOOOOOOL dell’Atalanta!!! Dal dischetto Barrow spiazza con freddezza Loria, incrocia il destro e fa 1-1. 18° sigillo in campionato per l’attaccante nerazzurro, capocannoniere del torneo.
41′: Rigore per l’Atalanta!!! Spunto di Zortea, Zanandrea lo aggancia appena all’interno dell’area e il direttore di gara decreta il penalty.
39′: Peli conquista il primo corner in favore dell’Atalanta. Batte Bolis, la retroguardia bianconera allontana in fallo laterale.
38′: sul ribaltamento di fronte Atalanta pericolosa con il bel tiro di Melegoni dal limite dell’area: conclusione potente, ma centrale, Loria blocca.
37′: Juventus vicina al raddoppio! Olivieri dalla sinistra serve al centro Tripaldelli, il cui tiro da distanza ravvicinata viene sporcato e termina a lato di un soffio.
36′: bella combinazione Mallamo-Barrow, il tiro del primo viene neutralizzato da Loria.
34′: reazione dell’Atalanta. Ripartenza rapida con un’imbucata centrale per Peli, sponda intelligente a servire Barrow, anticipato dal recupero di Vogliacco.
31′: GOOOOOOOOOOOL della Juventus!!! Delli Carri!!! Corner dalla destra, il centrale bianconero svetta e di testa e spedisce la sfera in fondo al sacco! Bianconeri in vantaggio!
31′: spunto di Di Pardo sulla destra: il cross del centrocampista bianconero viene deviato in corner. Secondo angolo per la Juve.
30′: occasione per i nerazzurri. Carminati dalla sinistra serve al limite dell’area Barrow, il quale controlla e calcia col destro: traiettoria centrale, Loria blocca.
29′: prova a premere e a fare la partita l’Atalanta, i bianconeri si affidano alle ripartenze.
25′: bella azione dell’Atalanta: Barrow riceve palla al limite dell’area, ma spara di prima intenzione sopra la traversa.
23′: percussione di Melegoni, il quale arriva al limite dell’area e calcia debolmente col destro, nessun problema per Loria.
22′: scaramucce tra Bandeira e Mallamo dopo un contatto nei pressi della linea laterale, il direttore di gara calma gli animi. Dopo un avvio sprint, ritmi più bassi ora.
19′: Atalanta pericolosa. Errore in fase di disimpegno da parte della retroguardia bianconera, prima Barrow, poi Bolis vengono fermati in area di rigore.
17′: Caligara ferma irregolarmente Melegoni a metà campo, punizione per i padroni di casa.
15′: lancio in profondità di Caligara per Olivieri, Guth anticipa anche Carnesecchi in uscita e allontana.
12′: punizione per la Juventus, una sorta di corner corto. Caligara scodella al centro col mancino, inserimento di Di Pardo, il cui colpo di testa termina a lato di un soffio. Bianconeri vicini al vantaggio.
11′: buona trama della Juventus. Montaperto fa proseguire Olivieri sulla sinistra, cross al centro ribattuto dalla retroguardia nerazzurra.
9′: risposta bianconera con un sinistro fuori misura di Olivieri dal limite dell’area.
7′: Traversa dell’Atalanta!! Azione insistita dei nerazzurri: spunto di Zortea, palla a Peli sulla destra, numero e cross al centro per Barrow. La sponda dell’attaccante favorisce Kulusevski, il cui bolide dal limite dell’area si stampa sulla traversa. Atalanta vicinissima al vantaggio.
6′: sul tiro dalla bandierina battuto dalla destra svetta Zanandrea: il centrale bianconero, in proiezione offensiva, manca il bersaglio.
5′: primo corner del match, è in favore della Juve. Di Pardo ruba palla a Melegoni a metà campo e serve sulla sinistra Olivieri, il cui cross viene deviato in corner da Carminati.
3′: occasione Juve! Contropiede rapido da parte dei bianconeri: Caligara lancia in profondità Olivieri sulla destra, conclusione dal vertice dell’area di rigore, la sfera termina sull’esterno della rete.
2′: ritmi elevati sin dalle prime battute, avvio aggressivo da parte dell’Atalanta, che staziona nella metà campo bianconera.

Tutto pronto, inizia Atalanta-Juventus!

Squadre raccolte a metà campo per osservare un minuto di silenzio in memoria di Maurizio Pacchiani, dirigente accompagnatore della Primavera nerazzurra, prematuramente scomparso alla fine dello scorso anno.

Ecco le formazioni ufficiali:

ATALANTA (4-3-3): Carnesecchi; Zortea, Del Prato, Guth, Carminati; Melegoni, Bolis, Mallamo; Peli, Barrow, Kulusevski. All. Brambilla.

JUVENTUS (3-5-2): Loria; Delli Carri, Vogliacco, Zanandrea; Bandeira, Di Pardo, Caligara, Muratore, Tripaldelli; Montaperto, Olivieri. All. Dal Canto.

Dirige l’incontro il Signor Paride De Angeli di Abbiategrasso coadiuvato dai due assistenti Massimo Salvalaglio (sezione di Legnano) e Orazio Luca Donato (sezione di Milano).

Dopo la sosta natalizia, il campionato Primavera 1 riparte con un anticipo di lusso: alle ore 14:30 (gara trasmessa su Sportitalia) al “Comunale” di Azzano San Paolo va in scena Atalanta-Juventus. Lo scontro d’alta classifica tra i nerazzurri di Massimo Brambilla e i bianconeri di Alessandro Dal Canto è valido per la quindicesima ed ultima giornata del girone d’andata.
I padroni di casa occupano la vetta della classifica con 30 punti, gli stessi dell’Inter. Nell’ultimo turno di campionato i nerazzurri di Vecchi hanno approfittato del k.o. di misura dell’Atalanta per effettuare l’operazione-aggancio. La sconfitta contro il Chievo ha interrotto una striscia positiva di dodici risultati: i ragazzi di Brambilla non perdevano dalla gara d’esordio (0-2 contro la Fiorentina). L’Atalanta vanta il miglior attacco (32 reti, 17 segnate dal solo Barrow, capocannoniere del torneo) e la seconda miglior difesa del campionato (12 reti incassate, una in più dell’Inter).
Dopo un avvio tutt’altro che brillante, la Juventus ha iniziato a raccogliere punti e scalare posizioni in classifica. I ragazzi di Dal Canto occupano ora la terza posizione con 25 punti: la vetta è distante solo cinque lunghezze. Dopo la sconfitta casalinga di fine ottobre ad opera della Lazio (1-3), i bianconeri hanno inanellato sette risultati utili di fila (sei vittorie e il pareggio contro l’Inter). Pillola statistica: la Juventus è l’unica squadra del campionato ad avere lo “zero” nella casella delle sconfitte fuori casa.
I nerazzurri vogliono chiudere in bellezza il girone d’andata con il titolo di “campioni d’inverno”, i bianconeri puntano ad accorciare le distanze dalla vetta.

A partire dalle 14:30 SuperNews vi racconterà le emozioni di Atalanta-Juventus con la cronaca in tempo reale.

  •   
  •  
  •  
  •