F1, Qualifiche Gp Monaco 2018 : Ricciardo fa sua la pole. La griglia di partenza completa

Pubblicato il autore: Mattia Orlandi Segui

Gp Monaco

Daniel Ricciardo (Red Bull) conquista la pole position nel Gp Monaco 2018 (seconda in assoluta e seconda su questo circuito, in cui si trova molto a suo agio). L’australiano conclude la sessione di qualifica con il tempo di 1’10”810, nuovo record del circuito di Montecarlo. A fianco a lui partirà il tedesco Sebastian Vettel su Ferrari, davanti a Lewis Hamilton (Mercedes) e al compagno di squadra Kimi Raikkonen. Completano la top-10 Valtteri Bottas, Esteban Ocon, Fernando Alonso, Carlos Sainz, Sergio Pérez e Pierre Gasly.

Di seguito la griglia di partenza:

QUALIFICHE GP MONACO 2018
Circuito di Montecarlo, sesta prova del Mondiale di F1

16.00 – Terminato il Q3! Pole di Daniel Ricciardo nel Gp Monaco 2018. Secondo Sebastian Vettel a due decimi, terzo Lewis Hamilton a quattro

potrebbe interessarti ancheF1, GP Messico 2019: Hamilton fa sua l’83ª vittoria della carriera e avvicina il Mondiale. 2° Vettel, 4° Leclerc


15.57 –
Ora tutti in pista per l’ultimo tentativo
15.54 –
Vettel ora è terzo, a due millesimi dal britannico della Mercedes
15.52 – 1’10”810: pole provvisoria davanti ad Hamilton, terzo Raikkonen
15.48 – Parte la Q3 del Gp di Monaco

15.41 – Terminata la Q2: esclusi Hulkenberg, Vandoorne, Sirotkin, Leclerc e Grosjean
15.40 – 1’11’278: l’australiano della Red Bull lima il proprio miglior tempo
15.39 –
Le Mercedes sono al terzo e quarto posto, Raikkonen si infila tra Ricciardo e il compagno di squadra
15.35 – Hamilton e Bottas hanno montato le hypersoft (banda rosa)
15.32 –
Le Mercedes hanno montato le ultrasoft (banda viola), ma la strategia Mercedes sembra non pagare
15.29 – 1’11”353: nuovo record del circuito per Daniel Ricciardo. Alle sue spalle Vettel, a poco più di un decimo e mezzo
15.25 – Parte la Q2: in questa sessione le gomme scelte dai piloti verranno montate domani, all’inizio della gara


15.19 – Terminata la Q1 del Gp Monaco: esclusi Hartley, Ericsson, Stroll, Magnussen e Verstappen
15.16 –
Il finlandese della Mercedes si piazza 3°, alle spalle di Vettel
15.14 – Bottas è 15°, sarà costretto ad utilizzare un altro set di gomme. Niente da fare per Verstappen, che dovrà sostituire anche il cambio (-5 posizioni sulla griglia di partenza, ma sarà già ultimo)
15.12 –
Il tedesco della Ferrari ed Hamilton si inseriscono in seconda e terza posizione
15.08 – L’australiano della Red Bull migliora: 1’12”013
15.05 –
1’12’769: Ricciardo balza in testa nonostante il traffico
15.04 –
Vettel miglior tempo provvisorio: 1’13”165
15.00 – Semaforo verde, inizia il Q1: ancora al lavoro i meccanici Red Bull sulla vettura di Verstappen
14.50 –
10 minuti all’inizio della Q1 del Gp Monaco


13.00 – Buon pomeriggio appassionati di SuperNews e benvenuti alla diretta scritta. Nella FP3 miglior tempo per la Red Bull di Ricciardo, 1’11”786, ma negli ultimi minuti Verstappen (2° ad un millesimo) è andato a muro alla chicane delle piscine. A due e tre decimi le Ferrari di Vettel e Raikkonen, seguite dalle Mercedes di Hamilton e Bottas

F1, Gp Monaco 2018: risultati delle prime due sessioni di libere

Nella prima giornata di prove libere del Gp Monaco (che si svolge al giovedì) il miglior tempo è stato realizzato dall’australiano Daniel Ricciardo, che realizza 1’11”841 durante la FP2, nuovo record del circuito (anche grazie alle nuove gomme hypersoft, banda rosa). Anche gli altri riescono a migliorare il tempo della FP1, con Max Verstappen che si piazza a due decimi con l’altra Red Bull, davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel (a quasi sei decimi dalla vetta) e alla Mercedes di Lewis Hamilton (a quasi sette). Seguono l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen e la seconda Mercedes con Valtteri Bottas, con Hulkenberg (Renault), Vandoorne e Alonso (McLaren), Sainz (Renault) a chiudere la top-10.

F1, Gp Monaco: l’albo d’oro delle pole position sul circuito di Montecarlo
PILOTI (almeno 2 pole)
5 pole: Ayrton Senna (Brasile) (1985, 1988, 1989, 1990, 1991)
4 pole: Juan Manuel Fangio (Argentina) (1950, 1955, 1956, 1957)
Jim Clark (Regno Unito) (1962, 1963, 1964, 1966)
Jackie Stewart (Regno Unito) (1969, 1970, 1971, 1973)
Alain Prost (Francia) (1983, 1984, 1986, 1993)
3 pole: Stirling Moss (Regno Unito) (1959, 1960, 1961)
Niki Lauda (Austria) (1974, 1975, 1976)
Michael Schumacher (Germania) (1994, 1996, 2000)
2 pole: Graham Hill (Regno Unito) (1965, 1968)
Nigel Mansell (Regno Unito) (1987, 1992)
Mika Hakkinen (Finlandia) (1998, 1999)
Fernando Alonso (Spagna) (2006, 2007)
Mark Webber (Australia) (2010, 2012)
Nico Rosberg (Germania) (2013, 2014)
Kimi Raikkonen (Finlandia) (2005, 2017)
COSTRUTTORI
11 pole: McLaren (1984, 1986, 1988, 1989, 1990, 1991, 1998, 1999, 2001, 2005, 2007)
10 pole: Ferrari (1956, 1974, 1975, 1976, 1978, 1979, 1996, 2000, 2008, 2017)
9 pole: Lotus (1960, 1961, 1962, 1963, 1964, 1966, 1968, 1972, 1985)
7 pole: Williams (1987, 1992, 1993, 1995, 1997, 2002, 2003)
4 pole: Renault (1982, 1983, 2004, 2006)
Red Bull Racing (2010, 2011, 2012, 2016)
Mercedes (1955, 2013, 2014, 2015)
3 pole: Brabham (1967, 1977, 1981)
2 pole: Tyrrell (1971, 1973)
1 pole: Alfa Romeo (1950)
Maserati (1957)
Vanwall (1958)
Cooper (1959)
BRM (1965)
Matra (1969)
March (1970)
Ligier (1980)
Benetton (1994)
Brawn GP (2009)

F1, Gp Monaco 2018: dove seguirlo
Il Gran Premio sarà visibile in diretta esclusiva sui canali satellitari di Sky Sport, con la possibilità di usufruire dei servizi streaming di Sky Go e NOW TV. Per gli abbonati di Mediaset Premium è possibile vederlo tramite Sky Sport Vetrina, ai canali 319, 374 e 379 (HD) del digitale terrestre.

notizie sul temaF1, Qualifiche GP Messico 2019: Leclerc in pole position dopo l’arretramento di VerstappenF1 Gp del Giappone. Bottas trionfa a Suzuka e la Mercedes vince il suo sesto Mondiale Costruttori.F1, GP Giappone 2019: Bottas vince la gara, Mercedes il sesto Mondiale Costruttori consecutivo. 2° Vettel
  •   
  •  
  •  
  •