Ricorso Foggia: Tar Lazio ripristina i playout, ma tutto dipende dal giudizio del Palermo

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Foggia

Termina così il live sul ricorso del Foggia pendente davanti al Tar del Lazio: nel corso della giornata sono stati numerosi gli aggiornamenti riguardo le fasi precedenti e successive all’udienza. L’appuntamento è per il 28 maggio: in questa data il Tar entrerà nel merito della vicenda e ne sapremo di più sul futuro della Serie B.

19.08: La battaglia sul fronte della disputa dei playout ha subito un’ulteriore rinvio: dopo l’accoglimento dell’istanza di annullamento in via cautelare del provvedimento della Lega Professionisti di B con la quale si disponeva l’eliminazione degli spareggi, questo pomeriggio la Corte Federale d’Appello ha rinviato l’udienza al 29 maggio per l’astensione del presidente Sergio Santoro, a causa di alcune indagini in corso sul suo conto. In assenza della pronuncia della Corte non è possibile disputare gli eventuali playout: quindi il Foggia dovrà attendere quella data per conoscere il suo futuro nella Serie cadetta.

14.59: I legali della Salernitana sono diretti verso il Collegio di Garanzia dello Sport, istituito presso il Coni, per attendere la sentenza che verrà pronunciata sul ricorso presentato dal Palermo. Infatti, dall’esito del giudizio, si potranno ricavare importanti dettagli sul futuro della Serie B: se venisse accolto il ricorso, la Salernitana dovrebbe disputare il playout contro il Venezia e il Foggia in tal caso verrebbe retrocesso in Lega Pro.

potrebbe interessarti ancheIl Foggia ricorre al Tar del Lazio, la Salernitana diffida la Figc: sarà un’altra settimana di fuoco per la Serie B?

14.39: In attesa del verdetto della Corte Federale d’Appello, che dovrà decidere il ricorso del Palermo, potrebbero profilarsi due scenari: in caso di accoglimento delle richieste del club rosanero, il Foggia non avrebbe chance per la salvezza e si paventa lo spettro della retrocessione in Serie C; in caso di rigetto invece i satanelli avrebbero l’occasione per accedere ai playout contro la Salernitana.

12.13: Il Tar del Lazio deve discutere nel merito del ricorso presentato dal Foggia il prossimo 28 maggio. La speranza del club rossonero è che la Corte Federale d’Appello confermi la sentenza di primo grado, con conseguente retrocessione d’ufficio nei confronti del Palermo: in tal caso i satanelli disputerebbero i playout contro la Salernitana, che è avanti appena una lunghezza. Il Venezia, infine, risulterebbe a tutti gli effetti salvo.

12.00: Nel pomeriggio di oggi dovrebbe arrivare il parere del Collegio di Garanzia dello Sport, istituito presso il Coni. Intanto secondo quanto riporta il portale tuttosalernitana.com, il Foggia incamera l’annullamento in via cautelare della delibera della Lega B, con la conseguenza che i playout verranno così ripristinati, in attesa del verdetto della Corte Federale d’Appello, che nel pomeriggio, precisamente a partire dalle ore 14.00, deciderà le sorti del Palermo.

Oggi si giocherà una delle partite più importanti per il futuro della Serie B: è atteso infatti in giornata il parere consultivo del Collegio di Garanzia dello Sport che avrà il compito di valutare la legittimità della delibera adottata dalla Lega Nazionale Professionisti B.
Il Foggia, retrocesso in Serie C in seguito alle disposizioni della Serie cadetta, spera quanto meno nel ripristino dei play-out, cogliendo così la possibilità di giocarsi lo spareggio con la Salernitana per la permanenza nella stessa categoria.

potrebbe interessarti anchePlayoff e playout di Serie B : qual è la situazione?

Collegio di Garanzia dello Sport, Foggia ai playout?

Il presidente della Figc Gabriele Gravina attenderà oggi il parere consultivo del Collegio di Garanzia dello Sport: quanto verrà riportato dall’organismo del Coni non sarà comunque vincolante per il numero uno del calcio italiano, che potrà senza problemi magari adottando una propria interpretazione.
Nelle ultime ore tuttavia si era scatenato un putiferio intorno alla figura del presidente della V Sezione consultiva del Collegio di Garanzia dello Sport: infatti ad istruire la pratica era la professoressa Virginia Zambrano, docente di Diritto Privato Comparato presso l’Università degli studi di Salerno, originaria proprio della provincia campana e grande tifosa dei granata. In seguito alle veementi proteste provenienti dalla tifoseria del Foggia, è arrivata nella giornata di ieri l’astensione della presidente.

La V Sezione del Collegio di Garanzia dello Sport è composta, oltre che dalla professoressa Zambrano, presidente, anche da Paola Palmarini, Carlo Bottari, Maurizio Cinelli, Amalia Falcone, Giancarlo Armati, Lamberto Cardia, Emidio Frascione, Marcello Molè, Carmine Volpe, Vittorio Stelo, Guido Calvi, Pierpaolo Bagnasco, Mario Tonucci, Barbara Agostinis, Giovanni Bruno, Giuseppe Albenzio, Savio Picone.
Il Foggia attende con trepidazione il responso dell’organismo del Coni: qualora arrivasse un parere negativo, i satanelli, attraverso i propri legali, punteranno il tutto per tutto sul Tar, il ricorso verrà discusso a breve.

notizie sul temaRicorso Foggia, il Collegio di Garanzia rigetta l’istanza: Salernitana salva, ma i playout potrebbero tornareVerona-Foggia 2-1 (Video Gol Serie B): Di Carmine manda in paradiso il Bentegodi. Scaligeri ai playoff, pugliesi retrocessi in CFoggia-Perugia 1-0 (Video Gol Serie B): Greco fa esplodere lo Zaccheria. Pugliesi a -1 dalla salvezza diretta
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: