F1 Qualifiche GP Belgio 2019: Leclerc fa sua la terza pole della carriera. La griglia di partenza completa

Pubblicato il autore: Mattia Orlandi Segui

GP Belgio

Charles Leclerc completa una due giorni dove è quasi sempre stato il più veloce ed ottiene la pole position nel GP Belgio, tredicesima prova del Mondiale di Formula 1 2019. Il monegasco ferma il cronometro sul tempo di 1’42”519 (nuovo record del circuito di Spa-Francorchamps, partendo così davanti a tutti per la terza volta in stagione (ed in carriera) con ben sette decimi sull’altra Ferrari di Sebastian Vettel (le due Rosse non completavano una prima fila dal GP Bahrain) e la Mercedes di Lewis Hamilton.

Quarto posto per l’altra Freccia d’Argento di Valtteri Bottas, mentre in terza fila troviamo la Red Bull di Max Verstappen e la Renault di Daniel Ricciardo. Completano la top-10 Nico Hulkenberg (Renault, che però subirà una penalità di cinque posizioni sulla griglia), l’Alfa Romeo di Kimi Raikkonen, Sergio Perez (Racing Point) e la Haas di Kevin Magnussen. Rottura del motore, durante la Q1, sia per la Williams di Robert Kubica che per l’Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi.

CLICCA QUI PER AGGIORNARE IL LIVE

QUALIFICHE GP BELGIO 2018
Circuito di Spa-Francorchamps, tredicesima prova del Mondiale di F1

BANDIERA A SCACCHI! Leclerc ottiene la pole position del GP Belgio, la terza in stagione. Vettel secondo a sette decimi (record nel primo settore, ben cinque decimi persi nel terzo), riuscendo a piazzarsi di poco davanti ad Hamilton
16.11 –
I piloti stanno per effettuare il secondo tentativo
16.06 – 1’42”644: pole provvisoria per Leclerc, con ben sei decimi su Hamilton e otto su Vettel
16.00 – Al via la Q3 del GP Belgio
: dodici minuti a disposizione dei piloti per l’assalto alla pole position. Vi prenderanno parte le due Ferrari, le due Mercedes, la Red Bull di Verstappen, le due Renault, l’Alfa Romeo di Raikkonen, la Racing Point di Perez e la Haas di Magnussen
15.54 – Terminata anche la Q2: Leclerc e Vettel migliorano il proprio tempo, mentre sono stati esclusi Grosjean, Norris, Stroll, Albon e Giovinazzi


15.48 –
Albon scende dalla sua vettura, già conscio del fatto che partirà in fondo alla griglia
15.43 – 1’43”376: ancora miglior tempo per Leclerc, con un decimo su Vettel e due su Hamilton
15.42 –
Non un granché il primo giro di Albon, all’esordio sulla vettura austriaca al posto di Gasly
15.39 –
Le due Mercedes scendono in pista con gomme soft. Stessa strategia per Ferrari e Red Bull
15.37 – Inizia la seconda parte delle qualifiche del GP Belgio: quindici minuti a disposizione dei piloti e sempre gli ultimi cinque saranno eliminati
15.34 –
Solo ora la vettura del pilota italiano è stata rimossa. L’inizio del Q2 è rinviato
15.28 – Problemi al motore anche per Giovinazzi. La Q1 del GP Belgio termina qui ed il miglior tempo è del monegasco della Ferrari; eliminati Gasly, Sainz, Kvyat, Russell e Kubica


15.27 –
L’olandese si prende la terza posizione, ad un secondo da Leclerc
15.25 –
Le due Mercedes montano gomme soft (banda rossa) nuove ed effettueranno un secondo tentativo. Verstappen è tornato in pista
15.21 – 1’43”587: miglior tempo per il monegasco della Ferrari e mezzo secondo rifilato a Vettel
15.20 –
Problemi sulla Red Bull dell’olandese, che va a velocità limitata. Bottas effettua il miglior tempo
15.18 –
Entrambe le Rosse sono in pista. Verstappen sta effettuando il primo giro cronometrato
15.15 – Riparte la Q1 del GP Belgio. Hamilton scende in pista, mentre si lavora sulla Ferrari di Leclerc
15.13 –
La sessione riprenderà tra due minuti
15.06 – Bandiera rossa! In fiamme il motore Mercedes della Williams di Kubica


15.05 –
In pista i due ferraristi, mentre Hamilton è ancora fuori dalla propria vettura
15.00 – Inizia la prima parte delle qualifiche del GP Belgio: diciotto minuti a disposizione dei piloti e gli ultimi cinque che faranno segnare il tempo peggiore saranno eliminati
14.52 –
Meno di dieci  minuti al via della Q1


13.02 –
Buon pomeriggio appassionati di SuperNews e benvenuti alla diretta scritta delle qualifiche del GP Belgio 2019. Nell’ultima sessione di prove libere ancora miglior tempo di Leclerc, davanti a Vettel e Bottas. Incidente alla curva 12 per Hamilton, che ha causato una bandiera rossa

F1, GP Belgio 2019: risultati delle prime due sessioni di libere

Nella prima giornata di prove libere del Gp Belgio 2019, sul circuito di Spa-Francorchamps, il miglior tempo è stato ottenuto dalla Ferrari di Charles Leclerc, che realizza 1’44”123 durante la FP2. Il secondo miglior tempo lo realizza Sebastian Vettel, fermandosi a 451 millesimi di distacco (miglior tempo della prima sessione), davanti alle Mercedes di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton, rispettivamente a 846 ed 852 millesimi dal monegasco. In quinta posizione troviamo una delle sorprese di giornata, ossia la Racing Point di Sergio Perez, che precede le due Red Bull di Max Verstappen ed Alexander Albon.

Chiudono la top-10 Kimi Raikkonen (Alfa Romeo, a lungo in dubbio per un presunto stiramento alla gamba sinistra), la seconda Racing Point con Lance Stroll e la Renault di Daniel Ricciardo. In FP1 Nicholas Latifi è sceso in pista al posto di George Russell sulla Williams, mentre per quanto riguarda il passo gara le due Frecce d’Argento sono state leggermente più veloci delle due “Rosse”, sia con mescola media che morbida. Diversi piloti hanno fatto delle sostituzioni sulle loro Power Unit, con Hulkenberg, Ricciardo e Sainz che subiranno una penalità di cinque posizioni sulla griglia di partenza, mentre Albon, Kvyat e Stroll partiranno nelle ultime tre posizioni.

F1, GP Belgio: l’albo d’oro delle pole position sul circuito di Spa-Francorchamps
Piloti
5 – Lewis Hamilton (Regno Unito): 2008, 2013, 2015, 2017, 2018
4 – Juan Manuel Fangio (Argentina): 1951, 1953, 1954, 1956
Ayrton Senna (Brasile): 1988, 1989, 1990, 1991
3 – Graham Hill (Regno Unito): 1962, 1963, 1965
Alain Prost (Francia): 1983, 1985, 1993
Mika Hakkinen (Finlandia): 1998, 1999, 2000
2 – Nigel Mansell (Regno Unito): 1987, 1992
Jacques Villeneuve (Canada): 1996, 1997
Juan Pablo Montoya (Colombia): 2001, 2005
Nico Rosberg (Germania): 2014, 2016
1 – Giuseppe Farina (Italia): 1950
Alberto Ascari (Italia): 1952
Eugenio Castellotti (Italia): 1955
Mike Hawthorn (Regno Unito): 1958
Jack Brabham (Regno Unito): 1960
Phil Hill (USA): 1961
Dan Gurney (USA): 1964
John Surtees (Regno Unito): 1966
Jim Clark (Regno Unito): 1967
Chris Amon (Nuova Zelanda): 1968
Jackie Stewart (Regno Unito): 1970
Nelson Piquet (Brasile): 1986
Rubens Barrichello (Brasile): 1994
Gerhard Berger (Austria): 1995
Michael Schumacher (Germania): 2002
Jarno Trulli (Italia): 2004
Kimi Raikkonen (Finlandia): 2007
Giancarlo Fisichella (Italia): 2009
Mark Webber (Australia): 2010
Sebastian Vettel (Germania): 2011
Jenson Button (Regno Unito): 2012
Costruttori
10 – McLaren: 1985, 1988, 1989, 1990, 1991, 1998, 1999, 2000, 2005, 2012
9 – Ferrari: 1952, 1956, 1958, 1961, 1966, 1968, 1995, 2002, 2007
7 – Williams: 1986, 1987, 1992, 1993, 1996, 1997, 2001
6 – Mercedes: 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018
3
– BRM: 1962, 1963, 1965
2 – Alfa Romeo: 1950, 1951
Maserati: 1953, 1954
Renault: 1983, 2004
Red Bull Racing: 2010, 2011
1 – Lancia: 1955
Cooper: 1960
Brabham: 1964
Lotus: 1967
March: 1970
Jordan: 1994
Force India: 2009

F1, GP Belgio 2019: dove seguirlo
Il Gran Premio sarà visibile in diretta esclusiva sui canali satellitari di Sky Sport, con la possibilità di usufruire dei servizi streaming di Sky Go e NOW TV.

notizie sul temaF1, GP Singapore 2019: la presentazione del circuito di SingaporeFlavio Briatore.” Leclerc è riuscito in alcune gare a cooptare meglio di Vettel. Il mondiale è stato deciso nella prima gara”F1: i 5 miglior momenti del GP d’Italia 2019
  •   
  •  
  •  
  •