F1, Bianchi, le parole di Philippe Streiff : “Se uscirà dal coma sarà molto dura per lui”

Pubblicato il autore: Ivana Notarangelo Segui

Jules Bianchi

Dopo le dichiarazioni su Michael Schumacher, l’ex pilota di F1 Philippe Streiff (anch’egli bloccato sulla sedia a rotelle dopo un incidente durante i testi in Brasile nel 1989) non mostra ottimismo neppure sulle condizioni di salute di Jules Bianchi. A tal proposito, Streif afferma: “Purtroppo le notizie non sono buone, Jules è ancora in terapia intensiva e non è idoneo al trasporto. E’ molto più grave, a mio parere, rispetto a Schumacher, per la dinamica dell’incidente. Temo che, se uscirà dal coma, sarà molto dura per lui e per la sua famiglia“. Il sospetto che ci sia una solida base di verità nelle sue parole è più che fondato; infatti, dal momento dell’incidente Bianchi non è mai uscito dal coma, non ha mostrato segni di miglioramento, né sono giunte su di lui notizie confortanti dai pochissimi e rari comunicati stampa, diffusi dal team Marussia o dalla stessa famiglia di Bianchi. Il timore è che le parole di Streif suonino come una sentenza definitiva e senza appello per il pilota francese, che resta in coma dal tragico incidente di Suzuka, che magari non rischia più la vita, ma potrebbe non tornare mai più ad una vita normale. La speranza, del resto, è che anche per Bianchi possano giungere segni di ripresa, come è già avvenuto per Schumacher, in modo da permetterne un veloce ritorno a casa; qui, circondato dall’affetto dei suo cari, Bianchi potrebbe trovare un motivo in più per lottare e sopravvivere.

  •   
  •  
  •  
  •