F1: a Suzuka è game over Ferrari

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

La matematica ancora non chiude i giochi, ma l’ennesimo problema sulla Ferrari di Vettel porta ad un altro ritiro, un altro zero in classifica iridata.
A Suzuka vince Hamilton, autore di una gara precisa e senza sbavature. Alle sue spalle le Red Bull di Verstappen e Ricciardo. Bottas quarto, solo quinto l’altro ferrarista Raikkonen partito dalla decima piazza.

La gara.

Al via è buono lo spunto di Hamilton, male Vettel che viene subito scavalcato da Verstappen. Bastano due soli giri per capire che sulla Ferrari numero 5 qualcosa non va: Vettel non ha potenza e continua a perdere posizioni. Al quinto giro ecco che ritorna ai box per il ritiro che spiana la strada al rivale Hamilton per la vittoria del titolo.
Luis è in testa, alle sue spalle Verstappen. La lotta è dietro i primi due. Ricciardo conquista la terza posizione ai danni di Ocon. Bottas e Raikkonen, autore di una brutta partenza, recuperaro qualche posizione.
Alla sosta per il pit stop la situazione non cambia: Hamilton gestisce la gara, con il ritiro di Vettel sa di avere in tasca il mondiale, mentre i piloti Red Bull tentano di avvicinarsi il più possibile.
Gli ultimi giri sembrano pura formalità per l’inglese della Mercedes nonostante Verstappen si avvicini fino ad un solo secondo di distanza e a qualche problema, forse alla power unit, che non lascia Hamilton troppo sereno per le prossime gare. Dopo 53 giri sul traguardo è comunque Hamilton al comando con le due Red Bull alle sue spalle.

Classifica Piloti e Costruttori.

Con 306 punti Hamilton mette una seria ipoteca sul titolo di Campione del Mondo 2017. Vettel resta fermo a 247. Con quattro gare alla conclusione la Ferrari deve probabilmente salutare i sogni iridati.  Il problema ad una candela d’accensione spegne quasi ogni speranza. Servirebbe un miracolo al ferrarista per recuperare lo svantaggio.
La classifica costruttori vede la Mercedes dominare con 540 punti. Ferrari seconda con 395 e Red Bull in rimonta a 303.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •