F1, Marchionne non si arrende: “Non credo alla sfortuna, mondiale ancora aperto”

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui


Dopo il disastroso week-end di Suzuka che ha visto Hamilton fuggire a +59 in classifica, complice il ritiro di Sebastian Vettel, Sergio Marchionne invita i suoi a non mollare e credere nella rimonta iridata.
Crisi nera Ferrari: altro problema di affidabilità. Ancora una volta, la Ferrari ha dovuto fare i conti con la malasorte e, complice il ritiro di Vettel, Hamilton è riuscito ulteriormente ad allungare in campionato portandosi a +59 da Vettel con la possibilità di chiudere i conti già ad Austin fra 2 settimane. L’umore in casa Ferrari non è rosso anzi il contrario: nero come il periodo che stanno vivendo gli uomini di Maranello da un mese a questa parte. Prima il sorpasso mondiale di Hamilton ai danni di Vettel a Monza e poi solo problemi di affidabilità: il Crash di Singapore, i problemi in Malesia e in Giappone e quest’ultimo potrebbe costare caro. Il tedesco della Ferrari, dopo questo ritiro pesante, vede tutta la strada in salita mentre l’inglese della Mercedes cavalca l’onda dell’entusiasmo.
Marchionne non vuole mollare: crede ancora nel titolo iridato. Nel momento peggiore della stagione Ferrari a prender in mano la situazione è il presidente Marchionne: ormai, quando tutto sembra perduto, il presidente della Rossa invita i suoi a non mollare e credere nella rimonta e dichiara: ” Ci sono ancora quattro gare, la stagione non è persa. L’impegno continua. Sono sicuro che se non avessimo avuto i problemi avuti nelle ultime tra gare avremmo fatto un discorso diverso. Ricordiamoci che l’anno scorso nessuno avrebbe scommesso che la Ferrari si sarebbe trovata in queste condizioni. Sono contentissimo di quanto ha fatto la squadra. Ho una fiducia immensa che nelle prossime quattro gare riusciremo a colmare il divario con la Mercedes”
Parole rassicuranti quelle dette da Sergio Marchionne che vuole che tutti si impegnino affinchè il sogno di poter vincere il mondiale si realizzi. Non vuole parlare nemmeno di sfortuna il presidente che, su quanto accaduto in queste ultime gare, dice: “ Non parlo di sfortuna perché non ci credo, sono cose che succedono a tutti noi specialmente in gara. La cosa importante è non perdere la fiducia che ci ha portato fin qui!”
Non solo Marchionne: anche Arrivabene carica i suoi. Anche il team Principal della Rossa ci crede e vuole che tutti i suoi uomini siano carichi per affrontare l’ultime gare della stagione. Al termine del Gp di Suzuka, infatti, ha dichiarato: “ Io e Seb ci siamo abbracciati per dire che non vogliamo mollare. I punti sono tanti, è vero, ma la macchina è buona e andremo avanti fino alla fine.”
Per la Ferrari si prospetta un finale di stagione difficile: c’è una rimonta difficile da portare a termine e i punti che separano Vettel da Hamilton sono tanti però c’è grande entusiasmo e voglia di dimostrare che, nonostante questi inconvenienti meccanici, la Ferrari c’è ed è più forte di prima.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •