F1 pagelle GP Giappone: Hamilton imperatore a Suzuka

Pubblicato il autore: Federico Burzotta Segui

F1 pagelle GP Giappone
F1 pagelle GP Giappone: Lewis Hamilton vince l’ottava gara stagionale e vola addirittura a +59 su Sebastian Vettel, che si ritira nel corso del 5º giro a causa della rottura del motore. Analizziamo quindi la prestazione dei piloti che hanno dato battaglia sul circuito di Suzuka.

F1 pagelle GP Giappone

Hamilton voto 10 – Spa, Monza, Singapore e Suzuka e nel mezzo il “negativo”, si fa per dire, secondo posto di Sepang. Se è vero che non fa nulla di eccezionale si dimostra ancora una volta il pilota più forte del Circus. Scatta bene dalla pole, si difende dall’offensiva di Verstappen e sfrutta l’aiuto del compagno di scuderia. Il Mondiale di F1 sarà soltanto un proforma.

Verstappen voto 9 – Galvanizzato dalla vittoria in Malesia conquista il secondo podio consecutivo in Giappone e, soprattutto, arriva davanti al compagno Ricciardo. Max ormai guida da veterano e se non fosse per il blocco (legittimo) di Bottas e quello di Alonso durante il doppiaggio, forse avrebbe potuto insidiare Hamilton per la prima piazza.

Ricciardo voto 7 – Si fa bruciare in partenza da Verstappen e per il resto gestisce una gara normale riuscendo ad andare sul podio.

Bottas voto 7,5 – Undicesimo piazzamento consecutivo tra i primi cinque e anche se non raggiunge il podio insidia Vettel al secondo posto della classifica piloti a sole 13 lunghezze. Leggermente in flessione in questa parte finale di stagione, comunque il suo aiuto è prezioso per la vittoria di Hamilton.

F1 pagelle GP Giappone

F1 pagelle GP Giappone
Raikkonen voto 7,5 – 
Con Iceman non ci si annoia mai. Parte in sesta fila a causa della sostituzione del cambio, necessaria dopo l’incidente avvenuto nel corso delle prove libere. Il finlandese parte malissimo rendendo difficile la sua rimonta fino al 5º posto finale. Come il compagno di squadra paga dazio nel trittico di gare nel continente asiatico.

Vettel Senza voto – Motore in panne dopo cinque giri e addio a tutto. Quantomeno non si può recriminare per un Mondiale perso per questione di dettagli: finale di stagione in caduta libera.

Force India voto 8 – Quarta forza del Mondiale costruttori e ormai una bella realtà del Circus. Le “pantere rosa” di Ocon Perez chiudono rispettivamente 6ª e 7ª portando altri punti in cascina per il costruttore indiano.

Magnussen voto 8 – Come il piazzamento per il danese della Haas che finalmente si riscatta dopo una stagione anonima andandosi a conquistare l’ottava piazza con un grande sorpasso su Massa.

Alonso voto 5 – Ennesima gara da cestinare per il pilota spagnola che chiude undicesimo e non conquista nemmeno un punto sulla pista di casa della Honda. Nel finale è protagonista di un’altra ostruzione durante un doppiaggio che favorisce Hamilton ai danni di Verstappen.

Ferrari 3 – Harakiri asiatico: incidente al via a Singapore, mancanza di affidabilità in Malesia e soprattutto a Suzuka dove Vettel abbandona la gara durante il 5º giro. Peccato perché a metà stagione sembrava fosse “l’anno buono” e invece si è trasformato in un incubo senza fine. Il Mondiale costruttori, come il Mondiale piloti, ormai ha preso la via di Stoccarda e il successo iridato di Kimi Raikkonen nel 2007 rimarrà ancora l’ultima gioia per la Rossa di Maranello. Urgono aggiornamenti.

  •   
  •  
  •  
  •