Gp del Brasile, shock nella Formula 1: meccanici Mercedes minacciati con delle pistole

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

Episodio shock accaduto ieri sera nel circus della F1: secondo quanto raccontato da Lewis Hamilton i meccanici della Mercedes sarebbero stati aggrediti e minacciati di morte con delle pistole puntate alle testa.

L’episodio shock: meccanici Mercedes aggrediti. La Mercedes sta vivendo un periodo d’oro: anche quest’anno il team inglese è riuscito a conquistare sia il titolo piloti, grazie ad uno straordinario Lewis Hamilton, e il titolo costruttori per un dominio che dura da 4 anni. Ieri, però, i meccanici Mercedes hanno vissuto un vero e proprio incubo: i due gruppi di meccanici ( un gruppo lavora per Lewis e uno per Bottas) dopo aver concluso il loro lavoro escono dal circuito per dirigersi in hotel quando un gruppo di malviventi li ha braccati minacciandoli con dell armi da fuoco. A denunciare l’accaduto è il pilota britannico della Mercedes Lewis Hamilton che, via social, esprime tutto il suo rammarico per la brutta esperienza vissuta dai suoi meccanici ieri notte: “Alcune persone del mio team si sono viste puntare una pistola ieri sera e sono state rapinate mentre lasciavano il circuito. Sono stati anche sparati dei colpi e la pistola è stata puntata alla testa. E’ qualcosa di sconvolgente. Vi chiedo di pregare per i miei ragazzi che oggi sono qui a fare il loro lavoro anche se scossi. Questi episodi si ripetono tutti gli anni qui: la F1 e le squadre devono fare di più, non ci sono scuse!” Una serata da dimenticare dai meccanici Mercedes che, per poco, hanno rischiato di perdere la vita.

Lauda indignato per l’episodio. Anche il presidente onorario della Mercedes Niki Lauda è scosso per ciò che è capitato ai suoi uomini. L’ex ferrarista ha raccontato ai microfoni di Tv Globo quanto successo la scorsa notte durante questa disavventura dei meccanici Mercedes lanciando un appello agli organizzatori dell’evento: “Mi hanno detto che 5 o 6 persone sono uscite da un’auto vicino alla nostra, erano armate e hanno puntato una di queste armi alla testa di un nostro meccanico. E’ rimasta coinvolta solo una delle vetture del team, ma siamo tutti turbati. Abbiamo chiesto agli organizzatori di assicurare maggiore sicurezza a tutti coloro che escono dal circuito dopo aver terminato il loro turno di lavoro.” Una piccola critica mandata da Lauda agli organizzatori del Gran Premio ma ben fondata perchè a nessuno piacerebbe trovarsi in certe situazioni.

  •   
  •  
  •  
  •