MotoGP, Meregalli (Yamaha): “Dobbiamo capire in fretta l’origine dei problemi della M1”

Pubblicato il autore: Davide Curti Segui

In un’intervista rilasciata al portale GPOne.com, il team manager della Yamaha, Massimo Meregalli, ha fissato l’obiettivo essenziale da centrare nei test di Losail: riuscire a comprendere l’origine dei problemi che affliggono la M1. A partire dal terzo giorno di prove in Malesia infatti, le moto del team Factory sono andate incontro a un decadimento delle prestazioni, continuato, poi, in maniera più o meno evidente con Valenitno Rossi e Maverik Vinales, anche nel test di Buriram, in Thailandia. E senza che i due piloti abbiano individuato in maniera chiara l’origine dei guai. Un ritornello amaro, che però risuona nel box Yamaha dalla metà circa della stagione 2017.

potrebbe interessarti ancheMotoGP, Marquez si scusa con Lorenzo. Jorge in dubbio per il GP di Thailandia

VALENTINO ROSSI PUNTA IL DITO SULLE’ELETTRONICA – Il pesarese dall’alto della sua consolidata esperienza aveva puntato il dito contro l’elettronica già nella scorsa stagione. E anche quest’anno, dopo i primi due week end di test, continua a rivolgere lo sguardo in quella direzione. Maverik Vinales è invece orientato in un’altra direzione, come lo stesso Meregalli ha confermato: “Valentino è molto contento di come si guida la nuova moto, ma ha sofferto molto dal punto di vista dell’elettronica. Vinales, invece, ha evidenziato problemi in frenata e non riusciva a curvare come avrebbe voluto. Entrambi i piloti però sono soddisfatti del nuovo motore e della velocità di punta che garantisce”.

potrebbe interessarti ancheMotoGP Aragon, Lorenzo accusa Marquez: “Mi ha fatto cadere, non si cura degli altri piloti”

INDIVIDUARE L’ORIGINE DEI PROBLEMI – Quello che Massimo Meregalli fissa come punto da centrare dei test di Losail, è l’individuazione certa dei problemi che rallentano la M1 “A Buriram si sono ripresentati alcuni dei limiti di cui soffrivamo lo scorso anno, ma questa volta i piloti hanno lamentato problemi diversi e questo ci costringe a lavorare seguendo due differenti direzioni”. E quando gli si chiede quale possa essere la ragione o le ragioni che fanno soffrire i suoi piloti, il team manager italiano sembra offrire una sponda a Valentino Rossi. “A questo punto penso che sia l’elettronica l’area da sistemare. L’anno scorso avevo qualche dubbio, ma Valentino ci aveva detto già dopo il Gran Premio di Argentina che andava sviluppata. A Losail voglio capire esattamente quale problema ci sia a monte. Non mi interessa semplicemente fare il giro più veloce, ma voglio capirne il motivo”. Nonostante sia anch’esso disorientato dalla situazione attuale, le aspettative di Meregalli in vista della nuova stagione restano comunque alte: “Tre anni fa, dopo i test in Qatar, tutti dicevano che il progetto della M1 era giunto al capolinea e che serviva una rivoluzione. Quell’anno vincemmo il titolo”. Che sia di buon augurio?.

notizie sul temaMarquez-Lorenzo, il GP di Aragon antipasto della rivalità nel prossimo MotomondialeMotoGp Aragon 2018: Marquez trionfa su Dovizioso, l’ordine d’arrivoMotoGP Aragon streaming live e diretta TV. Dove vedere la gara oggi 23/09 dalle ore 14
  •   
  •  
  •  
  •