MotoGP test Qatar: analisi delle prestazioni e commenti dei piloti

Pubblicato il autore: Davide Curti Segui

In Qatar si è chiuso l’ultimo weekend di test ufficiali per la MotoGP e ora tutti i fari sono puntati sulla prima gara della stagione, che andrà in scena proprio sul circuito di Losail il 18 marzo. Il miglior tempo finale è stato realizzato dal sempre meno sorprendente Johann Zarco, che piazza la sua Yamaha ‘satellite’ davanti a tutti. Bene anche la Yamaha ufficiale di Valentino Rossi, secondo a +0”247 dal francese, e Andrea Dovizioso, terzo a tre decimi. Quinto tempo per Maverik Vinales, il più in difficoltà dei piloti Yamaha. Sesto Marquez e nono Jorge Lorenzo, in cerca di sintonia con la GP18.

MIGLIORA LA YAMAHA – Quella che sembra essere più rinfrancata dai test di Losail è la Yamaha, arrivata nel deserto del Qatar con molte incognite sulla competitività della M1 2018. Valentino Rossi ha chiuso col secondo tempo generale e si è dichiarato soddisfatto del lavoro svolto dai tecnici giapponesi: “Siamo cresciuti molto nella gestione della gomma anteriore, ma l’incognita resta sempre la seconda parte di gara: il punto è che non sappiamo cosa può accadere nella seconda metà di gara” ha detto il pesarese.
A sorprendere, però, è stato ancora una volta Johann Zarco autore del giro più veloce con la M1 2016 del team Tech3. Per lui l’auspicio più grande in vista della nuova stagione è che la casa di Iwata supporti il suo team per tutta la stagione: “Mi auguro che la mia moto resti competitiva per tutto l’anno – le sue parole -, in modo che io possa lottare per la vittoria sempre e che il nostro lavoro venga preso in considerazione. Il mio ritmo è stato costante, ma ho fatto la simulazione di gara a fine giornata, quando ero stanco, e sono stato ancora un po’ lento. Sono comunque contento di aver realizzato il miglio tempo finale”.
Più in difficoltà Maverik Vinales, quinto a +0”442 da Zarco. Lo spagnolo continua a lamentare delle difficoltà nella ricerca del giusto set up: “Abbiamo fatto un buon passo in avanti, ma non riesco ancora a guidare la moto al 100% come lo scorso anno. Abbiamo margine per migliorare, ma se la gara fosse domani non saremmo assolutamente competitivi: il problema è il set up che non si adatta al mio stile di guida e che dobbiamo migliorare notevolmente”.

potrebbe interessarti ancheQualifiche MotoGp Aragon: Lorenzo conquista la quarta pole stagionale davanti a Dovizioso e Marquez

IN CASA DUCATI BENE DOVIZIOSO, LORENZO IN CERCA DI SINTONIA – A Borgo Panigale sorride Andrea Dovioso, autore del terzo tempo finale e costantemente tra i primi nella tre giorni del Qatar. Il forlivese si è dichiarato soddisfatto del risultato ottenuto: “Questi test sono stati meglio del previsto, siamo andati bene in tutti e tre i giorni e i tempi sono venuti facilmente. La nostra moto qui va forte e siamo anche più competitivi dello scorso anno, ma la gara è un’altra cosa perchè potrebbe svolgersi in condizioni diverse. Abbiamo comunque provato tutto il materiale a disposizione, compresa la carena. Dobbiamo ancora decidere sul telaio” la chiusura del Dovi.
In cerca di sintonia con la sua Ducati Jorge Lorenzo, che resta comunque fiducioso per il futuro: “Non sono ancora in sintonia con la nuova moto, ma abbiamo un grande margine per migliorare perchè la Ducati è competitiva. La chiave è capire l’assetto ideale da utilizzare che si sposi con il mio stile di guida e quando ci riusciremo sarò in grado di lottare per la vittoria. Non mi manca la voglia di migliorare e non ho mai perso la fiducia di poter lottare per il titolo con questa moto”.

potrebbe interessarti ancheMoto Gp Aragon Qualifiche live streaming e diretta tv oggi 22 settembre dalle 14

HONDA COSTANTE – E’ lo stesso Marc Marquez a definire la Honda RC213V a un livello di competitività superiore a quello del 2017: “Mi sembra che in tanti siano competitivi, anche se poi al variare delle temperature i valori cambiano. Vedo bene Ducati e Yamaha, ma noi siamo vicini: la nostra moto è a un livello superiore di competitività rispetto al 2017, siamo meno esplosivi sul giro secco, ma più costanti sulla distanza. Questo è quello che conta”. Aumenta la curiosità di scoprire se, a partire dal 18 marzo, il campione del mondo avrà ancora una volta ragione.

NORTHAMPTON, ENGLAND - AUGUST 27: Valentino Rossi of Italy and Movistar Yamaha MotoGP in action during the MotoGP of Great Britain at Silverstone Circuit on August 27, 2017 in Northampton, England. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

(Photo by Shaun Botterill/Getty Images © scelta da SuperNews)

notizie sul temaMotoGP Aragon, Valentino Rossi ci crede: “Voglio tornare sul podio”MotoGP: Fenati, quale sarà il suo futuro?SAO PAULO, BRAZIL - NOVEMBER 12: Sebastian Vettel of Germany driving the (5) Scuderia Ferrari SF70H on track during the Formula One Grand Prix of Brazil at Autodromo Jose Carlos Pace on November 12, 2017 in Sao Paulo, Brazil. (Photo by Clive Mason/Getty Images)Jorge Lorenzo e Sebastian Vettel, i “quasi” incompiuti del 2018
  •   
  •  
  •  
  •