MotoGP test Qatar: analisi delle prestazioni e commenti dei piloti

Pubblicato il autore: Davide Curti Segui

In Qatar si è chiuso l’ultimo weekend di test ufficiali per la MotoGP e ora tutti i fari sono puntati sulla prima gara della stagione, che andrà in scena proprio sul circuito di Losail il 18 marzo. Il miglior tempo finale è stato realizzato dal sempre meno sorprendente Johann Zarco, che piazza la sua Yamaha ‘satellite’ davanti a tutti. Bene anche la Yamaha ufficiale di Valentino Rossi, secondo a +0”247 dal francese, e Andrea Dovizioso, terzo a tre decimi. Quinto tempo per Maverik Vinales, il più in difficoltà dei piloti Yamaha. Sesto Marquez e nono Jorge Lorenzo, in cerca di sintonia con la GP18.

MIGLIORA LA YAMAHA – Quella che sembra essere più rinfrancata dai test di Losail è la Yamaha, arrivata nel deserto del Qatar con molte incognite sulla competitività della M1 2018. Valentino Rossi ha chiuso col secondo tempo generale e si è dichiarato soddisfatto del lavoro svolto dai tecnici giapponesi: “Siamo cresciuti molto nella gestione della gomma anteriore, ma l’incognita resta sempre la seconda parte di gara: il punto è che non sappiamo cosa può accadere nella seconda metà di gara” ha detto il pesarese.
A sorprendere, però, è stato ancora una volta Johann Zarco autore del giro più veloce con la M1 2016 del team Tech3. Per lui l’auspicio più grande in vista della nuova stagione è che la casa di Iwata supporti il suo team per tutta la stagione: “Mi auguro che la mia moto resti competitiva per tutto l’anno – le sue parole -, in modo che io possa lottare per la vittoria sempre e che il nostro lavoro venga preso in considerazione. Il mio ritmo è stato costante, ma ho fatto la simulazione di gara a fine giornata, quando ero stanco, e sono stato ancora un po’ lento. Sono comunque contento di aver realizzato il miglio tempo finale”.
Più in difficoltà Maverik Vinales, quinto a +0”442 da Zarco. Lo spagnolo continua a lamentare delle difficoltà nella ricerca del giusto set up: “Abbiamo fatto un buon passo in avanti, ma non riesco ancora a guidare la moto al 100% come lo scorso anno. Abbiamo margine per migliorare, ma se la gara fosse domani non saremmo assolutamente competitivi: il problema è il set up che non si adatta al mio stile di guida e che dobbiamo migliorare notevolmente”.

potrebbe interessarti ancheMotoGP Germania, Marquez stravince al Sachsenring (VIDEO e highlights della gara). Sul podio Rossi e Vinales

IN CASA DUCATI BENE DOVIZIOSO, LORENZO IN CERCA DI SINTONIA – A Borgo Panigale sorride Andrea Dovioso, autore del terzo tempo finale e costantemente tra i primi nella tre giorni del Qatar. Il forlivese si è dichiarato soddisfatto del risultato ottenuto: “Questi test sono stati meglio del previsto, siamo andati bene in tutti e tre i giorni e i tempi sono venuti facilmente. La nostra moto qui va forte e siamo anche più competitivi dello scorso anno, ma la gara è un’altra cosa perchè potrebbe svolgersi in condizioni diverse. Abbiamo comunque provato tutto il materiale a disposizione, compresa la carena. Dobbiamo ancora decidere sul telaio” la chiusura del Dovi.
In cerca di sintonia con la sua Ducati Jorge Lorenzo, che resta comunque fiducioso per il futuro: “Non sono ancora in sintonia con la nuova moto, ma abbiamo un grande margine per migliorare perchè la Ducati è competitiva. La chiave è capire l’assetto ideale da utilizzare che si sposi con il mio stile di guida e quando ci riusciremo sarò in grado di lottare per la vittoria. Non mi manca la voglia di migliorare e non ho mai perso la fiducia di poter lottare per il titolo con questa moto”.

potrebbe interessarti ancheMotoGp, Gp Germania, le pagelle: Marquez magistrale, Rossi ottimo ‘ragioniere’. Rimonta Viñales

HONDA COSTANTE – E’ lo stesso Marc Marquez a definire la Honda RC213V a un livello di competitività superiore a quello del 2017: “Mi sembra che in tanti siano competitivi, anche se poi al variare delle temperature i valori cambiano. Vedo bene Ducati e Yamaha, ma noi siamo vicini: la nostra moto è a un livello superiore di competitività rispetto al 2017, siamo meno esplosivi sul giro secco, ma più costanti sulla distanza. Questo è quello che conta”. Aumenta la curiosità di scoprire se, a partire dal 18 marzo, il campione del mondo avrà ancora una volta ragione.

NORTHAMPTON, ENGLAND - AUGUST 27: Valentino Rossi of Italy and Movistar Yamaha MotoGP in action during the MotoGP of Great Britain at Silverstone Circuit on August 27, 2017 in Northampton, England. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

(Photo by Shaun Botterill/Getty Images © scelta da SuperNews)

notizie sul temaMotoGP Germania streaming gratis e diretta TV. Dove vedere la gara oggi 15/7 dalle 14RIO HONDO, ARGENTINA - APRIL 07: Marc Marquez of Spain and Repsol Honda Team rounds the bend during the qualifying practice during the MotoGp of Argentina - Qualifying on April 7, 2018 in Rio Hondo, Argentina. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)MotoGP Germania Qualifiche: Marquez precede Petrucci e Lorenzo. Sesto Valentino RossiMotoGp, Dani Pedrosa si ritira. Parla papà Simoncelli: “Suo il primo abbraccio dopo l’incidente di Marco”
  •   
  •  
  •  
  •