MotoGP, Valentino Rossi rinvia il ritiro: “Correrò fino al 2020”

Pubblicato il autore: Mara Pesenti Segui


MotoGP.
Mentre tutti i team sono concentrati sui test a Losail per rifinire il lavoro sulle moto che correranno il campionato 2018, i temi caldi fuori dalla pista sono quelli del rinnovo dei contratti dei piloti. L’ufficialità del rinnovo biennale di Marc Marquez con la Honda ha provocato un effetto domino su tutti gli altri piloti in attesa di rinnovo. Uno su tutti Andrea Dovizioso che entra così nella fase decisiva delle trattative con Ducati, dove si pensa possa restare per altri due anni, così come il suo attuale compagno di squadra Jorge Lorenzo, salvo eventuali clamorose rotture nel corso della stagione. L’attenzione dei più è rivolta però al veterano della motogp, Valentino Rossi, che proprio ieri ha rotto il silenzio in merito al rinnovo del suo contratto. Manca ancora l’ufficialità, ma a quanto pare il pilota di Tavullia continuerà a correre in motogp con la Yamaha fino al 2020. Dopodiché, tra le intenzioni di Valentino ci sarebbe quella di approdare in motogp con un team tutto suo:
“Un mio team in MotoGp? Ci abbiamo pensato, sarebbe stata una bella opportunità, ma posso dire che nei prossimi due anni non faremo un team in MotoGp. Anche perché, probabilmente, correrò io per i prossimi due anni. Quindi, eventualmente, se ne parla più avanti.”

La volontà di proseguire per altri due anni è concreta, ora mancherebbero solo i dettagli del contratto.
Per il resto, il Dottore è concentrato sugli attuali test in Qatar, dopo che in Thailandia la Yamaha ha dimostrato di avere ancora delle difficoltà e di essere indietro rispetto alle dirette rivali Honda e Ducati:
“In questa pista la moto va piuttosto bene e ci troviamo bene anche con il griselle gomme, però la moto è esattamente uguale a due settimane fa in Thailandia dove abbiamo avuto un po’ di problemi quindi anche quest’anno bisognerà convivere con queste differenze di prestazione tra una pista e un ‘altra Però stiamo lavorando, è stata una buona giornata, sono stato piuttosto veloce anche se c’è ancora moto da lavorare sia come telaio che sull’elettronica, che secondo me è la cosa più importante. La moto qui si guida bene quindi è stato un buon primo giorno, ma per stare davanti bisogna migliorare”.

potrebbe interessarti anchePagelle MotoGp Misano: Dovizioso super, bene Marquez. Rossi e Lorenzo deludono
potrebbe interessarti ancheMotoGP Aragon, Valentino Rossi ci crede: “Voglio tornare sul podio”

notizie sul temaQualifiche MotoGP Misano: Lorenzo in pole, Valentino Rossi settimo. La griglia di partenza completaMotoGP, Valentino Rossi anticipa il futuro: “Correrò sulle quattro ruote”MotoGP, clamoroso errore del box Yamaha e Rossi si dispera (VIDEO)
  •   
  •  
  •  
  •