MotoGP, i vecchi padroni della Formula 1 interessati a una quota della Dorna

Pubblicato il autore: Davide Curti Segui

L’indiscrezione secondo cui il fondo CVC sarebbe interessato ad acquisire una quota importante della Dorna, la società spagnola che gestisce la MotoGP, sarebbe un qualcosa di concreto. A riportarla il quotidiano specializzato Finacial Times, secondo il quale una trattativa sulla base di 1 miliardo di euro sarebbe già stata avviata. In questo modo il fondo che fino a 18 mesi fa gestiva i diritti della Formula 1, tornerebbe nuovamente a investire nella società presieduta da Carmelo Ezpeleta, essendo infatti già stato suo partner fino al 2006 prima di vendere per 500 milioni di euro la propria partecipazione a Bridgepoint.

potrebbe interessarti ancheMotoGP, Honda: Daniel Pedrosa proverà a essere presente ad Austin

Un modo utile per il fondo CVC di reinvestire una parte dei circa 8 miliardi di euro ricavati dalla cessione agli americani di Liberty Media dei diritti della Formula 1, spostando il proprio campo d’azione dalla 4 alle 2 ruote e potendo infatti contare su una popolarità della MotoGP cresciuta a dismisura negli ultimi quindici anni, che, si stima, abbia attualmente una base di 300 milioni di spettatori nel mondo. E il merito è dovuto soprattutto alla fiorente gestione della Dorna, che gestisce il Circus del Motomonidale dal 1999 avendone incrementato notevolmente i ricavi da Sponsor, Televisioni e pubblicità. All’operazione, sempre secondo quanto riportato dal quotidiano finanziario americano, sarebbero interessati anche il fondo francese Euraze e il Groupe Bruxelles Lambert. Vedremo se le indiscrezioni riportate porteranno nelle prossime settimane a degli sviluppi concreti.

potrebbe interessarti ancheMotoGP, gli orari del GP Austin e diretta tv: dove vedere la gara in notturna

notizie sul temaMotoGP, dopo le polemiche si torna in pista nel regno di Marquez: il Gran Premo di AustinMaverick Vinales attacca la direzione gara: “Marquez era da bandiera nera al GP d’Argentina”MotoGP, Ducati Pramac interviene in favore di Danilo Petrucci
  •   
  •  
  •  
  •