Ferrari, Vettel si sta confermando “campione vero”. Hamilton e la Mercedes sono avvisati

Pubblicato il autore: danilotaverniti Segui

Sebastian Vettel – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Il Mondiale di F1 vede Vettel e Hamilton contendersi anche in questa stagione il titolo, il ferrarista anche in questo inizio di stagione sta dimostrando tutto il suo valore, mettendo pressione ad un’avversario che sulla carta ha una macchina superiore. Il tedesco ha fin qui disputato un Mondiale quasi perfetto, le sbavature si contano sulle dita della mano, il fenomeno ex Red Bull ha già vinto tre Gp sui sette fin qui disputati. Numeri importanti, che stanno mettendo in evidenza l’affidabilità del buon “Seb”, peccato che l’altro pilota della Ferrari non stia disputando un campionato all’altezza.

Kimi Raikkonen ha fin qui dimostrato di non meritare la conferma a Maranello, vuoi per alcune gare sfortunate, vuoi per le troppe gare in cui ha commesso errori più che evitabili, sta di fatto che Vettel si ritrova da solo a combattere Hamilton e la Mercedes. Una situazione non facile per il pilota tedesco, i Mondiali si vincono anche grazie all’aiuto dei compagni di team, l’auspicio è che anche Raikkonen inizi a carburare, togliendo finalmente punti ai rivali Mondiali di Sebastian Vettel.

potrebbe interessarti ancheF1, Vettel e la Ferrari in crisi: fiducia ai minimi e futuro in bilico dopo il 2019

La carriera di Vettel è di quelle da incorniciare fin qui, per lui 206 gp disputati in carriera, con 103 podi all’attivo e ben 50 vittorie conquistate. Insomma, il buon Sebastian riesce ad andare a podio una gara si e una no, la media è impressionante, stiamo parlando del 50% di podi conquistati nelle gare disputate. Per sottolineare il valore del pilota ex Red Bull non c’era di certo bisogno dei numeri, è evidente a tutti che Vettel ha quel qualcosa in più che solo i grandi campioni possiedono. Paragonarlo a Michael Schumacher non è di certo un’azzardo, considerando che il 3 luglio compirà “solamente” 31 anni e che ha già vinto quattro Mondiali, il paragone ci sta ed è più che proporzionale.

Da sottolineare anche la fedeltà di Vettel verso i colori della Ferrari, in estate ha rifiutato un ricco contratto della Mercedes, rimanendo in Ferrari e cercando di conquistare il titolo con il cavallino rampante. D’altronde, conquistare un titolo con la rossa non sarebbe come conquistarlo altrove, il fascino della Ferrari è unico al mondo e Sebastian l’ha capito fin dal primo giorno che ha messo piede a Maranello. Ora manca la ciliegina sulla torta, quel Mondiale che a Maranello attendono dal lontano 2007, con un Vettel così la Mercedes ed Hamilton devono iniziare a preoccuparsi seriamente. Al momento il pilota tedesco è primo nel Mondiale, con Hamilton che si trova a -1 dall’eterno rivale.

potrebbe interessarti ancheFerrari, Arrivabene: “Il Mondiale? Quasi Mission Impossible. Mick Schumacher? Sarà difficile dirgli di no”

L’anno scorso il titolo è sfuggito nel finale, per via dei troppi problemi di affidabilità della vettura, la speranza è che in questa stagione fili tutto liscio, almeno per quanto concerne l’affidabilità della rossa. Al resto ci penserà il fenomeno tedesco, un pilota molto amato e apprezzato dai tifosi sotto tutti i punti di vista, un pilota che sicuramente merita il titolo per quanto fatto vedere in pista in questi ultimi anni. L’auspicio è che la Ferrari torni ad alzare al cielo nuovamente il Mondiale, nessuno più di Sebastian Vettel merita questo onore, grazie alla sua fedeltà e alle sue grandi performance ha dimostrato di essere uno da “Ferrari”.

notizie sul temaF1, Briatore attacca la Ferrari e Vettel: “Seb nemico di se stesso”F1, Hamilton difende Vettel: “I media mostrino più rispetto”ABU DHABI, UNITED ARAB EMIRATES - NOVEMBER 23: Sebastian Vettel of Germany and Ferrari looks on in the Drivers Press Conference during previews for the Abu Dhabi Formula One Grand Prix at Yas Marina Circuit on November 23, 2017 in Abu Dhabi, United Arab Emirates. (Photo by Clive Mason/Getty Images)F1, Vettel: “Non lascerò la Ferrari”. Il tedesco crede ancora al Mondiale: “Non abbiamo nulla da perdere”
  •   
  •  
  •  
  •