Romano Fenati licenziato dal Team Marinelli, a rischio anche il futuro contratto con Mv Agusta

Pubblicato il autore: AndreaStella Segui

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Romano Fenati licenziato dal Team Snipers Marinelli. Queste le conseguenze del suo sconsiderato gesto. Ora il pilota di Ascoli Piceno avrà tempo e modo di riflettere su quanto accaduto ieri sul circuito di Misano, quando a 200 km/h durante il sorpasso ai danni di Stefano Manzi stringe il freno al connazionale rischiando di fargli perdere il controllo della moto.

Le polemiche a caldo non sono mancate e ci si è interrogati se la decisione della direzione gara fosse congrua o meno.
C’è chi invocava la radiazione, affermando che la bandiera nera e le due gare di stop non fossero sufficienti a punire il pilota per il suo atto irresponsabile tenendo conto che oltre l’antisportività del gesto c’è da considerare la pericolosità dello stesso che avrebbe potuto mettere in pericolo l’incolumità di Manzi.

potrebbe interessarti ancheMotoGp GP Thailandia: Marc Marquez si laurea campione del mondo e beffa Quartararo all’ultima curva

Il giorno dopo la situazione sembra essersi aggravata per il futuro sportivo di Fenati che si ritrova senza una moto per il resto della stagione e probabilmente con accordi per il 2019 che rischiano concretamente di saltare.
Il suo Team di appartenenza, appena dopo la gara non si era espresso, limitandosi a condannare il comportamento del suo pilota ed accettare le sanzioni a lui inflitte. Oggi invece il Team Marinelli esce allo scoperto licenziando Fenati e chiedendo “scusa a tutti i tifosi del motomondiale”.

Il pilota marchigiano inoltre vede allontanarsi la possibilità di salire in sella alla Mv Agusta nel prossimo campionato, in quanto il patron del Team in questione, avrebbe dichiarato di volersi opporre a qualsiasi tipo di accordo si fosse raggiunto in passato e di non volere Fenati alla guida di una delle sue moto. Fenati non sembrava a caldo essere troppo pentito di quello che aveva fatto, minimizzando il suo comportamento e anzi, in suo aiuto erano giunte in serata le parole della mamma che aveva giustificato lo sconsiderato gesto riportandolo quasi ad un atto di difesa contro una scorretta condotta di gara di Manzi, che a detta sua aveva provato ad ostacolare il figlio in maniera pericolosa.

potrebbe interessarti ancheMotoGP GP San Marino 2019: i segreti del tracciato di Misano

Fenati era in ascesa in moto2 e dopo il secondo posto dello scorso anno in classifica generale e con le 10 gare vinte condite da 23 podi in carriera, si era candidato quest’anno ad una stagione di primissimo livello, e per il futuro aveva già la sicurezza di una Mv Agusta per il prossimo anno, dove sarebbe stato il compagno di squadra proprio di Stefano Manzi.A 22 anni la carriera promettente di questo giovane pilota subisce una brutta battuta di arresto, e sembra che il motomondiale gli abbia chiuso ogni possibilità, certo non sarà facile per lui trovare  una moto che gli dia una seconda possibilità, di sicuro sta già pagando caro il prezzo per il suo attimo di follia.

Vedere certe situazioni in pista non fa mai piacere, di piloti in balia dell’adrenalina a più di 200 km/h che fanno cose assurde la storia delle corse ne è piena, ma due piloti italiani, coinvolti in qualcosa che rasenta il limite della follia, sulla pista intitolata a Marco Simoncelli è qualcosa di inconcepibile.

notizie sul temaMotoGP, Silverstone 2019: trionfa Rins! Brutta caduta per Andrea Dovizioso, Rossi quartoMotoGP, GP d’Austria: Super Dovizioso beffa Marquez all’ultima curva, Rossi quartoMotoGP, Qualifiche GP Austria: Marquez in pole, beffati Quartararo e Dovi, Rossi solo decimo
  •   
  •  
  •  
  •