F1, Vettel: “Non lascerò la Ferrari”. Il tedesco crede ancora al Mondiale: “Non abbiamo nulla da perdere”

Pubblicato il autore: Enrico Salvi Segui
ABU DHABI, UNITED ARAB EMIRATES - NOVEMBER 23: Sebastian Vettel of Germany and Ferrari looks on in the Drivers Press Conference during previews for the Abu Dhabi Formula One Grand Prix at Yas Marina Circuit on November 23, 2017 in Abu Dhabi, United Arab Emirates. (Photo by Clive Mason/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Sebastian Vettel non molla: né il mondiale, né la Ferrari. Nonostante l’ultimo periodo, in cui una Ferrari (e un Vettel) in difficoltà per scelte e prestazioni abbiano lanciato Lewis Hamilton verso la conquista del mondiale, le parole del tedesco sembrano riportare serenità all’interno della scuderia di Maranello.

Infatti il quattro volte campione del mondo di F1, citato dalla testata tedesca Auto Bild, prima di lasciare Suzuka ha dichiarato: “Non lascerò la Ferrari. Faccio parte della squadra e voglio solo questo. Penso che abbiamo molto potenziale. Certo, le ultime gare non sono andate bene per noi e abbiamo reso troppo facile la vita alla Mercedes”.

potrebbe interessarti ancheF1, Vettel si complimenta con Hamilton e la Mercedes lo esalta su Twitter

Vettel, sotto contratto con la Rossa fino al 2020, crede ancora fortemente nel progetto Ferrari ed è conscio degli errori commessi quest’anno, che permetteranno a Hamilton di laurearsi campione del mondo per la quinta volta forse già dalla prossima gara in Texas, fra poco meno di due settimane.

Ma fino a che la matematica non lo condanna, il tedesco non ha intenzione di mollare: “Certo, sappiamo che adesso è difficile, ma non abbiamo nulla da perdere in questo momento.“ – ha concluso il portacolori del Cavallino Rampante – “Daremo tutto e ci sono ancora delle cose importanti che possiamo imparare e comprendere sulla vettura”.

potrebbe interessarti ancheLewis Hamilton atto V, è lui il re della Formula Uno moderna

Se siano parole diplomatiche per placare gli animi oppure no, lo sapremo solo in pista: ci sono ancora quattro gare da disputare dando il meglio, dal muretto all’abitacolo, per dare un segnale di riscatto e di presenza a se stessi e alla Mercedes.

notizie sul temaFerrari, Arrivabene: “Cambio Raikkonen-Leclerc? Una mia decisione”Quel diavolo d’un Raikkonen ! La vittoria la GP Austin come premio per la sua carriera in FerrariF1, GP Austin 2018 (Video Highlights): trionfa Raikkonen, Hamilton festa mondiale rinviata
  •   
  •  
  •  
  •