Formula 1, l’idea di Nico Rosberg: “Fusione con la Formula E”

Pubblicato il autore: Matteo Ingrosso Segui

(Photo by David Ramos/Getty Images scelta da SuperNews)

Nico Rosberg ha rilasciato un’intervista al Washington Post, in cui ha parlato della differenza tra Formula 1 e Formula E -il Mondiale di monoposto elettriche-, auspicando nel prossimo futuro una fusione tra le due categorie. Ora come ora le due serie vivono in due mondi separati, sia per quanto riguarda le scelte in termini di motori e di tecnologie ad essi associate. Rosberg si è sempre fatto promotore del passaggio all’auto elettrica, un processo che si sta diffondendo in maniera sempre più capillare nel mondo delle automobili, ma anche in quello delle corse. In quanto azionista della Formula E, inoltre, l’ex pilota tedesco ha ipotizzato un futuro in cui tutte le monoposto non si affideranno più ai motori a combustione interna. Un processo lungo, spiega Rosberg, ma che potrebbe realizzarsi, sulla scia di quanto già sta accadendo. Inoltre, il vantaggio sarebbe quello di unire le due categorie sotto lo stesso proprietario, ovvero John Malone.

potrebbe interessarti ancheF1, Rosberg rivela: ” Ho imparato molto da Schumacher. Batterlo mi ha reso vincente”

Il campione del mondo 2016 ha sostenuto come tale operazione garantirebbe una crescita sia per la Formula 1 che per la stessa Formula E:”Forse non arriveremo mai al punto in cui la FE sia più grande della F1 e vedremo prima una fusione tra la F1 e la FEQuando arriveremo al momento in cui la F1 avrà necessità di passare all’elettrico, cosa che succederà, forse vedremo una fusione. Per la F1, il passaggio all’elettrico sarà grande e difficile. Se il mondo intero vende e guida auto elettriche, non ha senso che la F1 utilizzi un motore a combustione, quindi arriverà questo momento. Il vantaggio è che F1 e FE hanno lo stesso proprietario“.
Prima di Rosberg, anche Ross Brawn, direttore sportivo della Formula 1, aveva marcato la differenza tra le due categorie, non escludendo però un passaggio al motore elettrico delle monoposto, suffragato da un cambiamento che deve avvenire prima in termini commerciali e sociali, in un raggio più ampio. Qualcuno pensa che lo spettacolo possa soffrire questa svolta futura, anche per la diversa velocità delle auto nelle due serie, ma il progresso, si sa, va veloce e qualcuno deve pur inseguirlo.

potrebbe interessarti ancheF1, Rosberg confessione shock: “Hamilton sta pensando al ritiro”

notizie sul temaNico RosbergF1, Rosberg punta su Vettel per il Mondiale: “Hamilton è emotivo…”Disastro Vettel? Ecco le dichiarazioni di Wolff e RosbergF1 Rosberg KubicaF1, Rosberg diventa manager di Kubica: ritorno in pista per il polacco?
  •   
  •  
  •  
  •