Messico Gp: Verstappen non rispetta la bandiera gialla e perde la pole.

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui

Messico Gp. L’Autodromo Hermanos Rodriguez ha regalato una qualifica ricca di emozioni e colpi di scena. Giri tiratissimi, qualche sbavatura, tentativi al limite sono solo alcuni degli elementi che hanno caratterizzato la caccia alla pole del Gp del Messico. Un esito prevedibile in qualche misura, ma certamente non scontato. Al termine di questa funambolica parabola emozionale, Max Verstappen ha conquistato (temporaneamente) la pole position. Una pole provvisoria durata il tempo della consegna del ruotino celebrativo, delle foto di rito e della conferenza stampa. Sì, perché proprio durante la conferenza stampa, rispondendo ad alcune domande, il pilota della Red Bull ha ammesso candidamente quello che i media avevano prontamente notato al termine delle qualifiche. A pochi secondi dalla fine della Q3, il pilota della Red Bull stava effettuando il suo ultimo giro, quello che gli avrebbe dato la pole. Mentre percorreva l’ultimo tratto del circuito, Max Verstappen non ha rispettato il regime di bandiera gialla  in seguito allo spaventoso incidente di Valtteri Bottas. Pur avendo visto la bandiera gialla sventolata a bordo pista da un commissario e la Mercedes incidentata, il pilota della Red Bull non ha “alzato il piede”. Tradotto: ha scelto consapevolmente di non rallentare nonostante ci fosse in pista un pilota fermo contro le barriere nella sua monoposto semidistrutta. Un comportamento poco avveduto, ma sopratutto rischioso.

Messico Gp. Max Vertappen: “Incidente di Bottas? No, non ho rallentato”.

Infatti, in conferenza stampa, gli è stato chiesto se fosse a conoscenza dell’incidente di Bottas mentre stava effettuando il suo giro e Verstappen ha così risposto: “Sì, mi sono accorto che Valtteri avesse fatto l’incidente”. Subito dopo gli è stato chiesto se avesse alzato il piede e il pilota Red Bull sorridendo ha dichiarato: “No, non sembra proprio che io l’abbia fatto, No…“. Poi, i giornalisti hanno continuato a chiedere spiegazioni a Max, ma il tono delle sue risposte non è cambiato.

potrebbe interessarti ancheFormula 1, Ferrari. Mattia Binotto: “La nuova monoposto sarà presentata l’11 febbraio”.

Q: Hai qualcos’altro da dire su questo argomento?
MV: No, penso che tutti noi sappiamo cosa significhi una bandiera gialla.
Q: Perché non hai rallentato quindi, se hai visto la bandiera gialla?
MV: Bene, non credo sia importante. Vero? 
Q: Bene, potrebbe esserlo se la Fia lo considerasse tale.
MV: Allora cancellerebbe il mio giro. Il secondo. L’altro giro (si riferisce al primo tentativo) era buono ugualmente.
Q: Non da una prospettiva di sicurezza? Hai qualche preoccupazione?
MV: Dobbiamo arrivare a questo? Alla sicurezza? Penso che noi tutti siamo consapevoli di ciò che stiamo facendo – altrimenti non correremmo in una monoposto di F1. E’ una qualifica e ci provi. Ma, come ho detto prima, se vogliono cancellare il giro, lo cancellassero.

La sicurezza è una priorità per la FIA e norme come queste esistono per tutelare l’incolumità dei piloti ed evitare rischi inutili. Con il mancato rispetto del regime di bandiera gialla, Max Verstappen ha causato una situazione molto pericolosa.  Così, dopo un’attenta anche se tardiva investigazione, i commissari hanno deciso di retrocedere il pilota della Red Bull di tre posizioni e di toglierli due punti dalla patente. Una sanzione dovuta al fatto che il pilota olandese ha volutamente ignorato la doppia bandiera gialla esposta subito dopo lo spaventoso incidente di Valtteri Bottas.
Oggi, alle 20.10 ora italiana, sarà Charles Leclerc a partire in pole seguito dal suo compagno di squadra Sebastian Vettel. Terzo Lewis Hamilton che guadagna una posizione e scatterà accanto a Verstappen che dopo la penalità partirà quarto.

potrebbe interessarti ancheF1, Gp Abu Dhabi. Le dichiarazioni dei piloti Ferrari dopo l’ultimo gp dell’anno.

notizie sul temaFormula 1 GP Abu Dhabi. Lewis Hamilton vince l’ultimo gp, dominio assoluto Mercedes. Terzo Leclerc.Formula 1, Qualifiche Abu Dhabi. Lewis Hamilton firma la sua quinta pole stagionale.F1 Gp Abu Dhabi, errore in casa Ferrari nel Q3
  •   
  •  
  •  
  •