Formula 1, Brasile GP. Mentre Toto Wolff minaccia il ritiro, Hamilton si dichiara pronto a nuove sfide.

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui

Formula 1, Brasile GP. Il team principal della Mercedes, Toto Wolff, non prenderà parte al penultimo appuntamento stagionale della F1. Ufficialmente, la sua decisione è dovuta alla necessità di occuparsi di temi di una certa rilevanza per la Mercedes in Europa. Un viaggio oltre oceano avrebbe sottratto troppo tempo a questi affari. Era dal 2013 che Toto Wolff non si prendeva una pausa dalla F1. Il team principal ha così motivato ad Autosport:

“Il Brasile sarà anche la prima gara dal 2013 alla quale non prenderò parte. Mi dà più tempo in Europa per concentrarmi su altri temi aperti. È fantastico poterlo fare e sapere che il team rappresenterà nel miglior modo possibile la Stella a tre punte, in pista e fuori”.

“Assenza più acuta presenza…” scriveva Attilio Bertolucci in una delle sue più celebri liriche giovanili… Sì, perché in Brasile sembra che non si parli di altro che di lui. Oltre alla sua decisione un po’ inaspettata, a colpire sono state le dichiarazioni rilasciate da Toto Wolff nei giorni scorsi. Dichiarazioni che suonano alle orecchie di Liberty Media come una minaccia. 

Formula 1, Brasile GP. Toto Wolff: “Non ci sono garanzie per restare oltre il 2020”

Secondo le parole di Toto Wolff la presenza del team Mercedes dal 2021 non è così scontata: “Per il momento tutto indica che resteremo, ma non è qualcosa di irreversibile“. Il nocciolo della questione sarebbe proprio il nuovo regolamento che entrerà in vigore a partire dal 2021 e il patto della Concordia tra i team, attualmente in aperta fase di discussione. La sensazione è che queste parole siano un tentativo di ottenere maggiori vantaggi da Liberty Media che difficilmente potrebbe rinunciare ad un team come Mercedes.  Considerando che la presenza della Renault in F1 è sempre più incerta, perdere un altra scuderia sarebbe un problema e non di poco conto. Toto ha così continuato:

potrebbe interessarti ancheLewis Hamilton e Valentino Rossi pronti allo scambio

La domanda che ci facciamo è se ci interessi rimanere in F1 considerando la direzione che sta prendendo questo sport. Ci sono grandi differenze con la Ferrari, che c’è sempre stata e sempre ci sarà. Noi ci siamo allontanati per un po’, poi siamo tornati e abbiamo vinto tutto. Non dobbiamo più dimostrare nulla. Potremmo anche andar via di nuovo, anche se per ora non ci pensa nessuno.

Paventare lo spauracchio dell’abbandono per poi affermare che al momento non è una questione prioritaria è come lanciare un sasso al centro dello stagno per poi ritirare la mano. L’effetto delle onde circolari dovute al sasso che si inabissa possono avere un effetto tanto più perturbante quanto più grosso è il sasso in questione. In altre parole, le dichiarazioni di Tot Wolff pesano moltissimo anche perché un eventuale abbandono nel 2021 avrebbe conseguenze anche su altri team. La Mercedes fornisce motori alla Racing Point, alla Williams e dal 2021 anche alla Mclaren, attualmente motorizzata Renault. A questo proposito, il team principal ha così commentato:
“Non si può stare contemporaneamente in due paia di scarpe. Se lasciassimo la F1, e al momento non è questa la nostra intenzione, allora dovremmo sospendere anche gli accordi di fornitura”.
A questo punto ci si chiede se quella di Toto Wolff sia una provocazione volta a ottenere maggiori vantaggi nelle contrattazioni in atto per il 2021 o se ci sia un fondo di verità, o entrambe le cose. Certo è che la casa di Stoccarda debutterà fra pochi giorni in FormulaE ed è sempre più proiettata sul settore elettrico anche per le produzioni delle prossime vetture da strada. Lasciare il circus da imbattuti significa anche rinunciare a notevoli benefici economici. Tuttavia, la nuova F1 sembra richiedere enormi risorse economiche per il 2021 e il rischio di non centrare il progetto di una monoposto vincente è concreto.

potrebbe interessarti ancheFormula 1 GP Abu Dhabi. Lewis Hamilton vince l’ultimo gp, dominio assoluto Mercedes. Terzo Leclerc.

Formula 1, Brasile GP. Hamilton: “Sono ancora a caccia di altri successi”

Mentre le parole di Toto Wolff fanno discutere, Lewis Hamilton intervistato dal “Jornal Nacional” di Rete Globo si dichiara pronto a vivere nuove sfide in futuro:

“Al termine del prossimo anno cambieranno molte cose anche per i piloti, che parleranno con vari team… È ovvio che sono ancora a caccia di altri successi. Ora sono più vicino che mai alla vetta e questo mi eccita molto. Penso che nella vita si può sognare e aspirare al futuro, ma è importante anche godersi il presente. Mi godo il presente e, di sicuro, non mi ritirerò a breve. Sono già in cerca di nuovi titoli e, il settimo vorrei vincerlo nel 2020. Odio perdere, anche se non così tanto come quando ero più giovane. (…) Aspetto con ansia il 2021 quando le modifiche aerodinamiche che entreranno in vigore con le nuove regole dovrebbero assicurare molta più competitività fra i vari team. Spero sia così, e che si parta tutti sullo stesso piano. L’idea mi piace perché sono cresciuto così, correndo nei kart”.

Le sue parole unite alle dichiarazioni di Ross Brown hanno lasciato intendere che nel 2021 per il pilota inglese la permanenza in Mercedes non sia poi così scontata. Intervistato dal Daily Mail, Ross Brown, direttore sportivo di Liberty Media, ex ingegnere Ferrari, ha detto: “Lewis potrebbe decidere di intraprendere una nuova sfida alla fine del 2020″. Come accade in questi casi il pensiero di tutti si rivolge alla Ferrari. Vedere Hamilton in rosso è il sogno di molti tifosi e per un pilota del suo calibro guidare una Ferrari sarebbe un po’ come chiudere un cerchio e ottenere un’ulteriore consacrazione. Di dichiarazioni di questo tipo nel corso degli anni ce ne sono state tante, staremo a vedere se questa volta le parole si tradurranno in realtà.

notizie sul temaFormula 1, Qualifiche Abu Dhabi. Lewis Hamilton firma la sua quinta pole stagionale.F1, Qualifiche GP Abu Dhabi: ennesima pole position di Lewis HamiltonF1 Gp Abu Dhabi, errore in casa Ferrari nel Q3
  •   
  •  
  •  
  •