F12016: a Barcellona debutta Halo e i piloti si dividono

Pubblicato il autore: Cristina G. Segui

Sono ormai anni che si parla dell’introduzione di un sistema di protezione in grado di schermare maggiormente il casco del pilota durante le gare di F1, ma solo nei pre-test del campionato f12016 abbiamo avuto finalmente la possibilità di vedere un prototipo di questo genere applicato durante un evento ufficiale.
Come troppo spesso accade per una accelerazione sul tema  si è dovuto attendere l’evento simbolo: il drammatico incidente del 2009 che ha causato la morte di Henry Surtees, colpito alla testa da una gomma volante durante una gara in GP3. È da allora che, con il sostegno di FIA e GPDA, si è dato una deciso sprint allo studio di nuovi sistemi atti a salvaguardare i piloti in questo tipo di situazioni: sono così fiorite svariate proposte tra le quali proprio quello strano oggetto metallico apparso sulle vetture di Vettel e Raikkonen in questi giorni di pre-test f12016, presentato al pubblico col nome “halo”.
Ma cosa pensano veramente i piloti protagonisti del circus di halo? L’ingombrante pezzo in carbonio creato ad hoc per evitare incidenti come quelli occorsi a Justin Wilson, Henry Surtees e Felipe Massa (storicamente unico pilota uscito illeso dall’urto di un detrito sul proprio casco), avrebbe già ricevuto l’approvazione del rappresentate dei piloti Alexander Wurz , che ne avrebbe promosso l’adozione già dal prossimo anno.
Il test effettuato dalla Ferrari, sotto consiglio della FIA ha avuto il fine di verificare eventuali problemi di visibilità riscontrati dai piloti in pista in seguito all’inserimento di halo sulle vetture. I primi resoconti diramati dalla scuderia Ferrari alla fine dei test dichiarano che lo stesso Kimi Raikkonen si è espresso favorevolmente in merito a questa soluzione dal punto di vista della visibilità, mentre alquanto problematica si è rivelata l’entrata e l’uscita del pilota dall’abitacolo. Della stessa opinione del pilota finlandese si è mostrato il suo compagno di squadra Sebastian Vettel che in conferenza stampa ha promosso il sistema testato durante il quarto giorno di test f12016 a Barcellona: “Credo che sia tutto a posto.” Ha dichiarato il pilota tedesco: “Si può migliorare dal punto di vista dell’estetica e della visibilità, continueremo a testarlo al simulatore e valuteremo le varie variazioni che verranno apportate. Non è un gran bel vedere in una vettura di F1 ma, se può aumentare la sicurezza e aiutare a salvare delle vite, ben venga.
Nonostante i feedback positivi dei piloti ferraristi e l’ok ufficiale dell’associazione piloti pare tuttavia che il fronte interno sia tutt’altro che unanime nel promuovere halo, come dimostrano le esternazioni del campione del mondo in carica (nonché tra i favoriti del prossimo campionato f12016) Lewis Hamilton, che invece non ha per nulla gradito il sistema di protezione dell’abitacolo con cui la Ferrari è scesa in pista al Montmelo: “Per favore no!”Questo il giudizio del pilota inglese espresso senza mezzi termini sulla sua pagina Instagram: “E’ la peggior versione di una F1 della storia! D’accordo con la ricerca della sicurezza ma questa è la massima serie e va benissimo com’è ora.” Insomma una ferma bocciatura (forse dettata dall’antiesteticità della struttura in carbonio) quella di Lewis Hamilton nei confronti di halo che con tutta probabilità andrà ad “adornare” le monoposto del Circus a partire dal 2017.

potrebbe interessarti ancheF1, Gp Abu Dhabi. Lando Norris e il suo team radio show.
potrebbe interessarti ancheLewis Hamilton e Valentino Rossi pronti allo scambio

notizie sul temaF1, Gp Abu Dhabi. Le dichiarazioni dei piloti Ferrari dopo l’ultimo gp dell’anno.Formula 1 GP Abu Dhabi. Lewis Hamilton vince l’ultimo gp, dominio assoluto Mercedes. Terzo Leclerc.Gara Gp Abu Dhabi 2019 streaming e diretta tv, oggi 1 dicembre dalle 14.10
  •   
  •  
  •  
  •