Formula 1, perché Raikkonen merita la riconferma

Pubblicato il autore: MATTIA D'OTTAVIO Segui

Formula 1, Raikkonen

Formula 1, è tempo di test per i piloti, che poi andranno in vacanza e si ritroveranno in Belgio per un weekend che si preannuncia già fondamentale. La doppietta Ferrari in Ungheria è stata la migliore medicina dopo il Gp sfortunato a Silverstone e ha messo in mostra Vettel e Raikkonen in versione deluxe. Mentre il tedesco è stato sempre elogiato, a ragione, da stampa e tifosi, per il finlandese il fine-settimana ungherese è stata la fantastica risposta a critiche spesso ingiustificate.

potrebbe interessarti ancheFormula 1, Ferrari-Mercedes pace sui social dopo il GP di Silverstone

Perché se è vero che il distacco dalla Mercedes è abbastanza ampio a causa di mancati piazzamenti importanti in alcuni Gp non all’altezza di Iceman, è anche vero che il divario di 53 punti da Bottas, il “secondo pilota Mercedes” (le virgolette sono per sottolineare che per i vertici della casa di Stoccarda entrambi i piloti sono in lotta per il titolo e la posizione restituita da Hamilton a Bottas ne è la dimostrazione) non sarebbe così ampio per molti episodi che stanno condizionando il campionato di Kimi; andiamoli ad analizzare: le ultime due vittorie di Vettel all’ Hungaroring e a Montecarlo, senza il lavoro del muretto, sarebbero state tranquillamente due vittorie per Raikkonen, che quindi avrebbe avuto almeno 14 punti in più; l’unica gara dove l’unico colpevole dei soli sei punti raccolti da Kimi è il finlandese stesso, è Montreal, dove il ferrarista ha rovinato la sua gara e la sua vettura sfiorando il muro in avvio di gara; in Spagna e a Baku, dopo delle ottime qualifiche, ci ha pensato Bottas a compromettere il Gp del connazionale, che ha chiuso in entrambe le occasioni con uno zero, quindi andando per difetto, magari con almeno un quarto e un quinto posto, avrebbe 22 punti in più.  In Austria e Cina due gare senza infamia e senza lode. Per il resto tutte prestazioni all’altezza, anzi in qualche weekend Raikkonen è andato più forte di Vettel. Ribadendo che questa è una classifica virtuale, e anzi che non ci piace fare i calcoli con i se e con i ma, con 36 punti in più Raikkonen sarebbe stato a soli 17 punti da Bottas e a 36 dalla coppia Vettel-Hamilton (a Seb abbiamo tolto 14 punti tra Montecarlo e Ungheria).

potrebbe interessarti ancheF1, Hamilton e Wolff attaccano la Ferrari dopo GP Silverstone. Lewis: “Bella strategia le Rosse..”

Un rendimento assolutamente all’altezza quindi, dell’ultimo pilota in grado di vincere un mondiale con la Ferrari, che si sta comportando da perfetto compagno di squadra, a differenza delle difficoltà in Red Bull, Toro Rosso e se vogliamo anche Mercedes. È normale che Vettel abbia un trattamento di favore e che Raikkonen gli faccia da secondo accettando di buon grado le decisioni del muretto, ma spesso nei confronti del finlandese sono arrivate critiche prive di ogni fondamento. A Maranello, infatti, i vertici sono soddisfatti del rendimento di entrambi i piloti e annunceranno la loro riconferma al Gp di Monza, inoltre avevano preso questa decisione prima della fantastica domenica ungherese. Che però è servita, e molto, non solo per far tornare alto il morale in Ferrari in vista della tiratissima seconda parte di stagione, ma anche per far capire agli scettici che l’uomo di ghiaccio è tornato.

notizie sul temaABU DHABI, UNITED ARAB EMIRATES - NOVEMBER 23: Lewis Hamilton of Great Britain and Mercedes GP talks in the Drivers Press Conference during previews for the Abu Dhabi Formula One Grand Prix at Yas Marina Circuit on November 23, 2017 in Abu Dhabi, United Arab Emirates. (Photo by Clive Mason/Getty Images)Hamilton, che caduta di stile. Al Gp di Silverstone ha dimostrato di non saper perdereLa vittoria di Vettel a Silvestone rivoluziona l’intero campionato, sempre più a tinte rossePagelle F1 GP Silverstone: Vettel da urlo, Hamilton che rimonta, ottimo Raikkonen
  •   
  •  
  •  
  •