Formula 1, Ferrari-Mercedes pace sui social dopo il GP di Silverstone

Pubblicato il autore: LucMatt Segui

Torna la pace tra Mercedes e Ferrari dopo le velenose e accusatrici parole nel dopogara del Gran Premio di Silverstone, dove Sebastian Vettel si è imposto sui rivali allungando in classifica piloti. Dopo la bandiera a scacchi si è verificato infatti un rovente scambio di battute tra piloti e Team Principal delle due scuderie in lotta per il mondiale, ma ora la pace sembra essere tornata.

 

Sebastian Vettel – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews


I fatti

Kimi Raikkonen va in bloccaggio alla curva Village durante il primo giro del Gran Premio d’Inghilterra, e tocca la ruota del pilota di casa – Hamilton – protagonista di una partenza col freno a mano tirato nonostante la Pole Position. L’inglese si gira e si ritrova di colpo in fondo al gruppo. Dopo la grande rimonta che lo ha visto tagliare il traguardo solo alle spalle di Vettel, il pilota inglese ha tuonato insinuando che fosse una tattica prestabilita da parte della scuderia di Maranello. E così anche Toto Wolff, che facendo eco alle parole del suo pilota e di uno suo ingegnere – Allison – si è chiesto se quella di Kimi fosse una “mossa deliberata o semplice incompetenza?“. Poco dopo il Team Principal austriaco della Mercedes in un’intervista ha parzialmente rettificato le sue accuse: “stavamo scherzando, ma iniziamo a stancarci. È la seconda volta in tre gare che veniamo buttati fuori da una rossa“. Un nervosismo lampante quello di casa Mercedes, dovuto alla cocente sconfitta maturata “a casa loro“, come ha voluto sottolineare Sebastian Vettel dopo aver visto sventolare la bandiera a scacchi per primo, e ad un distacco tra le due scuderie principali degli ultimi anni che sembra assottigliarsi gran premio dopo gran premio.

potrebbe interessarti ancheF1, pagelle Gp Germania: Hamilton superlativo e fortunato, disastro Vettel. Ottimo Bottas

Al numero 1 del muretto Ferrari Maurizio Arrivabene queste parole non sono andate giù, e nel dopogara – dopo i festeggiamenti per questa convincente vittoria in un circuito che negli ultimi anni era diventato emblema dello strapotere Mercedes – si è presentato ai microfoni di Sky: “dovrebbero vergognarsi. Bisogna essere eleganti e saper perdere“.
Qualcosa di più di un semplice battibecco, dovuto anche ad un mondiale che finalmente ci sta regalando equilibrio e spettacolo.

Pace fatta?
Dopo il furente botta e risposta del dopogara in diretta televisiva, i protagonisti si sono affidati ai social network per smorzare i toni. Lewis Hamilton, visto molto scuro in volto sul podio e da sempre molto attivo sui propri profili social, si è affidato ad Instagram per far sapere di aver accettato le scuse del ferrarista Kimi Raikkonen: “Kimi si è detto dispiaciuto. Lo accetto e andiamo avanti. È stato un incidente di gara e niente di più. A volte diciamo cazz*** e impariamo da ciò“. Non si è fatta attendere la replica da parte del Cavallino, che sul suo profilo twitter ufficiale ha fatto sapere di apprezzare il commento di Hamilton in seguito alle scuse del pilota finlandese per l’incidente che anche il campione del mondo in carica ha definito come “incidente di gara“. Dunque la pace sembra essere tornata tra Ferrari e Mercedes, ma la sensazione è quella di stare assistendo ad una semplice tregua di questa battaglia, nella quale mancano ancora 11 gran premi prima della fine. Appuntamento dunque fra due settimane ad Hokeneim, in Germania, per assistere al prossimo episodio della sportiva pace armata fra i due contendenti al mondiale. Reggerà?

(Photo by Mark Thompson/Getty Images selezionata da SuperNews)

 

potrebbe interessarti ancheF1, qualifiche Gp Germania, Hamilton come Mansell: spinge la monoposto sul traguardo

Ferrari-Mercedes, la pace corre sui social

notizie sul temaF1, Qualifiche Gp Germania 2018: Vettel ottiene la 55ª pole in carriera. La griglia di partenza completaF1, Gp Germania, Vettel “padrone di casa” suona la carica: “Sarà lotta serrata. Kimi? Contento di lui”F1 GP Germania 2018, programma e orari del weekend ad Hockenheim
  •   
  •  
  •  
  •