F1 GP Giappone 2018: orari qualifiche e gara sul circuito di Suzuka

Pubblicato il autore: Domenico Di Gennaro Segui
BAHRAIN, BAHRAIN - APRIL 08: Sebastian Vettel of Germany driving the (5) Scuderia Ferrari SF71H leads Kimi Raikkonen of Finland driving the (7) Scuderia Ferrari SF71H, Valtteri Bottas driving the (77) Mercedes AMG Petronas F1 Team Mercedes WO9 and the rest of the field at the start during the Bahrain Formula One Grand Prix at Bahrain International Circuit on April 8, 2018 in Bahrain, Bahrain. (Photo by Lars Baron/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Questo weekend andrà in scena il Gran Premio del Giappone, diciassettesima prova del campionato mondiale di Formula 1. Si tratta della ventinovesima volta che si corre sul circuito di Suzuka, in calendario dal 1987 fino ad oggi, se si eccettua soltanto la parentesi del 2007 e del 2008 dove si è corso sul rinnovato circuito del Fuji. Le 7 ore di fuso orario tra l’Italia e il Giappone metteranno a dura prova gli appassionati che vorranno seguire il Gran Premio in televisione. Le qualifiche e la gara andranno in onda in prima mattinata come di consueto su Sky Sport F1 HD. I meno temerari delle alzatacce potranno gustarsi il Gran Premio in orario serale. Ecco di seguito il programma per seguire la sfida tra Vetttel ed Hamilton.

IL PROGRAMMA
Sabato 6 ottobre:
ore 08.00 – qualifiche in diretta su Sky Sport F1 HD
ore 20.00 – qualifiche in differita su TV8

potrebbe interessarti ancheQuel diavolo d’un Raikkonen ! La vittoria la GP Austin come premio per la sua carriera in Ferrari

Domenica 7 ottobre:
ore 07.10 – gara in diretta su Sky Sport F1 HD
ore 21.15 – gara in differita su TV8

PROVE LIBERE – Nel frattempo si sono svolte le prove libere del venerdì. Dominio incontrastato di Lewis Hamilton, che ha cannibalizzato sia la prima che la seconda sessione di prove. Nella prima Hamilton è stato l’unico a scendere sotto il muro del minuto e ventinove precedendo di quasi mezzo secondo il compagno di scuderia Valtteri Bottas e di più di sei decimi la Red Bull di Daniel Ricciardo. Quarto e quinto rispettivamente le Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel, a più di un secondo. Nella seconda sessione il campione del mondo britannico si è imposto con il tempo di 1’28”217  sempre davanti al finlandese Bottas, staccato di 461 millesimi. Terzo Sebastian Vettel con 1’29”050, staccato di ben otto decimi e lontanissimo da Hamilton. Raikkonen quinto, preceduto anche dalla Red Bull di Max Verstappen. Le prove libere hanno detto che le Mercedes sono nettamente le più veloci, con un Hamilton in stato di grazia, mentre Ferrari e Red Bull sembrano avere ancora molto da recuperare. Le qualifiche ci sveleranno se la Ferrari si è fin qui nascosta oppure se il gap con le frecce d’argento è destinato a rimanere tale.

potrebbe interessarti ancheF1, GP Austin 2018 (Video Highlights): trionfa Raikkonen, Hamilton festa mondiale rinviata

NUMERI E STORIA DI SUZUKA – Il circuito di Suzuka risulta essere tra i più apprezzati dai piloti di Formula 1. Il tracciato misura 5807 m e ha la bellezza di 18 curve. Inoltre, è l’unico circuito del mondiale ad avere una conformazione a 8, con cavalcavia e sottopassi. Qui si sono svolte numerose battaglie epiche, come quelle tra Prost e Senna negli anni ’89 e ’90. Ma è stato soprattutto teatro di cocenti delusioni per i tifosi del Cavallino Rampante, quando nelle stagioni ’98 e ’99 Mika Hakkinen su McLaren battè rispettivamente i ferraristi Schumacher e Irvine. Ma il ricordo più bello per la rossa è senz’altro quello del campionato mondiale del 2000 quando Michael Schumacher riuscì finalmente a riportare il titolo iridato a Maranello dopo un’estenuante duello con il solito finlandese Hakkinen. Vedremo se anche questa volta Suzuka riuscirà a scrivere una pagina indelebile della storia della Formula 1.

notizie sul temaF1, Qualifiche GP Austin 2018: Hamilton ottiene la pole davanti alle due Ferrari. La griglia di partenza completaFerrari, Maurizio Arrivabene confermato : “Il mio futuro è ciò che sto facendo oggi. Non temo le discussioni, temo i silenzi”.Ferrari, essere o non essere: Vettel sei tu il problema?
  •   
  •  
  •  
  •