MotoGP, la conferenza prima di Sachsenring: parlano Marquez, Dovizioso e Vinales

Pubblicato il autore: Francesco Ippolito Segui

Il circuito di Sachsenring, nona prova del motomondiale 2017

Nella prima parte della conferenza stampa prima del GP di Sachsenring, sono intervenuti diversi piloti. Il primo a parlare è stato Andrea Dovizioso, al momento al primo posto nella classifica piloti: “Si tratta di una situazione strana soprattutto per me, trovarmi primo dopo otto gare è davvero un sogno. Stiamo lavorando tanto ogni gara, così come abbiamo fatto anche ad Assen: siamo scesi in pista con un set up differente e, anche se all’inizio non mi sentivo bene, poi sono riuscito a marcare buoni tempi. Un quinto posto forse è stato un po’ deludente visto che ero nel primo gruppo, ma abbiamo trovato condizioni difficili e c’era da considerare il degrado delle gomme, quindi ho deciso non prendere troppi rischi. Quello del Sachsenring è un tracciato diverso, ma ho un buon feeling sia con la moto che con il team. L’asfalto quest’anno sarà diverso e Michelin non ha mai testato qui: dovremo provare le gomme e considerare che domenica potrebbe piovere, quindi potrebbe succedere di tutto!”. Passando invece al lato domestico, una domanda social chiede a Dovizioso se la sua fidanzata lo costringa a fare i lavori di casa: “Certo, ma è giusto che sia così (ride, ndr), io sono bravo, faccio un po’ di tutto in casa.”

Dopo Dovizioso è intervenuto Maverick Vinales, reduce da un incidente nel GP di Assen: “Sono stato fortunato, Andrea non mi ha colpito per un niente, altrimenti non sarei qui al Sschsenring. Sappiamo che siamo competitivi e che possiamo tornare a lottare da subito con i primi. È vero che abbiamo commesso tanti errori quest’anno, situazioni dalle quali dobbiamo solo imparare. Il tempo sarà instabile, secondo quanto detto dovrebbe piovere e siamo migliorati in quelle circostanza, quindi possiamo dire la nostra. L’anno scorso ero forte qui e secondo me questo è un tracciato che si adatta al mio stile di guida, ma dobbiamo fare bene soprattutto nelle qualifiche e non ritrovarci undicesimi come ad Assen. Dobbiamo imparare ad essere competitivi in ogni situazione”. I giornalisti poi gli hanno chiesto quale pilota (a parte se stesso) sceglierebbe nel videogioco MotoGP 17: “Non so, penso un pilota Yamaha”.

potrebbe interessarti ancheMotoGp GP Thailandia: Marc Marquez si laurea campione del mondo e beffa Quartararo all’ultima curva

Marc Marquez che invece viene da quattro vittorie al Sachsenring ha detto ai giornalisti in sala: “In queste ultime stagioni Honda ha ottenuto tanti bei risultati, ma quest’anno l’asfalto è diverso è sarà una delle incognite, così come il meteo. Ad Assen siamo riusciti a chiudere il weekend in maniera positiva, recuperando punti al leader, ma qui sarà un’altra storia, vedremo cosa riusciremo a fare. Quest’anno è difficile fare pronostici per il campionato: dopo poche gare ero quasi fuori dalla lotta iridata, mentre ora sono a pochi punti dal nuovo leader Dovi. Dobbiamo rimanere concentrati e continuare a lavorare con la stessa mentalità”. A fine carriera in MotoGP, Marquez vorrebbe investire in una Riders Academy, correre in Superbike oppure lavorare nella Direzione Gara? “Quest’ultima no!” – risponde immediatamente il campione iridato e poi aggiunge – “penso che preferirei fondare una Riders Academy, mi piace lavorare con i ragazzini”.

La conferenza stampa è poi continuata in una seconda parte, dove sono intervenuti Valentino RossiDanilo Petrucci Jonas Folger.

potrebbe interessarti ancheDove vedere GP Aragon 2019, streaming gratis e diretta tv in chiaro MotoGP oggi 22 settembre

 

notizie sul temaMotoGP GP San Marino 2019: i segreti del tracciato di MisanoMotoGP, Silverstone 2019: trionfa Rins! Brutta caduta per Andrea Dovizioso, Rossi quartoMotoGP, GP d’Austria: Super Dovizioso beffa Marquez all’ultima curva, Rossi quarto
  •   
  •  
  •  
  •