MotoGP Giappone, Valentino Rossi: “Motegi pista speciale per me, darò il massimo”

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui

Valentino Rossi

La MotoGP è pronta a scendere nuovamente in pista sulla pista di Motegi in Giappone e questa sarà la prima di tre gare consecutive che molto probabilmente decreteranno il campione del mondo della stagione 2017. Le altre gare si disputeranno successivamente a Phillip Island in Australia e poi a Sepang in Malesia, sullo stesso circuito in cui si è disputato il GP di Formula 1 poche settimane fa. L’ultima tappa del motomondiale sarà a Valencia, nel mese di novembre.
In questo momento incalza il duello tra il pilota della Ducati Andrea Dovizioso e il campione del mondo in carica Marc Marquez con lo spagnolo che ha un vantaggio di 16 punti sull’italiano e il trittico di gare del mese di ottobre potrà essere una sorta di match point, dato l’incalzare continuo di gran premi. Non è fuori dai giochi il pilota della Yamaha Maverick Vinales, ma i punti di distacco dal leader in classifica sono tanti a questo punto del campionato, e così è anche per lo spagnolo Dani Pedrosa compagno di squadra di Marquez.

Tuttavia i riflettori ancora una volta saranno puntati su Valentino Rossi, tornato in sella alla sua Yamaha nello scorso gran premio ad Aragon dopo aver saltato la gara di Misano a causa del brutto infortunio rimediato il 31 agosto mentre si allenava coi motocross, che gli ha costato la rottura della tibia e del perone, ragion per cui “Il Dottore” si è dovuto sottoporre ad un delicato intervento chirurgico. Nell’ultimo gran premio di Aragon Rossi si è classificato quinto, ma la sua gara è stata tutt’altro che deludente dato che ha bruciato i tempi ed è tornato in pista a tempo di record, facendo addirittura segnare il terzo miglior giro in qualifica che gli ha permesso di schierarsi in prima fila. Poi inevitabilmente la stanchezza e la fatica si sono fatte sentire e “Il Dottore” ha dovuto arrendersi ed accettare il quinto posto.
Comunque, alla vigilia delle prove libere che si terranno nella notte tra giovedì e venerdì per quanto riguarda l’ora italiana, Rossi è intervenuto in conferenza: Motegi è una pista che mi piace ed una pista speciale, dove ho tanti bei ricordi e dove ho disputato tante gare e sono felice di essere qui. Proveremo a dare il massimo e vedremo dove arriveremo. Sto lentamente recuperando la mia forma migliore e queste due settimane di stop sono state un bene in vista delle tre gare consecutive che ci aspettano. Dopo Aragon il recupero è proseguito senza problemi e siamo pronti per scendere in pista su questa pista che mi ha sempre portato bene nel corso degli anni.”

Il borsino di Rossi sul circuito giapponese è di 2 vittorie, 7 secondi posti e 3 terzi in carriera a confermare il buon feeling che il pesarese possiede a Motegi, pista sulla quale nel 2008 ha vinto il suo ottavo titolo mondiale.
Ricordo amaro è quello dello scorso campionato, quando “Il Dottore” era ancora in lotta, per quanto fosse estremamente difficile, per il titolo mondiale con Marquez, il quale si è laureato campione grazie alla caduta contemporanea sia di Rossi sia del connazionale Jorge Lorenzo.
Comunque tanto di cappello a Vale, tornato in pista ad Aragon dopo 24 giorni di convalescenza e solamente questo dato fa capire chi è Valentino Rossi, nel caso in cui fosse ancora necessario un’ulteriore conferma, nel mondo del motociclismo e adesso darà battaglia e sarà anche lui protagonista sullo sfondo della lotta per il titolo piloti tra Dovizioso e Marquez. “Tutti in piedi sul divano!”, domenica alle 7 ora italiana, per il GP del Giappone.

  •   
  •  
  •  
  •