MotoGP, Valentino Rossi ha un “gemello” indiano (Foto)

Pubblicato il autore: antoniofight Segui

L’ India è un paese che non ha mai avuto non solo un campione di MotoGP ma nemmeno un pilota capace di correre in questo torneo però pare vi sia un gemello di Valentino Rossi o che pur non andando in moto gli assomiglia nell’ aspetto Harish Rossi, così si fa chiamare costui, in realtà all’ anagrafe si chiama Harish Kumar ed ha aperto due pagine su facebook e twitter in cui si fa chiamare il Valentino Rossi indiano ” The Indian Valentino Rossi” ma in realtà tolti cappellino ed occhiali la somiglianza con quello che più probabilmente è il suo idolo si riduce sensibilmente.

potrebbe interessarti ancheMotoGp GP Francia, trionfa Marquez davanti a Petrucci e Rossi. Out Dovizioso e Iannone

Durante il Gran Premio del Qatar Harish è riuscito ad incontrare Valentino Rossi ed ha fatto notare la sua somiglianza con il campione delle due ruote ed a scattare con lui una bella foto in cui con cappellino ed occhiali la somiglianza è apparsa evidente oltre ad una certa somiglianza nella corporatura . Harish Kumar ha riportato l’ immagine sulla sua pagina facebook e non è nuovo a partecipazioni ai Gran Premi come spettatore come riportato già altre volte anche dalle riprese di Sky sport.
Tutto sommato un personaggio simpatico più che pericoloso che però mette in evidenza come in India vi sia una passione per il mondo delle due ruote anche se questo sport sebbene sia praticato e seguito non sia mai arrivato ad alti livelli.Probabilmente le condizioni socio-economiche del Paese non hanno permesso questo ma con una popolazione così numerosa c’ era da aspettarsi che almeno fosse uno sport di nicchia cosa che almeno fino ad adesso non è stato ma la ripresa economica dell’ India, che oggi comincia ad avere un’ economia produttiva e importante ,e la passione per questo sport fa sperare bene per il futuro.

potrebbe interessarti ancheMotoGP, Valentino Rossi: “Ad Austin ho parlato con Marquez”

Il primo Gran Premio sulle due ruote è stato organizzato in India solo nel 2013 nel Buddh International Circuit una pista per le gare su motocicletta realizzata nella città di Greater Noida che è situata nell’ India del Nord.
Sempre su questo circuito si è disputato nel 2015 un MotoGP cui ha partecipato il cinque volte campione del mondo Jorge Lorenzo assieme ad altri 30 fortunati propietari di una Yamaha R3 ed ha fatto sei giri assieme agli altri partecipanti su un fondo in parte bagnato ma che si è rivelato essere un buon impianto per le corse su moto .Riferisce Jorge Lorenzo:” Non sarebbe male se la MotoGP arrivasse in India, c’ è molta passione per le due ruote e nelle città si vedono più moto che auto.Sono degli appassionati ma non hanno un Gran Premio dove possono godersi le migliori gare del mondo”.Il pilota di Maiorca ha poi visitato l’ ospedale e l’ orfanotrofio locale che sono dei progetti sovvenzionati dalla fondazione Vicente Ferrer di Anatapur, istituto che dal 1969 si batte contro la povertà in una delle aree più povere del pianeta.
Questo simpatico personaggio ci ha fatto conoscere una realtà cruda e forse anche drammatica ma vista la crescita dell’ economia in India c’ è da sperare che la passione per questo sport si trasformi a breve in una realtà concreta a livello locale e non da ammirare in altri posti.

notizie sul temaMotoGP, Zarco ha la Yamaha di Rossi? Jarvis chiarisceYamaha, dopo Jerez nuovi test al Mugello. Le parole di Valentino RossiMotoGP, intervista Jerez post gara a Valentino Rossi (video)
  •   
  •  
  •  
  •