Nuoto, Assoluti Riccione 2017: Detti, Paltrinieri e Pellegrini sono pronti?

Pubblicato il autore: veronica caliandro

Nuoto, Assoluti Riccione 2017: Detti, Peltrinieri e Pellegrini pronti per i Mondiali di Budapest?


Manca poca alla rassegna tricolore di nuoto 2017 in programma dal 4 all’8 aprile presso lo Stadio del Nuoto di Riccione. Unica via d’accesso ai mondiali di Budapest, Ungheria, dal 23 al 30 luglio, i nuotatori italiani si apprestano ad affrontare delle acque ben agitate con l’intento di superare i limiti imposti dalla Federazione, che quest’anno sono un po’ più accessibili rispetto al passato, pur di ottenere il pass di accesso ai Mondiali.

Federica Pellegrini pronta a dare il massimo

Se questo sembra essere l’ultimo mondiale di Filippo Magnini, non sembrano esserci rischi per Federica Pellegrini che sta affrontando quest’annata con la consueta determinazione che la contraddistingue, con l’intento di mettere definitivamente una pietra sopra la delusione delle Olimpiadi dove ha ottenuto soltanto un quarto posto nella finale dei 200 stile libero. La campionessa si è tuttavia ripresa la sua rivincita in occasione della rassegna iridata canadese vincendo l’unico oro mancante della sua carriera, nella piscina da 25 m. Consapevole dei propri mezzi e della propria forza, la Pellegrini ha dato spettacolo in occasione dell’esordio stagionale, in quel di Indianapolis (Usa), siglando un 1’56″07 (secondo tempo del ranking nelle quattro vasche). Il lavoro con Matteo Giunta sembra dunque procedere nel migliore dei modi e l’1’54” in Romagna potrebbe rappresentare la ciliegina sulla torta.

Paltrinieri: “Una sfida per imparare a conoscermi”

E se per Federica Pellegrini e Filippo Magnini gli Assoluti di Riccione sono ormai una tradizione, la prossima edizione rappresenta un importante banco di prova per Gregorio Paltrinieri: il 4° posto nella 10 km di Eilat (Israele), valevole per la prima tappa di Coppa LEN, ha rappresentato “la prima” per il campione olimpico dei 1500 stile libero ed il riscontro è stato più che buono. In lizza per il successo fino alla fine e peccando di inesperienza nelle ultime battute, Paltrinieri ha avuto le risposte che desiderava e la possibilità di realizzare il sogno dell’oro a Cinque Cerchi nel fondo e nelle 30 vasche in piscina potrebbe prendere effettivamente realizzarsi. L’allievo di Stefano Morini, iscritto negli 800 e 1500 stile libero, cercherà di prendersi la rivincita nei confronti di Gabriele Detti, vittorioso nella prova preferita dell’amico/rivale in occasione del Trofeo Città di Milano 2017.

Una sfida per imparare a conoscermi”, ha dichiarato Paltrinieri e chissà come risponderà all’attacco del “gemello diverso” Detti, a sua volta iscritto nei 200, 400, 800 e 1500 stile libero. Dopo la parentesi negativa ai Mondiali di Windsor 2016 in vasca corta, Detti ha ripreso ha ripreso il filo del discorso interrotto continuando a percorrere la stessa strada trionfale di Rio. Il 3’45″28 dei 400 sl ed il 14’48″21 dei 1500 sl nel Trofeo Città di Milano 2017 sono il meglio nelle graduatorie mondiali delle due specialità e per questo motivo sintomo di un ottimo stato di forma.

Detti-Dotto-Paltrinieri: una sfida a colpi di bellezza

In attesa degli Assoluti i Riccione, Gabriele Detti, Luca Dotto e Gregorio Paltrinieri hanno comunque il tempo di scherzare e fuori dall’acqua si prendono in giro in una specie di gioco scherzoso sul fascino. “Tu sei più brutto”, “No, tu”, “No, tu”. E così via. “Ognuno di noi dice che è il più bello e non trovando una soluzione poniamo la domanda ad altre persone”, ha raccontato Gabriele Detti. E speriamo che questo clima scherzoso aiuti gli atleti italiani a dare il massimo per il mondiale di Budapest.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •