Coppa Cev, Lorenzetti: “Vogliamo vincere”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri

Appuntamento da non perdere questa sera per tutti gli appassionati di volley nonchè per gli addetti al lavori. In Francia si giocherà la finale di ritorno di Cev Cup. A partire dalle ore 20 la Diatec avrà il duro compito di difendere il 3-0 maturato all’andata. Per vincere l’ambito trofeo dovrà vincere almeno due set. A Tours la formazione guidata da Angelo Lorenzetti si giocherà il tutto per tutto per la vittoria della Coppa in casa del club di Medei. Mercoledì durante la gara di andata finì 3-0 al PalaTrento. Questa sera tutti gli occhi saranno puntati sulla Trentino Diatec che giocherà alla Salle Robert Grenon di Tours la gara di ritorno per assegnare il trofeo continentale per club, ovvero il secondo per importanza solo alla Champions League. Trento – Tours, impossibile non seguire questa sera la seconda ed ultima sfida.
Poche ore al fischio d’inizio ed il tecnico della Diatec Angelo Lorenzetti ha così analizzato la sfida come riportato da Gazzetta.it

“Questa sarà ed è giusto sia una serata importante per noi perché non c’è solo da provare a vincere una coppa ma c’è anche qualcosa da mettere nel nostro percorso di quest’anno. Come, ad esempio, iniziare in modo più autoritario alcune partite fuori casa. La gara d’andata è stata giocata bene, con la giusta cattiveria agonistica, ma ormai è già alle spalle. Ora sarà tutto decisamente più difficile e dovremo essere pronti a soffrire, come è giusto che sia visto che ci stiamo giocando una vittoria in una competizione internazionale. Da questo punto di vista la recente esperienza di Istanbul, dove abbiamo faticato a lungo contro il Fenerbahce, ci può tornare decisamente utile e mi aiuterà a far capire ai ragazzi come il cammino per vincere sia ancora molto lungo e complicato”

Servirà subito essere concentrati e non permettere agli avversari di avere il predominio. Lorenzetti ha indicato ai suoi ragazzi quale sarà la giusta strada da intraprendere:

“Anche se questo gruppo è composto da atleti non anziani, è sempre consapevole di quello che va a fare. Non credo quindi di dover spendere parole sul non innervosirsi o sul fatto che bastano due set… Io credo che per prendere qualcosa di bello devi fare qualcosa di bello. E giocare a volley è molto bello, così come sanno che non sempre tutto riesce subito: credo e spero che dentro di loro si sia innescato un meccanismo che li faccia sostenere anche questa alternanza di momenti”

La grande stagione della nota squadra di Trento senza ombra di dubbio è anche da attribuire alle notevoli capacità di Lorenzetti che ha saputo dare le giuste motivazioni alla sua squadra mantenendo sempre alta la concentrazione:

“Anche se questo gruppo è composto da atleti non anziani, è sempre consapevole di quello che va a fare. Non credo quindi di dover spendere parole sul non innervosirsi o sul fatto che bastano due set… Io credo che per prendere qualcosa di bello devi fare qualcosa di bello. E giocare a volley è molto bello, così come sanno che non sempre tutto riesce subito: credo e spero che dentro di loro si sia innescato un meccanismo che li faccia sostenere anche questa alternanza di momenti”

Questa sera si cercherà inoltre di sfatare la maledizione. Dopo due finali perse adesso si dovrà vincere:

“Tutti ci tengono a questa Cev. In questo periodo vedo soprattutto Lanza che, nel suo ruolo di capitano, sta dando tanto. Per me e lui era il primo anno insieme, ci siamo ascoltati e guardati ma in quest’ultimo periodo e soprattutto in questa Cev Pippo trasmette al gruppo una pazzesca voglia di vincere. È attraverso questi comportamenti che si costruisce una leadership. Pippo è un ragazzo che ha Trento nella pelle”.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •