Beach Volley Europei U20, Orsi Toth-They d’Argento

Pubblicato il autore: Morgana Corti


Si è concluso nella giornata di domenica 10 settembre l’Europeo di Beach Volley U20 che si è disputato sulle spiagge dell‘Isola di Vulcano. Alla fine di questo europeo la nazionale italiana di Beach volley si può ritenere soddisfatta dei risultati ottenuti : un’argento ed una medaglia di legno nel torneo femminile.
Le giovanissime beacher Reka Orsi Toth e Chiara They, dopo aver disputato un torneo strepitoso si sono dovute fermare ad un passo dall’oro sconfitte dalle russe Voronina-Bacharova per 2-1 dopo essere state avanti di un set.
Nel primo parziale le atlete italiane hanno giocato molto bene, concedendo poco alla fortissima coppia russa e chiudendolo per 21-19. Il secondo set invece ha visto entrare sulla sabbia una Russia spietata che, grazie ad un lunghissimo black-out della coppia azzurra, ha pareggiato i conti vincendo 21-9. Il terzo ed ultimo set ha visto Orsi e They giocarsela fino alla fine, quando sul 12-8 azzurro due battute di Voronina e due muri hanno portato in vantaggio per 14-13 le russe, che hanno poi chiuso conquistando il secondo oro a livello giovanile a distanza di pochi giorni.
L’altra coppia azzurra composta da Dalila Varrassi e Carolina Ferraris si è dovuta arrendere nella finalina per il 3°/4° posto contro le Olandesi Van Driel-Starm per 2 set a 0, dopo essere state sconfitte in semifinale dalle connazionali Orsi Toth-They.

Alla fine delle varie premiazioni ha parlato anche Alessandro Zurro, presidente del Comitato organizzatore “Il Beach Volley è uno sport in fase di crescita esponenziale, siamo orgogliosi di aver ospitato una tappa di tale portata e di averlo fatto in una delle più location più belle ed incredibili dell’Italia. La soddisfazione più grande è quella di essere riusciti ad organizzare un evento di tali dimensioni tutto da soli, un motivo in più in per ritenerci soddisfatti del lavoro svolto. Complimenti alle nostre atlete azzurre per il secondo posto conquistato in questi Europei.”

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •