Isabelle Haak – La Vikinga della Serie A1 di Pallavolo Femminile

Pubblicato il autore: Simone Mocellin Segui

Isabelle Haak
Foto ivolleymagazine.it

Arriva dal nord europa la ragazza che, appena diciottenne, sta meravigliando i tifosi della Savino del Bene Scandicci e tutti gli appassionati della pallavolo in Italia e nel mondo.

Isabelle Haak è nata l’11 Luglio del 1999 a Lund, una città situata nel sud della Svezia conosciuta per la sua università che ospita migliaia di studenti. E’ alta 194 cm e gioca nel ruolo di opposto nella formazione toscana della Savino del Bene Scandicci.

Cresciuta sportivamente nella squadra svedese dell’Engelholm VS dal 2012 al 2016, Isabelle è stata due volte consecutivamente campionessa nazionale prima di lasciare la sua terra e trasferirsi in Francia, precisamente a Béziers, una città situata nella regione dell’occitania nel sud della nazione. La scelta ed il cambio di vita, come dichiarato da Isabelle Haak in una recente intervista su Sport Week, non sono stati così traumatici, poichè il sud della Francia era la meta di vacanza della famiglia Haak, prima che il padre venisse sconfitto da un tumore nel 2009.

potrebbe interessarti ancheVolley, World Cup 2019 risultati ultima giornata: gli azzurri perdono contro il Brasile che vince la manifestazione davanti alla Polonia

I Béziers Angels sono la squadra dove Isabelle Haak trova la sua definitiva consacrazione. Sono 440 i punti realizzati in 22 partite dalla diciassettenne svedese, che si aggiudica al primo anno nella Ligue Nationale de Volley il titolo di MVP e il premio come miglior opposto.

Adesso i fari sono puntati su di lei e gli interessi delle altre squadre si fanno insistenti, ma Isabelle Haak, consigliata da una sua compagna di nazionale sceglie coach Carlo Parisi e conseguentemente Scandicci. Parisi che ha potuto osservarla bene da avversario nel campionato francese, poichè ex allenatore del Rocheville de Cannette.
Una scelta di vita diversa da quella della sorella Anna, che ha preferito la strada dei college americani (Marquette University di Milwaukee), mentre Isabelle ha voluto lanciarsi nella carriera da giocatrice professionista.

Ora Isabelle Haak vive in toscana con la mamma Anita che le è sempre vicina, dandole la sicurezza necessaria per una ragazza di 18 anni, e con l’inseparabile barboncino Minù al quale è molto affezionata. Studia a distanza per diplomarsi e ama girare per l’Italia e fare la turista.

potrebbe interessarti ancheCoppa del Mondo volley; Italia-Russia 1-3: sfuma la quinta vittoria agli Azzurri. I russi vincono in rimonta

L’impatto della svedese in Serie A1 è devastante. Chi non conosceva ancora la sua potenza ed il suo talento è rimasto folgorato dalla rossa di Scandicci, che ora guida la classifica delle migliori realizzatrici del campionato.
Ad oggi sono 225 i punti realizzati da Isabelle Haak (6,25/set), seguita dall’italiana Paola Egonu con 208 (5,47/set) e dalla bisontina Indre Sorokaite con 202 (4,81/set).
Non è solo l’attacco il punto forte di Haak, infatti il suo servizio dai nove metri è sempre molto efficace ed ha portato alla Savino del Bene Scandicci 16 ace in 10 partite. Davanti a lei, in questa particolare classifica, c’è solo la specialista Hancock in forza al Saugella Team Monza a quota 21.

Una ragazza svedese che nel giro di un anno e mezzo ha attirato su di sè le attenzioni di grandissime squadre a livello internazionale. Da amanti del volley ci auguriamo che Isabelle Haak possa restare tanti anni nel campionato italiano e che le sirene, ma soprattutto i soldi, del campionato turco non gli arrivino troppo presto alle orecchie.

Una campionessa è sbocciata. Si chiama Isabelle Haak.

notizie sul temaEuropei volley maschili: con la Serbia medaglia d’oro e la Slovenia d’argento, ecco la classifica finale della rassegna continentaleVolley Europei maschili, Italia-Francia: dove vedere il match in tv e streaming, oggi 24 settembreVolley Europei maschili, Italia-Turchia: dove vedere il match in tv e streaming, domenica 22 settembre
  •   
  •  
  •  
  •