Superlega volley, la decima giornata in 5 punti

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

1)La gara degli ex

Qualcuno, tra tifosi, addetti ai lavori, ma anche protagonisti in campo, si sarà confuso in Trento-Modena. Tra allenatori e giocatori, molti erano gli ex idoli della parte avversa che hanno cambiato casacca giocando con l’altra squadra il derby dell’A 22. I tecnici in primis. Radostyn Stoychev è stato l’allenatore dei grandi successi europei della Diatec, portata 3 volte sul tetto d’Europa e 4 a vincere la Superlega; Angelo Lorenzetti è stato invece l’artefice dell’ultimo tricolore modenese. In campo poi ci sono Tine Urnaut, tornato dopo qualche settimana da titolare, e Daniele Mazzone per la prima volta da ospiti al Palatrento. E dall’altra parte il grande ex è Luca Vettori, opposto che ha ritrovato a Trento proprio Lorenzetti, con cui vinse in coppia il già citato scudetto a Modena. Tanti incroci per una partita nella quale in diversi si saranno confusi.

2)Trento supera anche Modena

In campo, come previsto, è grande spettacolo tra Trento e Modena con la Diatec che inanella la terza vittoria consecutiva e dà un segnale importante al campionato. I padroni di casa sono costretti sempre a rincorrere ma, al tie-break diventano lucidi e implacabili e, come contro Latina, portano a casa la gara. Con Kovacevic ancora a mezzo servizio, hanno giocato ottimamente Hoag, autore di 19 punti, e Lanza, mentre la sorpresa è stata rappresentata da Teppan, opposto finlandese capace di mettere a terra ben 12 punti dal terzo set in poi. Meno bene Modena che ha pagato alcune imprecisioni di troppo in momenti decisivi: in una partita così equilibrata pesano.

3)Monza alza la testa

Dalla seconda alla nona giornata la Gi Group Monza era riuscita a conquistare soltanto una vittoria in 7 gare. Uno score misero per una formazione comunque competitiva e composta da interessanti prospetti. Ma i ragazzi di Miguel Angel Falasca si sono ripresi in casa con una bella vittoria sulla Top Volley Latina. La sfida tra i due fratelli Shoji la vince il palleggiatore in forza a Monza che mette in condizione Dzavoronok e Hirsh di superare quota 20 punti. Buona anche la prova di Iacopo Botto che torna a ruggire dopo alcuni turni sottotono. In difficoltà invece Latina che, dopo alcune buone prestazioni, si arrende a causa della giornata non felice di Savani(solo il 37% in attacco) e Le Goff, solo due punti per lui, uscito dal sestetto titolare dopo il secondo set.

4)Prove di forza

Prova di forza della Lube Civitanova in casa della Calzedonia Verona. I campioni d’Italia vincono per 3-0 e si confermano in testa alla classifica insieme alla Sir. Funziona bene tutto nella squadra di Medei che ha ritrovato il passo dello scorso anno. Rimane in panchina l’ex Sander, ma in campo Kovar fa una bella gara; ancora meglio di lui fanno Juantorena e Sokolov che chiudono rispettivamente con 15 e 17 e il 62% e il 71% di efficacia offensiva. Ma complessivamente Civitanova viaggia a vele spiegate prendendo una vittoria su un campo non semplice, ma dove ha affermato nettamente la sua superiorità su una Blu Volley che, soprattutto nel primo set(terminato 12-25), si è arresa troppo presto

5)Sir a segno contro Civitanova

Dimentica subito la sconfitta contro Civitanova la Sir Safety Perugia che si prepara alla prima gara di Champions League al meglio. Lorenzo Bernardi sceglie per un moderato turnover e in campo di vedono Berger e Ricci al posto di Zaytsev e Podrascanin. Ma il risultato non cambia perché il 3-0, finale di molte partite di Perugia quest’anno, si ripete anche in casa contro Castellana Grotte. L’impegno non era dei più gravosi, ma la Sir ha impressionato per l’attenzione mostrata in quasi tutta la gara. Al di là di alcune sbavature nel secondo set, coperte da un gran finale di Atanasijevic, De Cecco e compagni hanno mostrato grande spirito di sacrificio. Uno spirito giusto che si è tradotto in difese che hanno evidenziato voglia di non far cadere nessun pallone e scelte precise preparate in settimana. Ora si avvicina un bel tour de force per i perugini che apriranno anche il fronte Champions: l’inizio però è stato buono.

  •   
  •  
  •  
  •