Volley, Nations League: il programma del quarto weekend degli azzurri(15-17 giugno)

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Foto da Federazione Italiana Volley Facebook

Da Osaka a Seoul il viaggio non è lungo e gli azzurri di Gianlorenzo Blengini già sono sul posto pronti ad affrontare il quarto e penultimo weekend di Nations League che li vedrà contrapposti alla Cina, alla Corea del Sud, padrona di casa, e all’Australia(già incontrata in amichevole a Reggio Calabria e a Catania all’inizio del ritiro estivo). Come di consueto si comincerà il venerdì, il 15 giugno con la sfida alla Cina alle ore 9; si proseguirà poi con la gara di sabato 16 giugno contro la Corea del Sud, con orario di inizio alle 7; e si terminerà domenica 17 giugno alle ore 10 con il confronto contro l’Australia. L’obbiettivo è quello di riscattare gli ultimi due weekend nei quali sono state raccolte solamente due vittorie e ben 4 sconfitte. Bisogna riannodare il filo con il primo weekend, quello in Serbia, con le 3 vittorie. Non sarà semplice perché, sebbene gli avversari siano abbordabili, mancheranno elementi importanti: Zaytsev e Juantorena godranno di un altro fine settimana di riposo e inoltre anche Simone Giannelli non sarà del gruppo azzurro per via di un problema al ginocchio che sarà valutato la prossima settimana.

potrebbe interessarti ancheVolley Europei 2019: sorteggiati i gironi, l’Italia con Francia e Bulgaria

Nations League, date, orari e diretta tv del prossimo wekeend di gare

Venerdì 15 giugno ore 9:00
Italia-Cina(diretta tv su Rai sport)
Sabato 16 giugno ore 7:00
Italia-Corea del Sud(diretta tv su Rai sport)
Domenica 17 giugno ore 10:00
Italia-Australia(diretta tv su Rai sport)

potrebbe interessarti ancheVolley, Europei 2019: le possibili avversarie dell’Italia nel sorteggio di domani

notizie sul temaVolley, Europei femminili 2019: le 24 squadre qualificate con l’Italia tra le favoriteVolley, qualificazioni Tokyo 2020: per gli uomini ostacolo Serbia, per le donne l’OlandaVolley femminile. Davide Mazzanti: “Essere vice campioni del mondo non significa vincere già una medaglia olimpica”
  •   
  •  
  •  
  •