Alessia Orro a caccia di un posto per il Mondiale Volley 2018

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

Il mondiale Volley 2018 si avvicina e per il coach Mazzanti è il tempo delle scelte, specialmente in un ruolo delicato come può essere quello della palleggiatrice, dove Ofelia Malinov sta dimostrando di non temere la concorrenza né della Cambi né della Orro.

Intenzione della giovane sarda che quest’anno ha fatto un campionato sublime con le farfalle è quella di riprendersi la regia della nazionale, lasciata troppo presto a causa di un campionato europeo dove ha dimostrato di non essere all’altezza della maglia azzurra.

potrebbe interessarti ancheSamsung volley cup: Busto Arsizio sconfigge Chieri 3-0

Il passato ormai è però passato e durante l’anno la giovane Alessia si è rimboccata le maniche e ha saputo dimostrare, in A1 e in Europa, che non è più il giovane talento di Club Italia, bensì una pallavolista che può giocare ad altissimi livelli non risentendo della pressione del luogo e del ruolo che le viene dato.

La scelta ora passa al coach Mazzanti che dovrà scegliere 2 tra le tre alzatrici che ha messo a disposizione il campionato italiano, cercando di scegliere tra quelle più in forma e più in grado di far volare la nazionale verso il podio mondiale.

potrebbe interessarti ancheCampionato pallavolo femminile A1, non mancano le sorprese nei risultati della 5.a giornata

Rimane grande dispiacere per l’esclusione della Degradi, che ha ben figurato durante tutta la stagione, ma la sua esclusione è la dimostrazione che occorre fare delle scelte e che non tutte le atlete possono essere portate in Giappone.

Mondiale Volley 2018: Orro, Malinov, Cambi, chi rischia?

Chi rischia di più l’esclusione tra la Orro, la Malinov e la Cambi? Be sicuramente la Malinov è sicura del posto in squadra da titolare, in quanto fin dall’approdo di Mazzanti come CT azzurro la giovane Ofelia ha dimostrato di godere di grandissima stima da parte dell’ex coach del Conegliano, e ha dovuto lasciare il suo posto in campo solo a causa di un infortunio. Lo stesso non si può dire della Orro, che nonostante il bel campionato con le farfalle non ha mai convinto pienamente il coach, tanto che si è resa necessaria la convocazione di un’altra alzatrice, la Cambi, che potrebbe realmente soffiare il posto alla palleggiatrice sarda, almeno per questo mondiale.

notizie sul temaBacio Paola Egonu: il presidente della Lega Pallavolo scrive alla GazzettaPallavolo femminile serie A1, programma 5.a giornata oggi 14 novembreVolley, qualificazioni Olimpiadi 2020: l’Italia potrebbe organizzare i tornei in casa
  •   
  •  
  •  
  •