Campionato europeo pallavolo femminile, Mazzanti soddisfatto dopo la vittoria col Portogallo

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui


Campionato europeo pallavolo femminile, l’Italia di Davide Mazzanti rispetta il pronostico della vigilia e supera agevolmente all’esordio il Portogallo per 3-0 ( 25-15, 25-14, 25-13).
Troppo grande la differenza di valori in campo, il Portogallo e’ alla sua prima volta in una rassegna continentale.
Era comunque importante rompere il ghiaccio e prendere confidenza con il ritmo partita e soprattutto con la vittoria , le ragazze di Davide Mazzanti hanno risposto presente alla prima.
Nel pool B nel quale e’ inserita l’Italia,  la seconda partita di questo Campionato europeo pallavolo femminile e’ in programma domenica 25 Agosto alle ore 21 contro l’Ucraina che nella prima partita ha perso 3-0 contro il Belgio.

Le dichiarazioni azzurre nel post partita

Queste le dichiarazioni di Davide Mazzanti nel post partita : ” All’inizio c’e’ stata un po’ di tensione, ma la considero una cosa positiva perché vuol dire che ci teniamo tanto a questa competizione. Pian piano sono venute fuori delle belle giocate e tutta la squadra ha preso ritmo. Mi e’ piaciuta la qualità che le ragazze sono state capaci di esprimere. Oggi ha giocato Indre (Sorokaite ndr) come schiacciatrice, ma Lucia (Bosetti ndr)  sta bene e deve solo ritrovare un po’ di ritmo. Queste prime partite saranno molto importanti perché abbiamo bisogno di giocare, non partecipando al torneo in Turchia abbiamo privilegiato gli allenamenti. Gara dopo gara sara’ fondamentale crescere a livello di condizione.

potrebbe interessarti ancheEuropei volley maschili, risultati 7.a giornata: gli azzurri ko con la Francia, vittorie per Serbia e Russia

Inde Sorokaite : ”  Oggi forse la difficolta’ piu’ grossa era contenere l’emozione, esordivamo all’Europeo e c’era tanta voglia di fare bene. Sulla carta il Portogallo non era un avversario proibitivo, pero’ siamo state brave a giocare con entusiasmo e a tenere sempre alta la concentrazione. Era importante rompere il ghiaccio e adesso dedicheremo le nostre energie alle prossime partite. A livello individuale sono felice, mi alleno sempre sia schiacciatrice, sia opposto, pero’ era un po’ di tempo che non partivo dall’inizio come posto quattro . ”

Raphaela Folie : ” Siamo partite bene, come ci eravamo prefissate. A prescindere da chi sia l’avversario di turno, noi dobbiamo sempre spingere al 100 % e mettere in campo il nostro gioco.
All’inizio eravamo un po’ contratte, ma poi ci siamo sciolte e la partita ha preso la strada 
giusta. L’anno che sono stata fuori e’ stato molto duro, non ho mai ripreso una condizione ottimale dal punto di vista muscolare. Finito il campionato insieme allo staff azzurro abbiamo impostato un ottimo programma di lavoro pesi e adesso mi sento benissimo . ”

potrebbe interessarti ancheVolley Europei maschili, Francia-Italia: dove vedere il match in tv e streaming, oggi 18 settembre

Sorokaite e Folie possono essere un’arma in piu ‘

Certamente tra le note positive di questo campionato europeo pallavolo femminile per l’Italia di Mazzanti, c’e’ la possibilità’ per il nostro ct di avere diverse soluzioni alternative di gioco.
Due delle pedine che potrebbero fare la differenza sono Indre Sorokaite e Raphaela Folie.
Per le due giocatrici di Conegliano un momento magico, Sorokaite costituisce un’arma preziosa nelle mani di Mazzanti garantendo la possibilità di giocare sia da schiacciatrice che da opposto, in una competizione con molte partite come il Campionato europeo pallavolo femminile dare fiato a Egonu o Bosetti potrebbe risultare decisivo.
Per quanto riguarda Raphaela Folie dopo il grave infortunio dello scorso anno, la fortissima centrale e’ tornata ai suoi livelli e la qualità del gioco dell’Italia non può che trarne beneficio.

notizie sul temaCampionato europeo pallavolo maschile, le dichiarazioni azzurre dopo la vittoria con la BulgariaEuropei pallavolo maschile: Italia-Bulgaria streaming gratis e Diretta TvCampionato europeo pallavolo maschile, le dichiarazioni azzurre dopo la vittoria con la Romania
  •   
  •  
  •  
  •