Rugby, All Blacks-Lions: un pareggio all’Eden Park decreta la fine di una serie senza vincitori e vinti

Pubblicato il autore: Simone Del Latte Segui
Rugby, All Blacks-Lions

Rugby, All Blacks-Lions

Dopo 36 giorni, 10 partite e 800′ di rugby giocato termina con un pareggio il meraviglioso tour in Nuova Zelanda dei British and Irish Lions, in grado di tener testa alla squadra più forte del mondo. La tanto propagandata sfida decisiva dell’Eden Park si conclude sul 15 a 15, sottolineando emblematicamente il pari valore di due squadre che si sono date battaglia in tre agguerriti test match per aggiudicarsi il trono del mondo ovale. 2 mete a 0 non bastano ai padroni di casa che scontano gli innumerevoli calci di punizione concessi ai rivali, puntualmente convertiti da Owen Farrell (12 punti personali). Partita molto vivace, animata da frequenti turnover e contrattacchi da ambo le parti e interpretata magistralmente dalle coppie di registi Sexton-Farrell da una parte e Beauden e Jordie Barrett dall’altra.

Sono oltre 20 000 i tifosi dei Lions giunti all’Eden Park, nel tempio del rugby neozelandese per accrescere la pressione già altissima che grava sulle spalle degli All Blacks. Padroni di casa che conducono la gara nei primi 10′ senza però riuscire a collezionare punti, pagando l’errore dalla piazzola di Beauden Barrett al 4′. I Lions dimostrano di esserci con la difesa, ma intorno al 10′ si rendono minacciosi anche in fase offensiva, risalendo il campo a suon di guizzi personali e offload. Un provvidenziale intercetto di Israel Dagg sui 5 metri trasforma l’azione da difensiva ad offensiva, generando un coast to coast All Blacks sventato solamente dal recupero di Liam Williams e Jonathan Davies. La marcatura era però nell’aria per i Neozelandesi che al 15′ confezionano una meta tutta Hurricanes con Beauden Barrett che calcia all’ala per il fratellino, il quale schiaffeggia l’ovale all’interno per Laumape, libero di andare a schiacciare in solitaria. Il numero 10 in maglia nera centra i pali, completando il gioco da 7 punti. A Barrett risponde Farrell che accorcia il gap di distanza dai rivali in due occasioni: al 21′ e al 33′, All Blacks 7 – Lions 6. Al 35′ un break e subito a segno: sono primi nel ranking mondiale che vanno in meta con Jordie Barrett su un’azione innescata da un celestiale offload di Laumape per Lienert-Brown. Il calcio di Beauden gira troppo, sfumando i 2 punti della trasformazione. Il primo tempo si chiude sul 12 a 6 per i padroni di casa.

La seconda frazione di gioco si apre con l’errore di Barrett, il cui drop di ripartenza non supera i 10 metri; calcio di punizione in arrivo per i Lions. Alla piazzola si presenta Elliot Daly che da oltre 50 metri centra i pali per il – 3. La chance di azzannare la partita per i Lions si presenta al 50′ dopo che Kaino viene espulso temporaneamente per un placcaggio alto. Nei 10′ di superiorità numerica però i turisti racimolano appena 3 punti con Farrell e al 60′ è parità assoluta all’Eden Park sul 12 a 12. Cambi in mischia chiusa da ambo le parti che premiano però i Neozelandesi, con Kyle Sinckler che al 68′ crolla in mischia chiusa. Barrett non può sbagliare il rigore e firma il 15 a 12 per i suoi colori. La rivincita in mischia chiusa per gli ospiti arriva al 75′ con un calcio di punizione che permetterà loro di risalire il campo per gli ultimi palpitanti 5′ del match. Lions che cercano e trovano la penalità tanto agognata e Farrell rettifica il punteggio sul 15 a 15 al 78′. L’entusiasmo dei 20 000 sostenitori europei sugli spalti dura però pochi secondi: un fuorigioco di Ken Owens sul drop di ripartenza di Barrett concede ai padroni di casa una mischia in zona d’attacco. Scade il tempo e gli All Blacks gestiscono l’ultimo possesso dell’incontro, arrivando fin dentro i 5 metri avversari, ma un’ultima e tenace prestazione difensiva dei Lions respingerà i Neozelandesi in rimessa laterale. Romain Poite fischia con qualche secondo di ritardo, anche lui forse incredulo, così come i giocatori, i tifosi e il mondo intero per quello che era l’unico risultato non previsto da tutti, ma forse quello più onesto.

Rugby, All Blacks-Lions tabellino di gara:

Punteggio finale: All Blacks 15 – British and Irish Lions 15

All Blacks

Mete: Laumape, J. Barrett
Con: B. Barrett
Pen: B. Barrett
Drop: /
Cartellini: Kaino (giallo)

British and Irish Lions

Mete: /
Con: /
Pen: Farrell (4), Daly
Drop: /
Cartellini: /

Rugby, All Blacks-Lions formazioni e arbitri:

All Blacks: 15. Jordie Barrett, 14. Israel Dagg, 13. Anton Lienert-Brown, 12. Ngani Laumape, 11. Julian Savea, 10. Beauden Barrett, 9. Aaron Smith, 8. Kieran Read (c), 7. Sam Cane, 6. Jerome Kaino, 5. Sam Whitelock, 4. Brodie Retallick, 3. Owen Franks, 2. Codie Taylor, 1. Joe Moody
A disposizione: 16. Nathan Harris, 17. Wyatt Crockett, 18. Charlie Faumuina, 19. Scott Barrett, 20. Ardie Savea, 21. TJ Perenara, 22. Aaron Cruden 23. Malakai Fekitoa

British and Irish Lions: 15. Liam Williams, 14. Anthony Watson, 13. Jonathan Davies, 12. Owen Farrell, 11. Elliot Daly, 10. Jonathan Sexton, 9. Conor Murray, 8. Taulupe Faletau, 7. Sean O’Brien, 6. Sam Warburton (c), 5. Alun Wyn Jones, 4. Maro Itoje, 3. Tadhg Furlong, 2. Jamie George, 1. Mako Vunipola
A disposizione: 16. Ken Owens, 17. Jack McGrath, 18. Kyle Sinckler, 19. Courtney Laws, 20. CJ Stander, 21. Rhys Webb, 22. Ben Te’o, 23. Jack Nowell

Arbitri

Direttore di gara: Romain Poite
Assistenti: Jérôme Garcès, Jaco Peyper
TMO: George Ayoub

  •   
  •  
  •  
  •