Italrugby primo raduno in Valsugana per prepare la Coppa del Mondo

Pubblicato il autore: marco.stiletti Segui


Comincia la lunga volata iridata: la Nazionale di Connor O’Shea stasera inaugura il primo di quattro raduni di avvicinamento alla Coppa del Mondo. In Giappone dal 20 settembre. Si svolgeranno tutti a Pergine Valsugana, località trentina a 500 metri sul livello del mare. Dureranno circa una settimana, fino alla fine di luglio. Poi quattro test match: il 10 agosto a Dublino con l’Irlanda, il 17 a San Benedetto del Tronto con la Russia, il 30 a Parigi con la Francia e il 6 settembre a Newcastle con L’Inghilterra, con relativi midi raduni presso le sedi di gioco. Fino all’esordio mondiale, il 22 con la Namibia, a Higashlosaka.

Saranno 38 (su 44) i giocatori che risponderanno alla prima convocazione, 22 del Benetton Treviso, 16 delle Zebre: l’obiettivo è entrare tra i 31 che parteciperanno al Mondiale, probabilmente 17 avanti e 14 trequarti. Assenti giustificati i cinque tesserati per club esteri (Parisse, Ghirlaldini, Campagnaro, Braley- esordiente come Makelara e Riccioni- e Polledri), più Fuser, operato di recente a Roma per un’ernia bilaterale, il cui recupero rischia di non concretizzarsi in tempi utili per il viaggio in Oriente. In gruppo, esclusi durante il Sei Nazioni per scelta o per infortunio, anche Minozzi, Bellini, Violi, Giammarioli, Lazzaroni, Licata, Zilocchi e Zani. Il ritono più significativo è quello di Minozzi: l’uomo rivelazione della stagione azzurra 2017-18 è assente dal 31 agosto scorso. Quel giorno, al 17′ del match d’esordio del Top 14, gli è saltato il ginocchio destro. Ma ora è dato al 100%. Restano da verificare, invece, le condizioni dello stesso Violi d quelle di Castello. Il primo raduno terminerà venerdì.

potrebbe interessarti ancheRugby, World Cup 2019: dove vedere in tv la manifestazione al via il 20 settembre

La Federazione Italiana Rugby ha scelto,dunque, Pergine Valsugana come quartier generale dove prepararsi in vista della coppa del Mondo che porterà la nazionale verso la tappa in Giappone a partire dal 22 settembre 2019. I 44 giocatori selezionati dal Commissario tecnico Conor O’Shea si ritroveranno nella giornata di oggi, presso il comune in provincia di Trento, per dare l’inizio verso l’avvicinamento all’appuntamento con l’importante torneo in Giappone. La strada che porta alla nona edizione della Rugby World Cup, per la Nazionale Italiana Rugby allenata da Connor O’Shea, è iniziata questo pomeriggio all’Hotel ”Al Ponte” di Pergine Valsugana, in provincia di Trento.E’ questo il secondo quartier generale scelto dal commissario tecnico azzuro e dal suo staff, grazie alla partnership tra FIR e Trentino Marketing, per preparare la lunga trasferta d’autunno nella terra del Sol Levante e, prima ancora, la serie di test-match di preparazione alla rassegna iridata.

potrebbe interessarti ancheRugby, Italia-Russia 85-15: vittoria facile per gli azzurri che dominano per tutto il match

In una riunione collettiva tenuta da O’Shea ha illustrato in serata agli artisti presenti, dei tanti quattro atleti erano assenti. I soli tesserati all’Estero, il programma di lavoro per i quattro momenti di lavoro previsti in Trentino tra giugno e luglio, che proseguiranno poi in agosto con la sfida all’Irlanda il 10 a Dublino e contro la Russia il 17 nl cattolica test match di San Benedetto del Tronto. Una formazione che sicuro andrà bene e sarà il fiore all’occhiello dell’intero movimento che vuole far bene e senza indugiare particolarmente. Certo vincere in Coppa del Mondo non è facile contro i blasoni che parteciperanno ma almeno qualificarsi per il passaggio del turno si può.

notizie sul temaRugby, Irlanda-Italia 29-10: nel Test Match facile vittoria dei padroni di casa grazie a cinque a meteRugby Sei Nazioni, Italia-Francia, 14-25: cinque sconfitte su cinque per gli Azzurri. Cucchiaio di legno per gli uomini di O’SheaItalia-Francia streaming gratis e diretta tv DMAX Rugby-Sei Nazioni, oggi 16 marzo dalle 13.30
  •   
  •  
  •  
  •