Scherma, Roma è in festa: tributo ai medagliati

Pubblicato il autore: Jacopo Chiodo Segui

olimpiadi-londra-2012-scherma-sciabola-italia-586x391

Abbiamo gioito per le loro imprese, lo hanno fatto anche loro al termine di competizioni che li hanno visti chiudere da campioni, con una medaglia al collo, per la scherma italiana questa è stata una giornata speciale, una giornata di festa.

Al Salone d’onore del Coni a Roma, è stata organizzata una festa-per celebrare i riconoscimenti ottenuti da quelli che sono i migliori interpreti italiani di scherma, alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Rio.

potrebbe interessarti ancheSuccesso a Napoli per il premio giornalistico Mimmo Ferrara

Un evento a cui hanno partecipato, oltre agli atleti, tanti personaggi istituzionali importanti, a partire dal presidente della Federazione Giorgio Scarso, il primo a prendere voce spendendo parole al miele per tutti coloro che hanno lavorato e lavorano tutt’ora per mantenere sempre alto il livello delle prestazioni Italiane in questa disciplina: “Ringrazio Malagò, Pancalli e tutto il mondo della scherma. Tutti coloro che permettono a questi atleti di onorare il nostro paese. Chiudiamo un ciclo olimpico, ma già da un mese ne è iniziato uno nuovo. I nostri atleti stanno girando il mondo e sono pronti a onorare ancora l’Italia”.

A dire la verità, di spedizioni più gratificanti ce ne sono state parecchie, in ogni caso, il presidente del Coni Giovanni Malagò, nonostante i non certo eccezionali risultati ottenuti in Brasile, dove solo quattro azzurri sono saliti sul podio, trovando il peggior risultato da Atlanta 1996, ha voluto difendere gli azzurri, snocciolando dati, numeri e statistiche che hanno funzionato da parafulmine alle critiche dei delusi, di chi si aspettava qualche medaglia in più: “Il mio è un intervento tecnico, perché ho fatto dei ragionamenti con i ragazzi del centro studi. Spesso si parla dell’aumento della competitività in ogni disciplina olimpica. L’Italia ha vinto 125 medaglie nella scherma, 49 d’oro, 43 d’argento e 33 di bronzo. Al secondo posto c’è la Francia e al terzo l’Ungheria. Ma in 20 anni è cambiata la geografia olimpica della scherma. Prima il medagliere era soltanto un affare europeo, ora vincono anche gli asiatici e gli americani. Nonostante questo, l’Italia mantiene salda la sua leadership. Siete l’orgoglio dello sport italiano”.

Il messaggio più bello, come era lecito aspettarsi vista la posizione che occupa, arriva da Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico: “Quando il presidente Scarso ha accolto la scherma paralimpica, mi ha fatto capire che non era una cosa di cui si doveva preoccupare. Se ne è occupato con entusiasmo. C’è una simbiosi fra Comitato olimpico e paralimpico e mi auguro che negli anni si continuino a celebrare i trionfi di questi atleti. Le più belle medaglie saranno quelle che non vedremo mai: perché attraverso questi campioni potremo far avvicinare alla scherma tanti ragazzi che hanno avuto un incidente e che pensano che la loro vita sia finita”.

potrebbe interessarti ancheItalia a tutto sport. O forse no?

Solo successivamente arriva il momento degli atleti, cominciando con il vincitore dell’oro nel fioretto individuale, Daniele Garozzo, premiato con un orologio, rivive per qualche istante le emozioni di quel giorno, tanto rincorso, tanto sognato: “L’abbraccio con mio fratello Enrico dopo la medaglia è il ricordo più bello della mia vita. Abbiamo un rapporto litigioso, ma abbiamo sempre combattuto insieme”.

Un grande ringraziamento alla federazione arriva poi da Rosselle Fiamingo, “ci ha cresciuto e ci ha allevato” dice l’argento nella spada individuale. Elisa Di Francisca, invece, argento nel fioretto pensa a Norcia e ai suoi abitanti, quelli di una terra sempre ospitale con il suo campo scherma. Ringraziamenti un po’ per tutti, Enrico Garozzo, Paolo Pizzo, Andrea Santarelli e Marco Fichera, secondi nella spada a squadre, poi Loredana Trigilia e Andrea Mogos, oltre a Bebe Vio, accolta con un ovazione incredibile.

notizie sul temaMondiali Scherma, Foconi vince l’oro nel fioretto maschileMondiali Scherma, Navarria vince l’oro nella spada donneIl mondo della scherma e Salvatore Sanzo
  •   
  •  
  •  
  •