Coppa del Mondo di Scherma – Navarria primo oro azzurro, Foconi d’argento

Pubblicato il autore: Gianni Succu Segui

Prosegue spedito il programma della Coppa del Mondo di scherma, che nel weekend ha proposto due round contemporanei: la spada femminile a Tallin in Estonia e il fioretto maschile a Il Cairo in Egitto.
Protagonista assoluta è stata Mara Navarria, in grado di salire sul gradino più alto del podio nella prova estone e guadagnare, insieme alle altre ragazze della squadra azzurra, l’argento nel team event. Gioia anche per quanto riguarda i ragazzi del fioretto, in grado di salire sul podio sia a squadre (sconfitta in semifinale e quindi bronzo) che con Alessio Foconi, argento nel torneo individuale.

Coppa del mondo di Scherma Tallin – Torneo individuale Spada

Dopo la fase eliminatoria del venerdì, sono state 8 le spadiste azzurre a raggiungere il tabellone preliminare delle 128 per affrontare i due turni di accesso al Main Draw. Uno scontro tra connazionali nel secondo turno ci ha privato di Luisa Tesserin, eliminata dalla ben più accreditata Giulia Rizzi, mentre Federica Isola ha salutato nel match decisivo contro la statunitense Amanda Sirico (più di 200 posizioni di differenza nel ranking non si sono viste) e Alice Clerici ha perso al primo turno con la forte rappresentante USA Anna Van Brummen.
Sono diventate dunque 9 le nostre rappresentanti tra le top 64, tra cui ovviamente la vice campionessa olimpica Rossella Fiamingo.
Primo turno e subito derby per la numero 21 al mondo Mara Navarria e la giovane Nicol Foietta con risultato finale mai in discussione (15-6); sfortunata invece Brenda Briasco, sconfitta all’ultima stoccata in un match alla sua portata contro la russa Okhotnikova, mentre più nette sono state le sconfitte di Alberta Santuccio (8-15 dalla cinese Lai) e Marta Ferrari (15-9 dalla brasiliana Moellhausen).
Ai sedicesimi di finale salutavano invece Giulia Rizzi e Roberta Marziani, pur lottando contro avversarie ben più avanti nella classifica mondiale, il che portava 3 nostre portacolori tra le prime 16 del torneo.
La fin qui splendida Eleonora De Marchi (116° posizione del ranking) si è dovuta arrendere per 13-14 contro la svizzera Staehli, sfiorando un successo che le sarebbe valso un derby nei quarti contro la sempre più consistente Mara Navarria, in grado di schiantare per 15-8 la numero 2 del mondo Ewa Nelip in un incontro senza appello. Nemmeno la Fiamingo è stata in grado di portare a due le rappresentanti tricolore nei quarti di finale, perdendo ampiamente dalla ucraina Bezhura.
La cavalcata trionfale della Navarria è proseguita con la svizzera Staehli e poi con la numero 3 al mondo Szasz-Kovacs, rappresentante dell’Ungheria. Alla nuova impresa della 32enne di Udine si è infine aggiunto il trionfo per 12-15 sulla russa Tatiana Gudkova, che le è valso il terzo scalpo top5 del ranking mondiale e un bellissimo oro.

Navarria foto bizzi

Mara Navarria a Tallin – Foto Bizzi

Coppa del mondo di Scherma Tallin – Torneo squadre Spada

Le ragazze della spada viaggiano spedite, sull’onda dell’impresa di sabato firmata Mara Navarria, e con un’impresa altrettanto importante raggiungono una fantastica finale nel torneo a squadre del primo round della coppa del mondo di scherma a Tallin.
Dopo aver regolato abbastanza agevolmente il Giappone negli ottavi di finale (45-31 il punteggio), la squadra azzurra, capitanata da Rossella Fiamingo ha avuto la meglio sulle temibili russe nei quarti di finale chiudendo a 45 con 7 punti di scarto, per poi sconfiggere in una gara tiratissima dalla prima all’ultima stoccata le fortissime cinesi per 44-43 e guadagnarsi la Francia in finale.
La gara per l’oro ha visto le nostre avversarie cercare subito di scappare fino al 25-18 con cui si è superato il giro di boa del quinto affondo. Da qui le nostre ragazze hanno provato a cambiare marcia riportando la gara in perfetta parità all’inizio dell’ultimo assalto di Rossella Fiamingo che veniva però travolta da Marie-Florence Candassamy. 43-39 il risultato finale, con le transalpine sul podio alto e le nostre ragazze d’argento.

Coppa del mondo di Scherma Il Cairo – Torneo individuale Fioretto

Identica formula, ma con meno partecipanti, per il torneo individuale maschile di fioretto nel primo evento della coppa del mondo di scherma maschile in questa stagione. Dei 6 atleti azzurri impegnati nella fase preliminare del sabato mattina (tutti direttamente ammessi al secondo turno), solo 4 sono riusciti ad accedere al tabellone principale, in seguito alle eliminazioni di Francesco Ingargiola contro il russo Arslanov, che lo precede di un centinaio di posizioni nel ranking, e dell’olimpionico Valerio Aspromonte, sorpreso dal giapponese Ryo Miyake.
Main draw con, come per le ragazze, 9 nostri rappresentanti tra i primi 128. Nella seconda metà del tabellone l’inizio è stato molto incoraggiante, grazie a 5 vittorie su 5, mentre il lato alto ha visto il solo Andrea Cassarà raggiungere il secondo turno, per via delle eliminazioni di Lorenzo Nista (9-15 contro Carlos Llavador), Alessandro Paroli (schiacciato dal rappresentante di Hong Kong Cheung) e Damiano Rosatelli (fuori contro il tedesco Sanita).
Il percorso di Cassarà e Giorgio Avola è stato netto fino ai quarti, dove hanno sofferto l’eliminazione per mano dell’inglese Richard Kruse (10-15) il primo e dello statunitense Race Imboden (15-6) il secondo, mentre Francesco Trani si è dovuto arrendere al francese Sido all’ultima stoccata negli ottavi di finale. Due derby, uno vincente e uno perdente, per Edoardo Luperi, che dopo aver superato Guillaume Bianchi per 11-15 si è dovuto arrendere allo strapotere di Alessio Foconi (sempre 11-15 il risultato), che ha poi vendicato la sconfitta di Trani contro Sido nei quarti di finale. La semifinale al cardiopalma ha visto trionfare l’aviere romano contro Imboden per 15-11, ma nello scontro per l’oro, il bravo Alessio si è dovuto arrendere al britannico Kruse, vincitore con un netto 15-5.

Forconi foto bizzi

Alessio Forconi a Il Cairo – Foto Bizzi

Coppa del mondo di Scherma Il Cairo – Torneo squadre Fioretto

I ragazzi del fioretto azzurro si fermano in semifinale, sconfitti 42-45 dagli Stati Uniti, dopo essersi liberati della Germania nei quarti con un larghissimo 45-27 e della Gran Bretagna negli ottavi con un ancor più largo 45-24. Nell’incontro per l’oro gli statunitensi hanno strapazzato la Russia vincendo 45-26 nella prima finale della coppa del mondo che non ha visto l’Italia coinvolta.

  •   
  •  
  •  
  •