Sci di Fondo, Pellegrino non sta nella pelle: “Ho realizzato un sogno”

Pubblicato il autore: Nunzio Corrasco
Sci alpino Pellegrino

Sci alpino, Pellegrino non riesce a trattenere la gioia: “Ho realizzato un sogno”

Lorenzo Pellegrino è entrato nella storia dello sport e dello sci italiano. A Lathi infatti, il ventiseieene poliziotto valdostano è riuscito nell’impresa di conquistare la medaglia d’oro nella prova dello sprint di fondo. L’atleta azzurro dunque si è spinto laddove nessun altro era riuscito mai ad arrivare: vale a dire conquistare il titolo iridato di una specialità che normalmente viene dominata dagli atleti del Nord e lascia a tutti gli altri solo il piacere di partecipare.
Pellegrino ha migliorato il più importante risultato ottenuto in passato da un atleta italiano in questa disciplina: il riferimento è a Christian Zorzi che nel 2001 era riuscito a conquistare la medaglia d’argento nello sprint, a Lahti nel 2001.
Dopo la vittoria, com’era prevedibile, il ventiseieenne valdostano si è lasciato andare ad una gioia incredibile ed ha raccontato le sue emozioni ai microfoni de “La Gazzetta dello Sport”, mostrando tutta la sua soddisfazione per un traguardo che rincorreva da tempo e che ora è riuscito finalmente a conquistare: “Ho realizzato un sogno. Sono veramente contento, ho usato la testa per tutta la gara. Tantissimo merito va ai tecnici dei materiali perché avevo degli sci fantastici. Non mi restava che aspettare il momento giusto e attaccare e così ho fatto”

Pellegrino ha poi raccontato le emozioni vissute nel corso della giornata che gli ha poi regalato la gioia più grande, ricordando i tantissimi sacrifici fatti per poter arrivare perfettamente in forma a questo appuntamento: “E’ stato fantastico fare questa gara in notturna e fra i miei tifosi. Oggi la giornata è stata un po’ lunga. Mi sono svegliato presto, poi ho dormito un paio d’ore, quindi una buona pasta italiana e poi eccomi qui a vincere. È stato bellissimo, tutti sono felici e sono sensazioni che mi porterò dentro per tutta la vita. Mi alleno da aprile per questa giornata. Anche il quarto posto della scorsa domenica ha fatto la sua parte. sapevo che i materiali sarebbero stati importanti. Oggi, ogni pezzo della squadra ha dato il massimo e quando il massimo vuol dire campioni del mondo è il massimo. Sapevo che questa era la mia chance, è stata una giornata tosta.

Infine l’atleta azzurro ha svelato la soddisfazione avuta nel momento in cui ha saputo che la gara si sarebbe corsa di notte ed ha sottolineato come l’esperienza abbia giocato un ruolo fondamentale nel suo trionfo: “Ero contento quando ho saputo che si correva in notturna perché l’attenzione è tutta sugli atleti. C’era questo vento che poteva essere fastidioso, ma le gambe giravano e non mi restava che aspettare gli ultimi 100 metri per attaccare. Negli anni ho fatto tanta esperienza. Io studio molto, dai miei errori e dagli altri. Oggi l’esperienza ha fatto la sua parte. L’unico mio obiettivo era dare il meglio di me stesso e penso che tutti abbiano fatto lo stesso”.

Riviamo insieme le fantastiche emozioni della vittoria di Pellegrino che è valsa all’atleta azzurro la medaglia d’oro nella prova dello sprint di fondo ai mondiali di Lahti e lo ha fatto entrare di diritto nella storia di questo sport:

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •